Bertrand (Tete de) Pente de la Jaline - couloir en S di destra

tipo itinerario: parete
difficoltà: / 5.1 / E3   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1540
quota vetta/quota massima (m): 3193
dislivello totale (m): 1700

copertura rete mobile
dato non disponibile

ultima revisione: 24/04/09

località partenza: La Salce (La Saulce , 05 )

bibliografia: Toponeige - Ecrins Est

note tecniche:
5.1/E3 su 750 m, max. 45°
Discesa stupenda, paragonabile secondo Lionel Tassan al couloir Davin, ma ancor più spettacolare. Vallone selvaggio e molto lungo ma vale pienamente la discesa.

descrizione itinerario:
Risalire in auto il vallone del Fournel fino alla sbarra sul ponte. Da qui, se possibile, proseguire in auto (meglio 4x4 molto agile) fino a Besse-Salce.
Seguire, se innevato, il lungo fondovalle fino ad una gorgia. Risalire i pendii della sn. orografica sbucando, tramite uno stretto canale, sul largo pianoro di Salmiane. Sulla sinistra sono visibili i pendii della Jaline.
Risalirli sulla dx. (come noi) o sulla sn. (via orignale del topo) fino sulla lunga cresta sommitale a seconda dell'innevamento con pendenze che si aggirano dapprima sui 35°, quindi un buon tratto a 40°, quindi, gli ultimi 200 m, sui 45° con un paio di strappetti.
La discesa, con neve bella, è da godere in quanto sono quasi 800 metri tutti di filato.