Avril (Mont) da Glacier per la Fenetre Durand

note su accesso stradale :: a Glassier parcheggio ottimo e abbondante
DIECIMILANOVECENTOTTANTA piedi. Giornata limpida e blu come poche.....Eolo e qualche suo fratello ci aspettano all'Alpe Thoules, accompagnandoci fino in punta e ritorno, anche a folate gelide. Alla partenza i gradi non superano i 3 e, in questo periodo (stiamo andando all'Avril, ma è già ottobre....) le prime due ore sono all'ombra; quindi, se è vero che lasciamo a casa piccozza e ramponi, guanti pesanti e berretto di lana saranno invece molto utili.
Abbiamo seguito, nel tratto iniziale, nel bosco il sentiero n.6 per il bivacco Regondi (come suggerito da Andrea81) passando in prossimità di un oratorio ricavato sotto un enorme masso e siamo arrivati ad un caratteristico colletto (2070 m circa), da cui si vedono le strade interpoderali e in lontananza il Mont Gelè: occorre scendere di poche decine di metri lineari, evitando di salire sulla sterrata di destra, fino a raggiundere il primo di due ponti per poi prendere un evidente sentiero sulla destra. Un tratto ripido iniziale permette di giungere ad un pianoro, a tratti acquitrinoso, e puntare alla strada per gli alpeggi Lombardin e Thoules, visibile dritta a noi, un paio di centinaia di metri più alta. Finalmente sulla sterrata e superati i due alpeggi si procede su buon sentiero fino al colle Fenetre Durand, dove lo sguardo si apre incantato sulla Svizzera.....Neve assente sia qui che lungo la dorsale Sud-Est che, solcata da un evidente (a tratti sfasciumoso) sentiero conduce in punta. Panorama superbo sul Gran Combin in alto e il ghiacciaio Durand in basso e.........molto di tutto il resto.
Gita consigliabile agli amanti delle cose belle, con dsl (1800 m) e sviluppo (23 km) considerevoli: quattro ore e mezzo la salita, tre la discesa. EE.
Con la sincronizzata compagnia di Gian Mario.

Al colletto 2070 m: in fondo a destra il Gelè
Dall'Alpe Lombardin: il pianoro attraversato e, in fondo a sinistra (tra gli alberi) il colletto 2070 m
Il lago de Mauvoisin dalla cima
il Gran Combin dalla essenziale croce d vetta, ingentilita dalla sciarpa dei Nomadi...

[visualizza gita completa con 4 foto]
Oggi una bellissima gita al cospetto del Gran Combin - Era da tempo che volevo effettuare questa bella gita, da quando ero salito alla Tete Blanche di By e vedendo la sagoma di questa bella ed imponente cima chiudere insieme al mont Gelè il valico della Fenetre Durand che porta in Svizzera, oggi con grande soddisfazione è stata effettuata - Bellissima giornata soleggiata con alcune nuvole che non hanno compromesso i panorami - Dal valico della Fenetre Durand il sentiero sale ripido (non molla mai) tra gli sfasciumi della montagna, ma il panorama che si osserva dalla vetta, vale la fatica - Grand Combin - Mont Velan - Mont Gelè - Tete Blanche di By sono ad un passo, poi una moltitudine di vette svizzere ed in lontananza ad incunearsi tra di loro i la Becca di Luseney, il Cervino ed i Breithorn, ed in basso un bel lago artificiale (diga) in Svizzera ed il lago Fenetre - Purtroppo si notano molti ghiacciai in ritirata e molti ridotti al lumicino - Una bella gita in archivio tra i cassetti della memoria
Un saluto ai 10 compagni di gita per la bella giornata passata in allegria


