Lausfer (Cima) Via del ranocchio

L'itinerario

difficoltà: D-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 2350
quota vetta (m): 215
dislivello complessivo (m): 350

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gecko
ultima revisione: 14/05/09

località partenza: S.Anna di Vinadio (Vinadio , CN )

punti appoggio: S.Anna di Vinadio

note tecniche:
Cosso E. Marras A. 21/07/07
Via divertente con dificoltà che non superano mai il IV grado. Ad eccezione della prima sosta (su chiodi) la via e completamente da attrezzare. Utili chiodi, nut e fettucce

descrizione itinerario:
La via attacca su evidenti placche che delimitano un evidente canale (ometto)

L1: salire direttamente al centro delle placche superando un breve
risalto subito dopo la partenza (IV-) per poi proseguire su placca ( III
III+) sino ad un secondo risalto lichenato (IV+), aggirabile sulla
destra (III). Proseguire su placca sino alla sosta su cengia ( 2 chiodi)
a sinistra di un giovane larice (45 mt).

L2: salire su placca direttamente sulla verticale della sosta
proseguendo per erba e roccette fino ad una seconda placca che si sale nella parte centrale sfruttando un'evidente fessura (III III+). Uscire su cengia erbosa; sosta su spuntoni ( 45 mt).

L3: per erba e facili roccette raggiungere il colletto alla base
dell'evidente spigolo. Aggirare sulla sinistra lo spigolo e sostare su
ottimo spuntone un pò in alto (20 mt).

L4: salire direttamente sulla verticale della sosta per alcuni metri
(III); obbliquare a sinistra seguendo una piccola ma evidente cengia
(III), e salire il breve muretto (passi di IV) proteggibile con 2 chiodi
e nut in uscita. Raggiungere un terrazzino nei pressi di una nicchia
gialla. Sosta da attrezzare con chiodi (27 mt)

L5: traversare a destra su evidente cengia inclinata (IV); salire lungo
la verticale (III+) sino a portarsi sullo spigolo, seguirlo(III+) fino a
degli evidenti spuntoni su cui sostare (30 mt).

L6: proseguire sulla cresta tra roccette e brevi risalti fino a
raggiungere le placche abbattute a destra dello spigolo (II) e seguirle
con facile arrampicata sino alla vetta (55 mt).

DISCESA: dalla vetta scendere per il sentiero della via normale sino al Colle del Lausfer.