Argentea (Monte) da Campo, via diretta

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 120
quota vetta/quota massima (m): 1083
dislivello salita totale (m): 980

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura
vodafone : 100% di copertura
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 60% di copertura

contributors: pbianco kaneski
ultima revisione: 12/05/16

località partenza: Campo (Arenzano , GE )

bibliografia: A.Parodi, I monti del Beigua

descrizione itinerario:
Dal casello di Arenzano dell'autostrada Genova-Savona si gira a destra per Cogoleto. Appena superato il dosso della Colletta si prende a destra una strada che scende in Val Lerone (indicazione per la zona industriale). Si prosegue sempre lungo la rotabile risalendo la valle fino alla località Campo. Si consiglia di parcheggiare prima di arrivare in paese.
Il percorso escursionistico è contrassegnato da una stella bianca.
Si inizia imboccando a destra una strada sterrata. Superati alcuni tornanti si giunge su un costone, dopodichè si segue un ripido sentierino a destra.
In breve si incontra un sentiero orizzontale, detto "dell'Ingegnere", contrassegnato da una I rossa in campo bianco, che si segue verso destra per alcuni minuti, dopodichè si sale a sinistra seguendo un ripido sentiero segnalato con la stella bianca.
Il sentiero sale fra boschetti di pini e prati sassosi, tenendosi sul fianco orientale della cresta che fa capo alla Rocca Turchina, fino ad arrivare in cresta (bel panorama sul Monte Rama) e, successivamente, ad un altro colletto da cui si intravede in fondo la cima; si continua lungo il sentiero che si fa ora meno ripido.
Si sale ancora verso nord su ampi prati, puntando ad un colletto (Collettassa, 932 m) dove si incrocia il sentiero segnalato con la A rossa in campo bianco.
Da qui si sale per l’ultimo ripido pendio seguendo il sentiero fra alberi e massi, fino a sbucare sulla vetta.

In discesa conviene seguire il percorso normale dell’Argentea, ,seguendo il sentiero (segnato da un triangolo rosso pieno) che scende verso nord lungo la cresta, fino ad incontrare il cartello "rif Leveasso" che manda a sinistra verso il Rifugio Padre Rino, che si raggiunge in breve scendendo sul sentiero per ripidi pendii erbosi.
Arrivati al rifugio (fontana) si prende il sentiero che parte davanti alla fontana e lo si segue verso destra (faccia a valle). Dopo poche decine di metri si incontra di nuovo il triangolo rosso pieno che mantenendosi a mezza costa sul versante sinistro del vallone del rio di Lerca, porta alla strada sterrata che si è seguita per il primo tratto di salita.