Coste (Cima alle) Casino Royale

difficoltà: 6c / 6b+ obbl
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 150
sviluppo arrampicata (m): 450

copertura rete mobile
dato non disponibile

ultima revisione: 26/04/09

località partenza: Lago pesca sportiva Bagattoli (Dro , TN )

punti appoggio: Campeggio ad Arco

note tecniche:
Itinerario bello e sostenuto, soprattutto nella parte centrale. Le prime lunghezze poco interessanti , quelle di uscita sono estetiche ma presentato tratti con sassi instabili

Avvicinamento:
Una volta presa la strada per il lago proseguire a sinistra su sterrato. Alla sbarra a destra in discesa fino a comodo parcheggio

descrizione itinerario:
Attacco. Tenendosi faccia a monte l’attacco di trova alla destra del diedrino iniziale della Dino S., tipica scritta con nome a vernice in riquadro rosso

L1. Traversata ascendente con presenza di detriti, 5a;
L2. Appena più in verticale con bella uscita, 5c ;
L3. Tiro di trasferimento, puntare decisamente a sinistra e in basso, si notano le soste del tiro successivo, cordone rosso in alto e giallo in basso;
L4 + L5 Un cordone su alberello indica il percorso. Bella fessura a destra, anche se friabile, poi verso sinistra in placca fino alla sosta su terrazza, 5b, 6a, 5c;
L6. Bella placca con movimenti eleganti, un moschettonaggio, poco intuitivo, sosta sotto piccolo tetto, 6a;
L7. Partenza decisa con la protezione che si raggiunge dopo il bloccaggio, si prosegue su bella placca, 6a;
L8. Difficile partenza su sottile fessura, in parte erbosa e protetta da un primo chiodo. Piedi sono sul "nulla". La chiodatura è più lunga fino al muro nero verticale, ben protetto,6b;
L9. Placca verticale impegnativa fino all’uscita su comoda cengia, 6b;
L10. Ancora un tiro impegnativo, sezione su bombamento con piccole tacche oblique, 6c/A0;
L11. Placca più semplice, in alto però la parete si fa più polverosa ed occorre buon equilibrio ed intuito, 5c/6a;
L12. Si abbandona “Lo scudo” e si attacca un castelletto giallo marrone. Bel diedro di stampo classico, chiodi e spit, 6a;
L13. Prosegue il diedro molto verticale ed aereo, sosta su ballatoio esposto, 5c;
L14. Non proseguire per il diedro, perno filettato che indica un tentativo abbandonato, ma affacciarsi a sinistra da dove si vede spit con cordone. Si prosegue per netti risalti fino a cengia scoscesa con alberello di sosta finale, 5a.

Discesa: Per tracce appena accennate verso destra che conducono fuori da intricata vegetazione. Si attraversano caratteristici scivoli rocciosi. Due ometti a forma di portale introducono al bosco che si vince al meglio fino a incontrare il sentiero che riporta al lago.