Noire (Ouille) da Pont de l'Aiguilette/Pont de Neige

difficoltà: MS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Ovest
quota partenza (m): 2476
quota vetta/quota massima (m): 3357
dislivello totale (m): 900

copertura rete mobile
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 100% di copertura

contributors: luposolitario53 Andrea81
ultima revisione: 30/05/09

località partenza: Ponte de l'Aiguilette/Pont de Neige (Bonneval-sur-Arc , 73 )

accesso:
Da Susa via Colle del Moncenisio, si raggiunge Bonneval sur l'Arc. Da qui si prosegue lungo la strada per il Col de l'Iseran, fino al Pont de la Neige (se la strada è aperta), dove si posteggia comodamente a bordo strada

note tecniche:
Generalmente la strada per il Col de l’Iseran viene aperta ad inizio giugno. La località di partenza dipende dallo stato di apertura della strada.
A dispetto del dislivello contenuto, la salita ha uno sviluppo significativo.
E’ anche possibile salire dal Pont de l’Aiguillette o da Pied Montet, risalendo il canalone che conduce alla base dei pendii finali e si congiunge con il percorso del Pont de la Neige (se si parte da Pied Montet aggiungere 200 m di dislivello).

descrizione itinerario:
al Pont de la Neige, si scende ad attraversare il torrente dove possibile in base all’innevamento, per poi risalire un ripido pendio sul lato opposto di circa 150 m di dislivello, che dà accesso al vallone di salita vero e proprio. Una volta che le pendenze si abbattono si vede sullo sfondo la meta (caratterizzata da una barra rocciosa nera sulla destra). Si risale dolcemente il vallone con qualche breve sali scendi per dossi e pianori, raggiungendo la base dei pendii finali sotto al colletto (riconoscibile per un grosso masso squadrato). Le pendenze aumentano, si risalgono i bei pendii da destra verso sinistra, raggiungendo un marcato avvallamento del terreno, dopo il quale si volta a destra, e con traverso ascendente si risale il pendio raggiungendo il colletto nel punto di accesso che si ritiene più agevole. Questo percorso fino al colletto è valutabile MS. In alternativa vi è la possibilità di evitare i due traversi, risalendo il pendio in maniera più diretta, in questo caso è valutabile BS (eventualmente con ramponi con neve dura).
Dal colletto si percorre in piano l’ampia cresta verso destra (nord) con la cima ben visibile.
Terminata la parte pianeggiante, in base alle condizioni della neve, conviene calzare i ramponi (piccozza può tornare utile) e risalire per il filo di cresta, che a seconda dell’innevamento può risultare più o meno affilato in alcuni tratti, pur non presentando mai eccessiva esposizione.
Si raggiunge la base di un gradino roccioso di 10 m, ben scalinato, che si può risalire direttamente oppure aggirare sulla sinistra per il pendio nevoso che si affaccia sul vallone dell’Ecot. Ripreso il filo di cresta, questa diventa più ampia e comoda ed in breve conduce al panettone nevoso della cima.