Malamot (Monte) o Pointe Droset dalla Diga del Moncenisio

tipo bici :: front-suspended
note su accesso stradale :: Nessun problema
Partenza dall’ex dogana con 2°C e prati brinati, la salita è abbastanza regolare e permette di scaldarsi velocemente, in ogni caso la si effettua quasi tutta al sole e non è lunghissima, in poco più di due ore si è al forte.
Non disdegno assolutamente l’asfalto in salita ma percorrere tutta la salita su sterrata rende un percorso di MTB più completo (my opinion), è presente una frana a circa metà salita che obbliga a scendere dalla bici per alcuni metri e, dopo le casermette, alcuni tratti sono con fondo molto smosso e faticoso, anche qui fatti alcuni tratti a piotte, ma sono brevi e si riesce ad arrivare all’ingresso del forte in bici.
Altra bella giornata tersa ma meno calda degli scorsi giorni che obbliga a vestirsi bene per la discesa, fatta seguendo il percorso di salita con possibilità di effettuare diversi tagli per prati, veloce e divertente.

Forte Varisello
Bella sterrata
Qui meno
In alto il forte Malamot passando dalle fortificazioni diroccate
Panorama sulla Vanoise e Gr.Casse, si nota il bunker del centro 8
Al forte
Panorama verso il Rocciamelone
Si pedala fino all'ingresso del forte

[visualizza gita completa con 8 foto]
tipo bici :: full-suspended
Super!! partiti da sotto lo sbarramento della diga con già un bel clima estivo e saliti su bella militare fino in vetta, impegnativo solo appena sotto il colle con tratti molto smossi dove ho perso la pedalata e ho dovuto spingere.
Discesa in cresta verso il Pattacreuse con vista lago, una figata! rientro sto giro subito verso il Variselle e poi su sentiero alle auto.

[visualizza gita completa]
In salita siamo andati prima al Lago Bianco e poi, tornati al bivio, abbiamo ripreso lo sterrato per la cima.
Dal bivio la salita è impegnativa per pendenze e fondo irregolare, in alcuni tratti è più agevole salire a piedi con la mtb al fianco.
In discesa, seguendo la traccia gps postata da Rocciaclimb, siamo scesi sulla dorsale molto bella, tenendosi decisamente a sinistra della sterrato, che dapprima molto ampia poi si restringe, con breve tratto aereo, poco prima della ripida e difficile discesa sul Forte Pattacreuse che in parte abbiamo fatto a piedi.
Bella e rilassante la successiva discesa verso il Lago del Moncenisio e chiusura dell'anello tenendoci sulla sponda sud.



[visualizza gita completa con 10 foto]
tipo bici :: full-suspended
Noi siamo partiti da Bar Cenisio e saliti lungo la sterrata passando vicino ai laghi; giornata fredda e ventosa con una spolverata di neve in cima, sterrata tutta asciutta un po' umida la parte finale.
La strada è per buona parte in buono stato, solo sul finale ci sono dei tratti con fondo molto smosso che rendono impegnativa la progressione.Ambiente magnifico man mano che si sale specialmente la parte verso le casermette, vista sul lago per buona parte della gita. Siamo scesi lungo il sentiero in dorsale dapprima semplice e aereo fino all'ometto di cresta dove si gode un panorama impareggiabile su tutto il lago.
La discesa verso il forte Pattacreuse è molto ripida e su sentiero tecnico (S3-S4, breve tratto S5) e fattibile tutta in sella tranne una decina di metri lineari (almeno per le mie capacità).
Discesa successiva sulla splendida strada militare di accesso al forte e completamento del giro facendo il tour del lago, molto bello così l osi vede completamente.
46km e 1700 di dsl. allego traccia gps


[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Tutto regolare fino a quota 2500 circa, tra dei grossi massi caduti sulla strada in un punto, ma si riesce a passare con la bici a spalle.
Dai 2500 in su ci sono molti tratti su neve dove la strada è a tratti coperta.
Un po' di ravanage con la bici a spalle mentre si sprofonda un po' nella neve, ma ne vale la pena lo stesso

