Bocchetta di Pesciola Da Moggio

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 880
quota vetta/quota massima (m): 1780
dislivello salita totale (m): 900

copertura rete mobile
wind : 80% di copertura

contributors: benedetto
ultima revisione: 16/09/07

località partenza: Moggio (Moggio , LC )

note tecniche:
Breve gita su sentieri quasi sempre ben segnati ma non segnalati.
Permette di raggiungere il vallone dei Camosci o il sentiero degli Stradini.

descrizione itinerario:
Da Moggio parcheggiare nei pressi dell’ufficio postale. Si seguono le indicazioni per il sentiero 24 del rifugio Cazzaniga. Dopo una breve salita in cemento si raggiunge uno sterrato che proviene da sinistra. Si possono ora seguire due percorsi.

a) Si segue lo sterrato verso destra per una ventina di metri.
A sinistra un sentiero non segnalato ma ben tracciato risale il bosco sino ad una cappelletta ed un alpeggio (“i Cornisei”), m. 1150.
Qui il sentiero si confonde con tracce di bestiame, si punta alla più alta delle casette ristrutturate che si scorgono, oltre la quale il sentiero riprende e continua in cresta nel bosco di nuovo ben tracciato.
Poco più in alto si arriva ad un incrocio di più sentieri e ci sono dei segnali a vernice.
Un sentiero prosegue per il crestone, altri scendono.
Si prosegue per quello quasi pianeggiante che taglia il versante orientale del monte, si supera un bivio con un sentiero che scende e in breve si arriva ad un grosso ometto dove inizia la salita verso la bocchetta di Pesciola (ore 1,20).

b) Si continua per lo sterrato seguendo i segnali con il numero 24.
Si passa un alpeggio (“il Faggio”) da dove si scorge la bocchetta di Pesciola, si entra in un bosco per uscirne subito e risalire dei prati che portano ad una baita in muratura.
Si entra in un bosco di faggi e betulle e, dopo poco, si arriva ad un bivio segnalato da un ometto (45 minuti).
Si lasciano a destra i segnavia per il Cazzaniga e si segue (sorgente dopo qualche metro) un bel sentiero che risale il bosco, oramai solo di faggi, con qualche albero centenario, con rare segnalazione su alberi e qualche ometto.
Lasciata a sinistra un costruzione seminascosta il sentiero svolta a destra lungamente per poi ritornare a sinistra e arrivare alla baita Pesciola bassa, ristrutturata dai cacciatori locali, con una fontana, alimentata da una sorgente nei pressi.
Si continua sino a raggiungere il grosso ometto e il sentiero che sale alla bocchetta di Pesciola (ore 1,30).

Si prosegue per esso salendo i pendii che portano, lasciata a destra la baita Pesciola alta (lapide a ricordo di partigiani uccisi dai fascisti), alla bocchetta di Pesciola (m. 1780 c.) che si affaccia sui Piani di Bobbio, a pochi minuti dal rifugio Lecco (ore 2,30).