Palù (Piz) Cima Orientale Via Normale svizzera dalla Chamanna Diavolezza

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2995
quota vetta (m): 3905
dislivello complessivo (m): 1100

copertura rete mobile
vodafone : 30% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 100% di copertura

contributors: zulublank ste_6962
ultima revisione: 21/07/10

località partenza: Passo del Bernina (Pontresina , Maloggia )

punti appoggio: Chamanna Diavolezza m. 2973. Tel. 0041 81-8393900

cartografia: carta CNS 1277 - Pizzo Bernina - scala 1:25000

bibliografia: Guida dei Monti d'Italia - Pizzo Bernina - CAI-TCI

note tecniche:
Una delle grandi montagne delle Alpi Centrali, e sicuramente una delle cime più frequentate del Gruppo del Bernina. Si tratta di una piacevole e facile ascensione che si svolge su ghiacciaio a tratti piuttosto crepacciato, ma quasi sempre segnato da una evidente pista. Ci si muove in un contesto glaciale di alta montagna veramente grandioso, e nelle giornate di bel tempo dalla cima è possibile ammirare un panorama vastissimo e spettacolare !
Per il pernottamento al Rifugio della Diavolezza è consigliabile la prenotazione, dato che spesso è affollato e/o pieno !
E' una montagna molto frequentata sia in primavera che nel periodo estivo, generalmente nel mese di luglio si trovano le condizioni migliori per effettuare la salita. Una salita decisamente consigliabile agli alpinisti amanti delle salite medio-facili su ghiacciaio, e adatta anche a comitive e/o gite sociali per il CAI e associazioni simili.

descrizione itinerario:
Dalla Capanna Diavolezza si inizia a seguire verso sinistra un sentiero che volge verso il Piz Trovat. Il sentiero lo aggira a sinistra, per poi scendere su alcuni facili gradini rocciosi, mettendo così piede sul Ghiacciaio del Vadret Pers. Si inizia a risalire il ghiacciaio in piano spostandosi verso sinistra in direzione della parete NO del Pizzo Cambrena, fino a raggiungere un tratto molto crepacciato che va superato con la dovuta attenzione (alcuni crepacci si aggirano, altri si attraversano. Valutare bene le condizioni degli eventuali ponti di neve da attraversare !). Questo tratto sarà anche insidioso ma è spettacolare da vedere. Superato il tratto crepacciato si entra nella conca glaciale compresa tra il Pizzo Cambrena (a sinistra) e il Pizzo Palù Orientale (a destra), qui la traccia sale una ripida rampa inizialmente verso la Fuorcla Pers Palù, ma senza raggiungere il colletto si entra nel valloncello glaciale che porta a raggiungere la cresta NE del Pizzo Palù. Raggiunta la cresta, si prosegue lungo il filo (attenzione, alcuni tratti sono aerei e affilati) raggiungendo prima l’anticima, e poi la vetta del Pizzo Palù Orientale m. 3883. Da questa prima cima si scende per cresta nevosa ad una piccola insellatura e poi sempre lungo il filo con un tratto abba-stanza aereo si raggiunge anche la vetta Centrale del Pizzo Palù m. 3905 (punto culminante). Ore 4,00 / 4,30 dal Rifugio alla vetta Centrale del Pizzo Palù. In discesa si segue lo stesso itinera-rio percorso in salita (prevedere circa 3 ore per rientrare alla Diavolezza).