Rouget (Tete du) Le tresor de Rackam le rouget

difficoltà: 6c / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 2900
sviluppo arrampicata (m): 450
dislivello avvicinamento (m): 200

copertura rete mobile
altri : 40% di copertura

contributors: podina
ultima revisione: 17/04/10

località partenza: Saint-Christophe-en-Oisans (Saint-Christophe-en-Oisans , 38 )

punti appoggio: Rif. Soreiller 2720 m

cartografia: ign 1:25.000 n. 241

bibliografia: Oisans noveau Oisans sauvage Livre Ouest JM.Cambon

note tecniche:
Parete bellissima e misteriosa, pressochè invisibile dalla valle; conviene pernottare al Soreiller visto il dislivello ragguardevole da Les Etages.
Ambiente decisamente più alpino rispetto alla Dibona e lunghezze su granito eccezionali, tra le più belle ed entusiasmanti su granito mai tracciate dal Cambon. Spittatura corretta ma alquanto parsimoniosa sulle difficoltà classiche (5+/6a)

descrizione itinerario:
Dal Soreiller, si traversa lungamente in direzione sud-est (ometti e tracce) verso la base del versante ovest del Rouget (1h).Si sale alla fine su terreno delicato ad un colletto sino a reperire il primo ancoraggio per discendere sul versante sud (3 doppie, delicato, sassi, attenzione se presenti altre cordate).Si traversa in orizzontale 60 m sino a reperire il 1° spit di sosta da cui parte il primo tiro in comune con la "Diretta Chapoutot".Dalla prima sosta "Le tresor" devia a dx. in pieno muro rossastro e su di un granito da favola
Dalle parole stesse del Cambon "...tutti i passaggi sono interessanti.. ma alcune lunghezze sono veramente eccezionali.."
Totale n. 12 lunghezze fino al 6b/c (6a obbl.)
Discesa:
dalla cima si segue la cresta sud-ovest in direzione del colletto sino a reperire un ancoraggio a spits che permette di effettuare 3 doppie sulla Via delle Placche rosse, si disarrampica ancora per 10 min. sino al colletto da cui si era scesi in doppia alla base della parete