[visualizza gita completa con 5 foto]
note su accesso stradale :: ok
Lunga e bella gita con Cai Alpignano/Giaveno/Coazze/ Almese, tutti in pullman. Tutto pulito da neve e traccia ben battuta dalla Fenetre Durand. Dalla vetta spettacolare vista su molte cime svizzere, Cervino e Rosa ma soprattutto versante S Gran Combin a 2/3 km di distanza. Orgoglioso della mia salita scialpinistica di molti anni fa su questo colosso, racconto del nostro superamento del Corridor in salita zigzagando tra blocchi crollati nella notte grandi come utilitarie e della doppia da me attrezzata su fungo di ghiaccio scendendo dal plateau sommitale sulla seraccata. Ma questa è un'altra storia.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: parcheggio nel prato per chiusura piazzale Sabato e Domenica
Ancora una volta su questa montagna senza difficoltà tecniche ma con lungo percorso(22 km a/r) e forte dislivello (1800 metri),la traccia che parte dal colle Durand per l'Avril è sempre evidente e ben fatta, totalmente esente da neve, solo 5-6 passi prima della vetta.
Gita in completa solitudine fino al colle Fenetre Durand poi ho incontrato alcuni giovani svizzeri in discesa dalla vetta, cielo velato e venticello fresco hanno aiutato la progressione, ampio panorama a 360 gradi ,nel primo pomeriggio il cielo si è coperto di nuvole ma non ha piovuto, solo quando ero in vettura diretto a casa.


[visualizza gita completa con 5 foto]
Neve assente sul percorso.
Gran bella gita nella spenda Valpelline. Con il favore del sole, abbiamo preso il sentiero "tradizionale" ovvero il 5 che indica la Fenetre Durand che ci ha regalato scorci panoramici sulla conca di BY. Ambiente favoloso, impressionante la vista sul Mont Gele, laghetti e fioritura ancora rigogliosa. In dure 2 ore 3 trenta al colle, spettacolare il panorama sul versante svizzero ( non una nuvola) e sulla nord del Gele. Saliti sulla ripida ma mai esposta, traccia che in circa 40 minuti ci ha portato in cima. Panorama stupendo su Grandi Combin ( direi più ampio rispetto alla vicina Tete Blanche), sempre in costante ritiro i ghiacciai. Al ritorno, dopo la doverosa modesta deviazione ai laghetti di Thoules, abbiamo percorso la via suggerita da Andrea 81 ( che ringrazio per le precise indicazioni) prendendo il sentiero 6 più diretto che ci ha portato a Glacier. Totale sviluppo circa 22 km.


[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: perfetta fino a Glacier.
Il mont Avril è proprio una montagna che da tante soddisfazioni, dal punto di vista tecnico non c'è nulla di che, solo che lo sviluppo è abbastanza lungo, non ci sono punti esposti e il sentiero fino alla fenetre durant è segnalato, dal colle alla vetta non c'è segnavia, ma il sentiero e evidentissimo.
stupenda la balconata sulla Svizzera e sul gran combin!
Ringrazio come sempre mio fratello matteo che mi accompagna sempre e pure su questa magnifica montagna.


[visualizza gita completa con 4 foto]
Gran bella gita, sentiero completamente sgombro da neve fino alla cima. Dalla vetta panorama stupendo. Giornata soleggiata fino a mezzogiorno poi cielo velato che ha reso meno faticosa la lunga discesa. Gita fatta con il C.A.P. di Pont C.se.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: ottimo fino a Glacier
Non capisco perchè la relazione qui presente faccia passare dalla Conca di By!! Assurdo!! a meno di non voler allungare una gita già lunga, la via corretta è il sentiero n.6 per il Bivacco Regondi fino a 2070 m dove si incontra il bivio per l'Alpe Balme de Bal e Thules.
Io ho appunto seguito questo sentiero, nel bosco fresco e oggi particolarmente umido, alle 7.30 alla partenza già 20 gradi... Raggiunto il suddetto bivio, ho percorso un traverso per prati e tracce di sentiero fino a incontrare il sentiero TdC (Tour del Gran Combin) che poi per un tratto si affianca alla strada poderale che termina all'Alpe Thules. Questo è l'unico tratto di trasferimento, che tutto sommato spezza un po' la fatica. Il vallone per la Fenetre Durand oggi rigoglioso come non mai, uno spettacolo di fioriture e corsi d'acqua. Si incontra ancora un breve nevaio poco prima del lago Fenetre, ma non presenta problemi. Raggiunto la Fenetre Durand, appare l'intera dorsale di salita, che sembra breve... ma non lo è! Non ci sono più nevai sul percorso quindi i ramponi che oggi avevo portato a scopo precauzionale sono rimasti nello zaino. La prima parte della dorsale, interamente detritica, è abbastanza comoda fino ad un dosso: da qui in avanti pendenze assassine su fondo detritico...i polpacci chiedono pietà! Arrivato in cima dopo 3h30', grandioso spettacolo sui ghiacciai del versante svizzero, a partire dal Gran Combin che si tocca con un dito. Sono partito in canottiera e sono arrivato in cima in canottiera, a saperlo non portavo nemmeno lo zaino!
La discesa invece si è rivelata molto rapida, i primi 500 metri sono una corsa tra morbidi sfasciumi, poi il restante sentiero è sempre piacevole e scorrevole, anche se la temperatura folle di oggi mi ha messo alla prova (portarsi acqua, sul percorso non si trovano fonti sicure, al momento animali al pascolo non ce ne sono però occorre fare attenzione se ci si rifornisce ai ruscelli).
Insomma ho finalmente salito questa cima che puntavo da tempo, e non ha tradito le aspettative.

