Coste (Cima alle) Mas que nada

difficoltà: 6c / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 150
sviluppo arrampicata (m): 350
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pardes_18
ultima revisione: 17/01/10

località partenza: Lago pesca sportiva Bagattoli (Dro , TN )

punti appoggio: Campeggio ad Arco

note tecniche:
Condivide con altre recnti vie della parete il noioso superamento dello zoccolo basale. Poi offre sempre ottime lunghezze con chiodatura sicura e abbondante. Sassi mobili lungo il percorso, fare attenzione!

Avvicinamento: Una volta presa la strada per il lago proseguire a sinistra su sterrato. Alla sbarra a destra in discesa fino a comodo parcheggio. Da qui si segue la strada forestale in direzione di Arco. In prossimità di un grosso sasso prendere a destra e seguire i bolli blu sugli alberi.

descrizione itinerario:
Attacco. Tenendosi faccia a monte l’attacco di trova alla destra del diedrino iniziale della Dino S., tipica scritta con nome a vernice in riquadro rosso

L1:Partenza in diedro appoggiato su roccia scomposta, poi piccola parete verticale con passi tecnici, facile uscita, 6a+:
L2: Concatenabile con il primo, è quasi in orizzontale;
L3: Questo tiro porta finalmente fuori dallo zoccolo basale, facili risalti e poi flebile traccia di sentiero verso destro che conduce a una vasta placconata dove risalta uno spit giallo, 4, I;
L4: Tiro su placca con sezione difficile ma ottimamente chiodata, molto godibile, 6c;
L5: Breve muretto a listoni, facile ma non banale, 5c…
L6:… si può proseguire, per gli amanti del doppiaggio dei tiri, sulla seconda lunghezza, rinviando con un dispositivo lungo la sosta, poi ancora placca, molto bella e solida, in alto più tecnica, 6b;
L7: Da comoda sosta breve ma intesa traversata che richiede agile disposizione a tenere piccole asperità, 6b;
L8: Bellissima fessura verticale, chiodata anche con troppa generosità, quando la fessura si spenge delicata sezione su muro verticale con passi in aderenza, 6b+;
L9: Ultima sezione impegnativa su piccoli “stondi”, poi più semplice, 6b+, 6a;
L10: Traverso ascendente verso sinistra, sosta su albero più spit, in basso a sinistra si vede la sosta di calata.

P.S. Fare attenzione ai molti sassi in equilibrio instabile.

Discesa: Così proposta:
Tre calate con corda da 60metri fino alla base del tiro di 6c, poi a piedi in direzione della base del tetto di Profondo Bush, ancora a piedi fino a sosta con spit rosso (della via PB, che ha due tiri più o meno orizzontali su ghiaione) ben visibile dall’alto, da questa ancora a piedi fino ad alberello a sinistra (faccia a valle) che si staglia sul vuoto, alla base di questo sosta di calata che con 60 metri riposta esattamente alla partenza