Gran San Pietro (Torre del) Cresta ESE

difficoltà: AD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 2865
quota vetta (m): 3692
dislivello complessivo (m): 827

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: mountain
ultima revisione: 23/03/10

località partenza: Lago di Teleccio (Locana , TO )

punti appoggio: Bivacco Carpano (Piantonetto) o Bivacco Antoldi (Valeille - Cogne)

cartografia: Carte del Gran Paradiso

note tecniche:
Interessante cresta di salita ad una vetta molto panoramica, con roccia in più tratti discretamente buona; necessita di buona intuizione dei punti di passaggio (osservare bene); presenta alcuni tratti di arrampicata abbastanza impegnativi.
La discesa si effettua scendendo un tratto della cresta nord fino ad un colletto e quindi lungo la costola tra i due canali principali del versante est (roccia mediocre - osservare l'itinerario dal Colle di Teléccio).
E' consigliabile un eventuale pernottamento in tenda nei pressi del Colle di Teléccio m 3.304 dal quale inizia l'arrampicata ed al quale si giunge con la discesa.

descrizione itinerario:
Il Bivacco Carpano si raggiunge dalla Diga del Teléccio (da Rosone, Vall. Piantonetto - Valle dell'Orco), passando per il Rifugio Pontese (4 ore).
Il Bivacco Antoldi m 2.920 si raggiunge da Lillaz (Valle di Cogne) in 4 ore.
Da uno dei due bivacchi raggiungere il Colle di Teléccio (2,15 ore dal Carpano; 2,00 dall'Antoldi) e portarsi verso la base della cresta. Vincere un primo salto arrampicando direttamente o salendo a sinistra su sfasciumi e brevi placche (oppure portarsi sul lato Valeille e salire un ripido canalino di sfasciumi per poi proseguire facilmente verso il muro che segue).
Prima del secondo risalto spostarsi in piano a destra della cresta (Valeille), passare una lama staccata (III+), entrare in un diedro e salire sulla placca fessurata alla sua destra, esposta ed alquanto ripida (III+), continuare la salita su medesimo terreno fino a giungere in un punto dal quale con un traverso esposto a sinistra si superano alcune placche ed un camino impegnativo (IV- 1 ch.) fino a raggiungere il filo di cresta sopra il risalto.
Un successivo muro (meno impegnativo del precedente) si sale direttamente superando alcune placche intervallate da cengette (un passo di III+ su un tratto verticale) e un seguente passaggio facile sull'aereo ed esposto filo di cresta, fino alla base dell'ultimo salto.
Superarlo a sinistra per un breve camino con impegnativa uscita di forza sotto un blocco strapiombante, fino a giungere su comode placche (è pure possibile salire direttamente la cresta aggirando senza percorso obbligato alcuni torrioncini) superate le quali su roccia mediocre, seguendo l'ultimo tratto della cresta Sud-Ovest oppure tenendosi leggermente sul versante Valeille si raggiunge facilmente la vetta.
Dal Colle di Teleccio ore 3,45-4,30.
Discesa: scendere verso il colletto della cresta nord tenendosi sul versante Valeille, disarrampicando su cengette (sfasciumi) e piccoli risalti.
Dal colletto scendere sul versante est (Valeille) percorrendo il filo di una pronunciata costola delimitata da due canali (non scendere mai nei canali - pericolo di caduta pietre) fino a raggiungerne la base, dalla quale facilmente al Colle di Teleccio (dalla vetta al Colle ore 2,30).