Grand Vallon (Pointe du) da le Suffet

difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1860
quota vetta/quota massima (m): 3133
dislivello totale (m): 1273

copertura rete mobile
dato non disponibile

ultima revisione: 26/10/07

località partenza: Le Suffet, strada Termignon-Bellecombe (Termignon , 73 )

note tecniche:
Di solito a fine aprile sui sale in auto fino a Le Suffet;

descrizione itinerario:
lasciare la strada e salire sui primi prati aperti quindi su un pendio molto aperto di radi e piccoli larici, puntando ai fienili visibili salendo un pendio alquanto ripido; con salita obliqua a sinistra puntare al dosso più a sinistra della Crete de la Turra che si raggiunge per bellissimi pendii aperti; dal dosso proseguire sulla cresta verso nord-est scendendo per una quarantina di metri ad un colletto; da questo salire per gli evidenti ampi pendii fino alla vetta; ad un'anticima si lasciano gli sci e per la vetta con ometto si percorrono a piedi una piccola comba a sx, un colletto e una piccola rampa finale.
Panorama grandioso a 360° su tutte le vette della Vanoise. In discesa scendere fino al colletto, da questo scendere a dx (ovest) su stupendi pendii fino ad un pianoro, quindi spostarsi diagonalmente a sinistra fino ai fienili prima citati e da questi ripercorrere l'itinerario di salita:
Qualora dal colletto non si valutassero sicuri i pendii ad ovest converrà risalire i 40 metri della Crete de la Turra e continuare sull'itinerario di salita.
Con la strada aperta oltre le Suffet, con neve sicura, dal colletto è possibile effettuare una magnifica discesa diretta sui pendii ad ovest fino alla strada nei pressi di un ponte.
Con perfette condizioni di neve e in prima mattinata è possibile scendere direttamente dalla vetta i ripidi pendii sud-ovest detti Cote Chaude, fino al ponte sopradetto.
Dalla vetta è possibile inoltre scendere:
1) a sud est su ampi pendii (verificare le condizioni della neve) fino al Refuge du Cuchet e da questo di solito per mancanza di neve, a piedi fino a Lanslebourg;
2) dalla vetta con ometto abbassarsi a piedi di alcuni metri ad un colletto quindi scendere per un ampio canale nord fino ad un ripiano quindi effettuare un ampio giro a sinistra senza perdere dislivello e raggiungere il Colle Lanserlia; da questo per ampi pendii raggiungere la strada per Bellecombe.