Moregallo (Monte) Canalone Belasa

difficoltà: EEA   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 290
quota vetta/quota massima (m): 1276
dislivello salita totale (m): 950

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Taglia76 il.bruno
ultima revisione: 08/12/11

località partenza: Belvedere (Valmadrera , LC )

note tecniche:
Bell'itinerario in ambiente selvaggio a due passi da Milano.
Si tratta di un canalone che dal fontanino di Sambrosera punta diretto alla vetta del Moregallo. E' molto meno frequentato di altri percorsi su questa montagna, anche per una sua presunta fama di percorso difficile. In realtà, l'unica difficoltà è la ripidità, le attrezzature presenti consentono di muoversi in sicurezza nei passaggi rocciosi, e possono tranquillamente non essere usate, divertendosi ad arrampicare su difficoltà contenute (max III+) in passaggi di pochi metri, con roccia buona e non unta. I passaggi rocciosi privi di catene non arrivano al II grado.
L'itinerario è ottimamente segnalato con grossi bolli rossi e frecce rosse.
Tra l'altro questa rappresenta la via più diretta alla cima del Moregallo (escludendo le creste alpinistiche)

descrizione itinerario:
Dalla località Belvedere di Valmadrera, salire i due tornanti cementati fino alla cappelletta VARS. Qui, seguire le indicazione per Sambrosera (segnavia 6 e 7). La mulattiera, ben segnalata, sale nel bosco e conduce in circa 30-40 minuti al fontanino di Sambrosera, crocevia di numerosi itinerari.
Seguire le indicazioni Canalone Belasa, e iniziare a salire nel bosco per ripida ed esile traccia, in parte seguendo il letto di un ruscello, seguendo i numerosi segnavia rossi.
La traccia guadagna quota rapidamente, e raggiunge l'imbocco del canalone, dove si trovano le prime catene.
Si segue il canalone con divertenti passaggi, in parte attrezzati, in parte no, ma comunque mai pericolosi. Non vi sono possibilità di sbagliare.
Si prosegue fino ad un bivio, caratterizzato da una palina con cartello. Qui si può decidere: a destra si guadagna la parte terminale della cresta OSA (alpinistica), mentre a sinistra, seguendo i segnavia e le indicazioni della palina, si raggiunge in breve l'itinerario di cresta del Moregallo (segnavia 6). Per quest'ultimo, con ancora qualche breve tratto attrezzato, si tocca infine la vetta, caratterizzata dalla presenza di una croce e di una madonnina.

Discesa: diverse possibilità: o si percorre la cresta di salita (itinerario 6, indicazioni per Pianezzo) fino alla bocchetta delle Moregge, e da qui, per sentiero (segnavia 7) si rientra a Sambrosera, oppure (cosigliato) si scende dalla vetta per sentiero (segnavia 6, indicazioni per Valmadrera Preguda) fino alla bocchetta del Moregallo. Da qui, per sentiero (segnavia 6, indicazioni Sambrosera) si scende a Sambrosera, oppure (consigliato), si prosegue in cresta (segnavia 6, indicazioni Preguda), risalendo leggermente sulla sommità del torrione Quattordio, sbucando sul versante Valmadrera. Dopo qualche centinaio di metri di discesa, si incontra il bivio per il sentiero Paolo ed Eliana. Prendere questo sentiero che, con bellissimi panorami, percorre in discesa tutte le pendici del Moregallo. Si tralascia un bivio per Preguda e si giunge in breve in località Forcellino. Qui occorre proseguire dritti, (segnavia, ma no indicazione), tralasciando il sentiero numero 5 che conduce a Preguda (sinistra) o a Sambrosera (destra). Il sentiero Paolo ed Eliana prosegue scendendo tutto il costone del Forcellino e riconduce direttamente sul sentiero di salita, poche centinaia di metri sopra la cappelletta VARS.