[visualizza gita completa]
Cima molto panoramica analoga alla Tête Blanche che garantisce una vista di prim'ordine soprattutto sul Grand Combin. Partenza alle 5.20 da Glacier, salita rapida fino alle Balme de Bal. Qui manco l'imbocco del sentiero che riprende a monte dei caseggiati e proseguo sulla sterrata raccordandomi al percorso segnalato poco dopo, per poi perderlo nuovamente nel vallone in mezzo a mille tracce di bestiame. Mi raccordo comunque al sentiero nei pressi del canalino sotto l'Alpe Lombardin. Da qui tutto ben segnalato fino al colle, poi traccia evidente alla cima. Sono presenti solo due nevai: uno prima del colle ed uno più ripido sotto la cima, entrambi ben pistati per cui facilmente attraversabili. Spettacolare il Lac Fenêtre alle prime luci, gran panorama e vento freddo in vetta. Per il ritorno ho seguito il sentiero n.6 (indicato inizialmente come 6A) che da Balme de Bal, con buona pendenza, riporta velocemente a Glacier. Un bel bagno nel torrente per il mio cagnolone e partenza verso casa mentre comincia a piovere, e pure forte. Una ventina di persone sul percorso, in gran parte francesi impegnati nel Tour des Combins.
Con Zeus.


[visualizza gita completa con 12 foto]
Dalla cima si godono panorami stratosferici, su ghiacciai anche imponenti della Svizzera e sul Gran Combin nelle immediate vicinanze! Percorso facile, un po' noioso lo spostamento su sterrata sul pianoro a valle del Colle Fenêtre Durand, se si vuole (meglio in bici), poi più bello, su sentiero simpatico e più diretto. Il nevaio c'era, anche probabilmente esposto (non si capisce, ma penso di si') seppur breve: quindi in salita ho messo i ramponi, in discesa no: fate voi, dipende dallo stato della neve. A parte che tra poco si scioglierà...Bello anche il bosco iniziale, a monte di Glacier. Meteo in lento peggioramento e temperature non troppo calde con ventilazione in quota. Alla prossima!

[visualizza gita completa]
C'è ancora un piccolo nevaio (Però ripido, accumulo da vento) vicino alla cima che "sbarra" la salita altrimenti puramente escursionistica. Il resto è quasi tutto asciutto. Panorami da 6 stelle, la cima l'ho trovata ancora più panoramica della vicina Tete Blanche. Gita davvero lunga (25 Km A/R e 1800D+), utili le scarpe da ginnastica per il lungo spostamento prima dell'inizio del sentiero all'Alpe Thoules quota 2380.
Oggi con lo statunitense Terry, incontrato alla partenza e con il quale ho condiviso tutta la stupenda gita ...ed il rampone destro (Ne avevamo un solo paio!) sul nevaio finale. In giro decine di persone che facevano il Tour du Combin, ma in cima solo noi... altri italiani: nessuno...


[visualizza gita completa con 3 foto]
Partita all’alba da Glacier risalendo la gorgia verso il Regondi. Nel pianoro delle acque bianche risalito per prati ripidi il versante dx orografico del vallone e ripreso il sentiero 5 più a monte. Tagliato ancora a vista, evitando uno spostamento a sinistra del sentiero. Raggiunto la Fenetre de Durand in mezzo ad una nuvola di passaggio. Risalito il pendio finale dove ho trovato un numerosissimo branco di stambecchi maschi. In cima panorama spettacolo, dissolta la nebbia e Gran Combin da toccare con un dito. Discesa interamente dal sentiero che passa per la conca di By, ma allungato notevolmente il percorso. Prati fioriti spettacolari.