[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
Io sono partito da Giaglione, tanto per scaldare un po' la gamba (oggi veramente non andavo avanti), quindi alla Grand Croix ho seguito lo sterrato sotto la diga, tratto pianeggiante sul barrage per rifiatare un po' e poi inizia la vera salita. Il primo km è in buono stato, poi purtroppo rispetto all'ultima volta che sono stato qui, la strada non ha più avuto manutenzione dai francesi e in più punti sta scomparendo, con profondi solchi scavati dall'acqua, alternati ad altri con parecchie pietre di piccole dimensioni ma che danno abbastanza fastidio. Non è più quindi una salita rilassante, salvo brevi tratti. La situazione migliora un po' in vista dei casermoni a 2600 m, o meglio, non c'è stato peggioramento del fondo, ma qui sono le pendenze ad aumentare la difficoltà. In ogni caso si sta sempre in sella a parte il solito tornante a 2750 m invaso dal pietrame.
Giornata spettacolare, calda ma non afosa, senza una nuvola e senza vento. Discreto numero di bikers (una decina in tutto) e qualche escursionista. Credo purtroppo, salvo interventi migliorativi, che di anno in anno sarà sempre più difficile pedalare questa strada militare, che si sta riducendo ad un sentiero. Speriamo che qualcuno intervenga.
Dubito di tornarci, così come per lo Chaberton, dato che ormai non c'è quasi più il piacere della salita ma solo una lotta a stare in equilibrio, come se già la fatica dovuta alla pendenza non fosse sufficiente.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Divertente e panoramico anello, la sterrata di salita rispetto a qualche anno fa è molto dissestata ma quasi completamente ciclabile ad eccezione di un tornante sotto il forte, la sola discesa sulla dorsale al forte Pattacreuse vale la gita.
Con gli amici Mustang, questa volta, per pigrizia partiti dalla dogana Francese.



[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: front-suspended
Salito fino al Forte Malamot su ottima carrozzabile, poi discesa a piedi su una traccia di sentiero fino al Lac Blanc.
Di qui ho preso il sentiero che scende direttamente verso Grand Croix (sulla sx orografica) e a differenza degli itinerari recensiti sono arrivato tramite sentieri direttamente all'auto alla Grand Croix.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Bell’ anello la cui pedalabilità in salita, se ben allenati e con le condizioni attuali, è pressoché del 100%. In discesa la ciclabilità è interrotta solo per breve tratto sopra il forte di Pattacreuse.
Partiti da Bar Cenisio da cui confermo un dislivello di circa 1400m. Annotazione clinica: a sei mesi esatti dall’ intervento di ricostruzione del crociato, il ginocchio ed il quadricipite non hanno ancora recuperato completamente; è peggio di quel che pensassi; mi toccherà andare in palestra …


[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
Quoto quanto già scritto dal socio, molta gente in vetta sia a piedi che in mtb. Discesa con alcune possibilità oltre alla strada militare, da bar sono circa 1400 . Meteo ottimo.

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Partiti da bar cenisio per aumentare il dislivello. Risalito la strada reale molto bella e con un fondo buono .
Proseguito lungo l'itinerario del malamot su strada ottima solo un po' di poussage (200mt) poco prima dell'ultima tagliata al forte. Discesa al pattacroce su sentiero inizialmente facile e poi piu tecnico. Lunga esplorazione nei cunicoli del forte e rientro sulla statale.Meteo perfetto .Oggi con il barbab il superuffinatti e franci che ci ha aspettato al lago .

[visualizza gita completa]
bel percorso panoramico su sterrato agevole che, solo in un tratto nella parte medio alta, risulta impegnativo per il fondo sconnesso.

[visualizza gita completa con 9 foto]
tipo bici :: full-suspended
Bellissima salita con paesaggi stupendi e con vista panoramica sulla strada appena affrontata che giustifica la durezza della gita.
Noi siamo partiti da Barcenisio dove una bella sterrata ci ha portati fino al bivio del Forte Variselle, poi fino al Malamot dove la ciclabilità è interrotta da un breve tratto difficile da pedalare non per la pendenza ma per il fondo.


[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: front-suspended
Giretto pomeridiano con le nuvole che andavano e venivano minacciando temporali. Temperature fresche appena andava via il sole, diversi escursionisti francesi. In discesa abbiamo preso in pieno il temporale previsto.

