Bracco (Monte) Erba Carolina + Diretta Stefano Mulatero

difficoltà: 6b / 5b obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 850
sviluppo arrampicata (m): 550
dislivello avvicinamento (m): 250

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura
tim : 100% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: SAM83
ultima revisione: 07/04/10

località partenza: Monbracco (Sanfront , CN )

punti appoggio: Rifugio Miravidi

note tecniche:
Via lunga consigliata per chi vuole impratichirsi nelle manovre di corda. L'attacco è sul sentiero che porta allo sperone centrale, prima della Intruder e della Diretta Mulatero, a due passi del sentiero: è la via che inizia più bassa. Si salgono i primi tre tiri de L'Erba Carolina quindi si prosegue con La Diretta Stefano Mulatero che si incrocia nel trasferimento fra la prima e la seconda lunghezza (della Mulatero).
Si esce alla croce di San Front, una delle cime del Monte Bracco.

descrizione itinerario:
Si inizia con i primi tre tiri de "L’Erba Carolina"
L1 IV passi di IV+
L2 muretto legg strapiombante un passo di IV+
L3 III+ su placca

Si continua su “Diretta Stefano Mulatero” (indicazioni) che si prende a S1
L2: breve trasferimento a sinistra.
L3: placca con uscita su un torrioncino, 4b
L4: si scollina in un canale e si salgono le placche successive, 4a, 3b
L5: ci si trasferisce un po’ a sinistra.
L6: Muro verticale difficile, azzerabile (spit vicini) poi belle placche. 6b(A0), 5b, 4b
L7: facili placche appoggiate. 3c
L8: facili placche appoggiate. 4b
L9: trasferimento a sinistra in piano, si attraversa un canale e poi placche ripide.
L10: salto verticale, e poi placche e muro un poco aggettante, breve. 4c, 3c
L11: salto verticale, sosta su placche. Tiro corto. 4c, 3b
L12: movimento su muro con lama poi più facile. 5b, 4b
L13: cengia con muretto legg. strapiombante 4b
L14: facile placca 3c
L15: trasferimento a dx
L16: placca abbattuta verso dx 3c
L17: trasferimento a dx
L18: placca inclinata con strapiombino finale
Arrivo alla croce.
Per la discesa proseguire l'ampia cresta fino al piccolo rifugio Mulatero ben visibile dalla croce, quindi su sentiero ben segnalato e poi piegare a sx su sentiero segnato da bolli bianchi e rossi.