Fos (Becca di) da Thumel per il vallone di Fos e la cresta Nord

Come gia' relazionato dall'amico Enzo...scarsissimo rigelo, buono solamente nella parte alta, prima di attaccare il ripido pendio che conduce in cresta..qui ancora neve sfondosa e tratti ghiacciati sulle roccette, lichenose e scivoloser per la neve in sciogliemento...
Cresta molto breve, con tratti esposti e roccia non della qualita' migliore... solo nella parte terminale belle placchette solide che permettono brevi tratti di arrampicata divertente..
Panorami dalla vetta a perdita d'occhio...
Discesa su neve ormai sfondosa fino all'inguine.
Gita nel complesso non difficile e snobbata per la sua posizione secondaria rispetto a tutto cio' che le sta attorno, ma che permette di inoltrarsi in una zona un po' isolata ma non opprimente...da consigliarsi con ancora un po' di neve nella parte alta come fatto in questa occasione, per evitare il canale ricco di sfasciumi ed i pendii superiori di rocce di sicuro instabili.
Con Enzo.. a ficcanasare ancora una volta in qualcosa ancora ''ignoto''.

foto appena possibile

ripido pendio che porta in cresta
cresta e punta
comincia la parte divertente
la Becca di Fos

[visualizza gita completa con 6 foto]
Quando e' di terreni inesplorati che si parla, facile immaginare non esista nemmeno un sentiero, che consenta di agevolare sia pur di un minimo, le usuali lunghe e di conseguenza faticose marcie d'approccio a montagne appartate, che proprio a causa delle difficolta' che in tal senso creano, non vengono in alcun modo prese in considerazione, ma che difficilmente sfuggono all'occhio del curioso e attento ricercatore di sempre nuove mete da salire, a prescindere dalla loro natura ostile o meno che sia.
Prima neve che ci ha consentito l'avvicinamento a questa sconosciuta e isolata montagna, una cosa non poi cosi terribile..sara' forse l'abitudine.. (tolta la parte bassa, a non dare praticamente mai tregua, nel risalire faticosamente ripide chine erbose, prima di passare alla neve gia' un po sfondosa, nonostante le fresche temperature dell'alta quota, insufficienti col caldo esplosivo di questi giorni, a garantire un rigelo decente che non c'e' stato. Il breve tratto di cresta che tutto su roccia (viscida e sfasciumosa) mollata la neve, in meno di mezzo'ora e poi ecco la vetta servita, non giustifica che in minima parte le fatiche del lungo, complesso, e decisamente avventuroso nonche' faticoso avvicinamento. Fatica aggiuntiva a scendere per neve ormai pappa, e la tentazione di farci trascinare giu' a valle da una traccia che portava sopra dei salti. Non sempre agire istintivamente aiuta. Morale..risalita di 300m a riprendere il tacciato fatto in salita sulla opposta sponda della gorgia, cosi da portare a sfiorare i 2000 m di dsl. sebbene non previsti in questo caso..pero' se si sbaglia alla fine qualcosa in piu' c'e' sempre da pagare. Meteo da sballo seppur in un contesto di gran caldo non d'aiuto ad alleviare gli sforzi e le fatiche del salire come dello scendere.
Con Tiziana, cose con lei possibili, grazie solo al suo spiccato senso dell'avventura.


[visualizza gita completa con 10 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: PD :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1850
quota vetta (m): 3457
dislivello complessivo (m): 1600

Ultime gite di alpinismo

24/05/18 - Viso Mozzo Canale dei Campanili ramo dx uscita diretta e cresta E - Evermax
Bellissima gita da lungo tempo nel mirino. Meteo ottimo anche se un po' troppo caldo. Neve molto varia, piuttosto dura fino al colle della Ghiancia Pastour. Il conoide invece è un vero calvario: cros [...]
24/05/18 - Autaret (Testa dell', Cime Centrale e Ovest) Couloir Nord - choukha
Arrivando dalla Liguria sono sono in realtà salito dalla Valle della Tinée. Dal villaggio di Douans si sale al passo di Collalunga, si scende lungo il vallone di Collalunga e si arriva all'attacco d [...]
20/05/18 - Ormea (Pizzo d') da Chionea per il Canalino NE - m.gulliver
Noi siamo partiti da Quarzina salendo in auto fino al Piano della Colma (1500 m circa), quindi abbiamo puntato al ripetitore per poi seguire una traccia che taglia verso N a quota 2100 m circa e raggi [...]
20/05/18 - Antoroto (Monte) da Eca, anello per Cresta Est - roberto vallarino
Svolto il giro come da itinerario e trovandolo in ordine, con sole e caldo nella prima parte della salita, poi vento ma non forte e arrivato in cresta a proseguire per il suo filo entrando nella nebbi [...]
19/05/18 - Breithorn Occidentale Via Normale da Plateau Rosà - tenshi
Uscita di allenamento fino plateau del Breithorn e qualche manovra, tutto perfetto salvo un pò di neve sfondosa dallo ski-lift che porta al Piccolo Cervino al Plateau.
19/05/18 - Mongioie (Monte) Parete NE, via diretta Biancardi - chungo
Avvicinamento su neve portante dal gia dell'Olio. Condizioni quasi estive della salita, dal traverso in poi tutta su roccia. Passaggio del masso incastrato divertente e atletico.
19/05/18 - Baiarda (la) Classica del Gran Diedro - dario 67
Bella salita su questa via classica che volevamo fare da un po' di tempo, nulla da aggiungere rispetto all'ultima relazione, molto belli soprattutto L4 il diedro rosso e naturalmente L7 il diedro gozzini, con Valerio e Beciu.