[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
bella gita! l'unica pecca è la parte di sentiero non ciclabile poco prima del forte pattecreuse, per il resto gita di soddisfazione in grande ambiente!
uppo traccia gpx visto che non c'è
apertura di stagione.... con il mitico MARMU


[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo bici :: front-suspended
Gita fatta sempre con gli sci ma in mancanza della materia "bianca" oggi superba in mtb!!!! Parecchie nubi in pianura e bassa valle, ma cielo terso, leggera brezza e 9° alla partenza...strada in buone condizioni, ben pedalabile e molto piacevole, accompagnati da splendidi colori autunnali e qualche spruzzata di neve nei versanti nord Giusalet e Ambin. Panorama spaziale come sempre!!! Montagna che riserva belle sensazioni in tutte le stagioni!!! Discesa solo in un paio di tratti difficoltosa, circa 100 mt lineari, il resto è una bella cavalcata fino all'auto!!! Con Maurizio, super su tutto il percorso!!!

[visualizza gita completa con 7 foto]
tipo bici :: full-suspended
Dopo parecchi anni, ho trovato la strada in ottime condizioni, tutta pedelabile e scorrevole tranne i soliti metri, già segnalati, sotto al forte. Bel panorama con le cime intortno spruzzate dalla prima neve. Sceso dal forte, sono andato al colle del piccolo Moncenisio e sceso su sentiero al rifugio, poi rientro alla macchina. Bellino il sentiero, peccato per il disco posteriore scheggiato su una roccia..da riprovare cercando di non toccare niente!

[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: full-suspended
Bella gita con strada sempre ben pedalabile tranne un centinaio di metri prima di arrivare alla base dell'ultimo pendio in quanto il fondo molto sassoso non permetteva un grande equilibrio. Giornata leggermente nebbiosa ma con continui squarci che si aprivano su stupendi panorami, dalla Vanoise ai denti d'Ambin, dal Giusalet alla Lamet ed alla Ronce, insomma 360 gradi di meraviglie...a parte i tristi ed agonizzanti ghiacciai. In cima diversi escursionisti ed un paio di bikers. Discesa divertentissima.
Buone gite a tutti.
Un saluto a gigi ed ai suoi cari che con Silvia mi hanno pazientemente aspettato per un buon brindisi a base di Grignulin.


[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
Pellegrinaggio annuale, salita sempre bella, specialmente in giornate terse e calde come oggi. Strada in buone condizioni, anche se già un po' meno bella rispetto alla sistemazione degli anni scorsi (ma averne di strade così).
In cima incontrato Maurizio e soci intenti all'esplorazione dei forti della zona!

[visualizza gita completa]
tipo bici :: front-suspended
Partenza dalla diga,ottimo sterrato con pendenza costante sino alle casermette dopo il bivio per i laghi,quota 2600,poi fondo più accidentato con tratto non percorribile di 100 mt. In arrivo al forte Malamot attraversamento di un nevaio per 100 mt.
Vento freddo, giornata limpida, incontrati bikers tedeschi


[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Giorno di ferie ben speso. Giornata splendida con solo qualche folata di vento lungo il percorso ma senza fastidio.Salita sempre ben pedalabile con soltanto un breve portage poco prima dell' ultimo pianoro. Panorama bellissimo nelle tinte d'inizio autunno. I ghiacciai...beh lasciamo stare, una pena. In cima qualche stambecco local che alloggia nel forte sulla vetta.Discesa spettacolo.
buone gite a tutti.
Un saluto a Giampaolo incontrato lungo il percorso che non ha potuto proseguire per noie meccaniche.


[visualizza gita completa con 5 foto]
tipo bici :: front-suspended
uando non ho voglia di alzarmi presto, il Malamot è quello che ci vuole. Strada in ottime condizioni (anche se leggermente peggio dell'anno scorso, la manutenzione va fatta ogni anno altrimenti..), solo un po' difficoltoso il solito tornante con fondo pietroso poco sotto la cima.
Partito dalla Grand Croix come riscaldamento, e poi in cima.
Discesa sulla strada e poi giro della diga. Sul versante sinistro (guardando dal colle del Moncenisio verso l'Italia) ho provato il sentiero che costeggia l'acqua, a tratti ciclabile poi si finisce in una pietraia da fare a piedi (15') e poi si ritrova la strada asfaltata per risalire alla statale.

