Guà o Goà (Punta) da Estoul

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1815
quota vetta/quota massima (m): 2778
dislivello salita totale (m): 1050

copertura rete mobile
tim : 40% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: i3fili
ultima revisione: 07/07/08

località partenza: Estoul (Brusson , AO )

cartografia: IGC 5

note tecniche:
Itinerario escursionistico alla cima più negletta della conca di Palasina. Il percorso non presenta difficoltà sino alla base del versante est di Punta Guà. Tale versante è erboso, ma piuttosto ripido e privo di sentiero. Il panorama dalla cima è notevole.

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto nel grande parcheggio situato poco dopo Estoul, si seguano le indicazioni per il rifugio-albergo Arp, fino a reinserirsi sulla poderale poco prima che questa, con una serie di rapidi tornanti, arrivi alle case di Chavanne.

Circa 200 metri dopo Chavanne si incontra un bivio. A destra, si prosegue per l'Arp e i laghi di Palasina. A sinistra, la sterrata perde un centinaio di metri di dislivello e, discesa al torrente Messuere, lo attraversa giungendo alla borgata Lavassey.

Attraversato il ponte si segua a destra il segnavia 4 e successivamente, sempre su sterrato, il 4A fino ad un alpeggio dove la poderale termina. Poco oltre la malga (indicazione su un masso per il lago Bringuez) parte un sentiero che si inerpica in direzione nord-ovest su una costola del Monte Chiapa. Dopo un lungo traverso, il sentiero entra nel valloncello del lago Bringuez e si congiunge al sentiero 3 proveniente da Brusson.

A questo punto (il lago è a pochi minuti) conviene abbandonare il sentiero e attraversare il pianoro in direzione ovest verso le pendici di Punta Guà. Da lì è perfettamente visibile la croce di vetta, che può essere utilizzata come riferimento per la salita del ripido versante est.