Cruvin (Punta) o Cruin da Prarotto

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1437
quota vetta/quota massima (m): 2698
dislivello salita totale (m): 1261

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura
vodafone : 80% di copertura
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Andrea81
ultima revisione: 22/06/09

località partenza: Prarotto (Condove , TO )

punti appoggio: nessuno

cartografia: Fraternali 1:25000 n°4. IGC N.2 Valli di Lanzo e Moncenisio

note tecniche:
Salita che può essere effettuata anche ad inizio stagione o con poca neve in quanto non presenta grosse difficoltà e l'esposizione è favorevole.
Portasi acqua da casa . La fontana alla partenza e' senz'acqua e lungo il percorso non se ne trova.

descrizione itinerario:
Itinerario in comune alla salita della più nota Punta Lunella, è consigliabile concatenarle data la vicinanza.
Dalla Cappella di Prarotto si sale lungo la sterrata che tocca alcune case, poi diventa sentiero che sale velocemente nel bosco, sbucando al pianoro erboso dell'Alpe Formica; da qui si prosegue verso la Rocca Patanua, prima per pascoli erbosi, poi per detriti appena sotto la cima della Patanua che si può evitare continuando lungo il sentiero segnalato. (fin qui solo con ometti)
Dal colletto sotto la cima si perde qualche metri di dislivello, sotto di noi nel vallone del Gravio notiamo la Rocca del Prete.
Arrivati ad un ampio colle erboso dove troviamo un masso con indicato in rosso "fonte",
Attualmente (novembre 2015) la scritta non si trova piu'.
Se si vuole subito salire al Cruin si abbandona il sentiero che continua a mezzocosta verso la Lunella
Al Bivio si notano ometti verso l'alto e si percorre l'ampia dorsale sud ovest. Si arriva alla fonte sotterranea dove termina il sentiero, ma si prosegue lungo vaghe tracce senza difficoltà fino Punta Cruin.
Per chi ha capacità alpinistiche c'è la possibilità di proseguire sulla cresta verso Rocca del Forno, Punta Nonna fino alla Grand'Uja.
Dal Cruin, discesa sul percorso di andata, oppure in direzione della Lunella, raggiungendo il sentiero che passa un centinaio di metri sotto di noi, scendendo sulla facile pietraia.