Arrivando in cima ho disturbato gli stambecchi che ormai abitano nel forte. Tempo splendido al Moncenisio e sul versante francese, solite nubi convettive in Italia. A tratti temperatura rilevata di 28°!!


[visualizza gita completa con 7 foto]
tipo bici :: front-suspended
Ora il fondo è veramente ben sistemato e ben pedalabile. Purtroppo il vento mi ha accompagnato fin dalla partenza e ha reso la salita + faticosa ma per fortuna le pendenze sono costanti e senza strappi. Ho abbandonato la bici a 2800 mt e ho proseguito a piedi fino al forte; qui il vento continuo, fastidioso e freddo mi ha obbligata a scendere immediatamente senza riuscire a godermi il bel panorama.
Consigliata.


[visualizza gita completa]
da Bar Cenisio fino al piano s. Nicolao, di qui per sterrata, abbastanza mal messa nella prima parte. Qualche lingua di neve da passare nella parte alta e fondo un pò pesante, fermati per neve continua a 50 m dalla punta. Le varianti di discesa sono ancora molto innevate per cui retrofront dalla stessa parte. Nel complesso buone condizioni e meteo clemente almeno fino a quando siamo scesi, sole caldo ma bisa fastidiosa..
salut

[visualizza gita completa]
tipo bici :: full-suspended
Bellissima gita effettuata in solitaria.Meteo perfetto. La strada è sempre ben pedalabile, tranne il tratto che attacca direttamente il Malamot in quanto innevato.Ho lasciato la bici all'ultima pietra miliare visibile ed ho continuato a piedi fino in vetta. Panaorama vastissimo. La discesa veloce e divertente mi ha ragalato anche una foratura, ma tant'è. Solo le suole non si bucano.
Buone gite e buona neve a tutti.

[visualizza gita completa con 4 foto]
tipo bici :: front-suspended
Salve.Oggi giornata con il sole che l'ha fatta da padrone solo per la salita.Partito con sole dalla Gran Croce,e trovato inaspettatamente un fondo risistemato a dovere che conduce al forte.Il fondo è una vera goduria,riduce notevolmente la fatica.L'ultima volta che lo percorsi era un po' duretta...La temperatura al sole oggi si aggirava sui 13°.Appena le nuvole lo coprivano,la temperatura scendeva in picchiata fino a 3°.Comunque gran bella gita che offre panorami spettacolo(oggi erano un po' limitati,Rocciamelone completamente coperto).Il tratto dopo le casermette al bivio per il Lago Bianco,è sempre bello tosto(un pezzo è comunque residuo di frana,e non pedalabile).L'ultima rampa che porta al Forte presentava un po' di neve,ma comunque sempre pedalabile.
Oggi in super solitaria.Avvistato solo un escursionista a piedi,e molte marmotte belle pasciute pronte per l'inverno.Sono sceso per il percorso di salita causa rapido annuvolamento.Purtroppo nessun camoscio in giro(l'ultima volta al foret era pieno)..Mi sono soffermato per una buona mezz'ora al forte dato che si stava bene.Buona montagna a tutti


[visualizza gita completa con 9 foto]
tipo bici :: front-suspended
La strada finalmente è stata sistemata, dove c'erano i fossi scavati dall'acqua ora c'è un fondo compatto e quasi perfetto. Ovviamente non è stata sistemata per i bikers ma per dei lavori all'impianto di alta tensione, ma chissene frega.
In queste condizioni esce fuori la durezza della salita, breve ma intensa, anche se mai estrema.
Per la discesa sono ritornato sul percorso di andata per poi salire sul lato opposto della diga al Forte Roncia (vedi apposita descrizione).
Poca gente in giro, segnale dell'autunno, aria fresca ma sole caldo.

altre foto su


[visualizza gita completa con 3 foto]
tipo bici :: full-suspended
Bell’ anello effettuato in solitaria. Partito da Bar Cenisio preso la strada a sn salendo (100 mt. dopo il paese) per Gr. D’Arpon e proseguito fino al bivio (sbarra), da dove segue relazione. Giornata discreta con nuvole di passaggio, la discesa verso il forte Pattacreuse ( molto panoramica ), è da intraprendere solo con buona visibilità, in quanto un po’ da ricercare nella parte iniziale priva di ometti. Giunto alla sbarra sceso di nuovo verso il lago d’Arpon per evitare l’asfalto. Disl. 1500 Km. 35

[visualizza gita completa con 1 foto]
tipo bici :: front-suspended
E' sempre bello e meritevole tornare al Malamot, questa volta con la variante di discesa sul Forte Pattacreuse. Partiti dalla Grand Croix segeundo la sterrata sotto il barrage, in modo da scaldarsi un po'. Poi la salita vera e propria, sterrata in buone condizioni con pendenza sostenuta ma regolare. Non pedalabile il solito tratto di 200-300 m. nella pietraia sotto la cima (chissà se i francesi mai lo sistemeranno).
Discesa bellissima sul Pattacreuse, anche se il sentiero non è così marcato e ogni tanto si deve andare tra le zolle erbose. Con attrezzatura adeguata è possibile aggirarsi nei mille cunicoli del Pattacreuse. Fantastica e panoramica la strada militare lunga 5 km che riporta alla diga.
Con Danilo, alla prima vera salita in mtb su sterrato, si è comportato più che dignitosamente fino alle casermette, poi ha ceduto un po' a causa del fondo e delle pendenze.

foto su


[visualizza gita completa con 6 foto]
tipo bici :: front-suspended
Gita splendida con ottimo fondo ! Bella giornata e buona temperatura. si scende dalla bici solo per poche decine di metri ed è tutta pedalabile ! molti escursionisti e molti in mtb che salivano anche nel primo pomeriggio ! merita molto . PS se vi portate una buona torcia elettrica potete con molta attenzione entrare nelle vecchi opere militari chiaramente a vostro rischio ! ma vale la pena ! e mette una nota culturale alla gita ! Salutoni ad Andrea mio compare di gita e a tutto il CAI CHIVASSO !!!!!!!

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

difficoltà: MC+ :: BC+ :: S2 :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1854
quota vetta/quota massima (m): 2917
dislivello salita totale (m): 1061
lunghezza (km): 13

Ultime gite di mountain bike

19/11/17 - San Bernardo (Monte) da Roccabruna, giro - cuccimaira
Dopo tanto girovagare il San Bernardo rimane tra le discese più belle che si possano trovare, oggi poi in modo particolare in questa bella e calda giornata simil-primaverile! L'idea era di ripetere l [...]
18/11/17 - Pietraborga (Monte) e Monte San Giorgio da Trana, giro - BUBETTA
Rampe molto dure dal Villaggio Betulla fino a Pratovigero. Il sentiero che dal Colle Damone prosegue verso la cresta è completamente invaso dalle foglie quindi molto scivoloso per cui impossibile fa [...]
18/11/17 - Soglio (Monte) da Corio per Pian Audi - the.fra
soglio sempre top, occhio solo al verglass in cima e su tutta la cresta, questa volta sono partito dal molino avvocato poichè ho voluto provare a scendere dalla mulattiera corio - pian audi, molto di [...]
17/11/17 - Ciapè o Ciapet (Fontana del) da Villardora/Caprie, giro per Celle - Rocciaclimb
Partenza da Villar Dora, salita molto bella e panoramica e mai impegnativa fino alla Fontana, ottimo lo sterrato finale con solo una rampa veramente strong! discesa piena di foglie ma fattibile fino [...]
16/11/17 - Ceresole (Passo di) anello da Boves - kika
il provvidenziale passaggio di un trattore ha reso possibile l'arrivo al primo traliccio. da lì al secondo, tutto su neve... a spinta... ho provato, poi, a continuare, ma la neve era troppa e sfond [...]
12/11/17 - Combe (Alpe le) e quota 1812 m da Bussoleno - sghiarol
Purtroppo il sentiero di discesa è stato in gran parte interessato dagli incendi. L'ambiente è davvero spettrale e piange il cuore a vedere il bosco in queste condizioni. Il tracciato è in parte di [...]
11/11/17 - Diamante (Forte) da Staglieno - Rocciaclimb
Gran bella gitona, fatti tutti i forti, sentiero molto tecnico in salita (BC+), fantastici i 14 tornanti finali che permettono di raggiungere il Forte Diamante. Con un po' di tecnica la si pedala tutt [...]