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: no problem a Glassier
un conoide ostruisce la poderale 200 m prima di Lombards, nel magnifico pianoro erboso dopo le Thoulas torrente pieno d'acqua guadabile solo su un nevaio (quanto durerà?) a ridosso della prima rampa, ancora neve sull'ampia spianata della finestra Durand e nella conca laterale dx del pendio finale, nonché a 50m dalla cima (tratto di circa 50 m); utile sapere che la traccia - sentiero del lungo pendio finale parte a sx nei pressi dell'ometto + pannello che commemora il sentiero della speranza
itinerario molto lungo che non ha annoiato neppure sul vasto pendio finale, date le vedute spettacolari a dx e alle spalle (the imposing Mount Gelè...). itinerario distinto in 4 segmenti: da Glassier ripido fino a circa 2000 della poderale - poderale fino a Thoules 2350m - traverso fino alla finestra 2805m - amplissimo e un po' monotono pendio fino alla vetta vetta vetta (non facile da calcare con entrambi i piedi.. provare per credere). 4 ragazzi svizzeri in cima prima di me. Panorami giustamente celebrati, troppo bella la Ruinette, giornata ottima, non calda (13° alla partenza ore 8), con venticello teso da N. In 4h 30, tempo per me ragguardevole.


[visualizza gita completa]
Lunga e semplice escursione, in un vallone che ancora non conoscevo molto bene.
Pienamente soddisfatta…dalla cima la vista sul versante Svizzero e’ appagante, così come quella sul Gran Combin,Velan e Gele’…spe tta co lo !!
Bellissima giornata, non una nuvola.
Con Roberto


[visualizza gita completa con 6 foto]
Rispetto alla Tete Blanche, cima equivalente ma nel vallone accanto di By, è decisamente più bella e ricca di panorami (Mont Gelè prima, poi immensi ghiacciai arrivati alla Fenetre Durand, infine il Grand Combin dalla cima), nonchè con molto più avvicinamento infatti la cima la si vede solo dai 2300 metri circa. Sentiero di velluto sino al colle, poi una bella traccia fino alla vetta. Da consigliare anche con le scarpe a collo basso.

[visualizza gita completa con 8 foto]
Prima volta in Valpelline, partiti presto da Glassier procediamo senza intoppi sul sentiero, perdiamo un po' di tempo all'incrocio con le varie poderali per capire da che parte occorre dirigersi. Eleonora si ferma alla Fenetre per eccessiva stanchezza, io proseguo fino in vetta, scorgo subito un nutrito branco di stambecchi. In cima rimango stupefatto dalla grandiosità del panorama, nonostante il Combin sia avvolto quasi completamente dalle nubi. I ghiacciai e tutto ciò riesco ad osservare rendono indimenticabile questa gita e le sensazioni vissute in una giornata memorabile. Un temporale improvviso ci coglie sul sentiero a quota 2300, un po' di spavento ma passa in fretta senza problemi. Nessuno sul nostro percorso, visti solo tre bikers saliti alla Fenetre dal lato svizzero. Con Eleonora

[visualizza gita completa]
note su accesso stradale :: Bel parcheggio a Glassier
Gita lunga sia come spostamento che come dislivello,resa piu' impegnativa dalla presenza di neve ghiacciata sia prima che dopo il colle Fenetre Durand,ho calzato i ramponi in diversi tratti ripidi e gelati,il sentiero sparisce in diversi punti sotto la neve ed e' facile sbagliare percorso,sono finito anch'io in una pietraia infame ,dopo il colle e fino alla vetta ,il percorso e' piu intuitivo.
Tempo di percorrenza: ore 4,30-5,30 secondo il passo e le soste.
Giornata molto variabile ma le nuvole sono rimaste in alto senza togliere visibilita',oltre i 2000 metri e fino in vetta la presenza di un vento gelido fortissimo mi ha obbligato a scendere velocemente ,per questo solo 4 stelle,panorami impagabili,paesaggio quasi invernale,nessuno in giro ,nemmeno animali.
Un saluto ed un complimento ,per i lavori svolti ,alla squadra impegnata nei lavori di manutenzione sul sentiero n. 5 ed incontrata nella prima parte del percorso.
Hanno rifatto la barriera protettiva in legno nei punti piu' critici,pulito e risistemato il sentiero ,incluse le canaline per lo scorrimento dell'acqua piovana,penso saranno molto soddisfatti i prossimi escursionisti .


[visualizza gita completa con 8 foto]
1.800 mt. di dislivello...bella lunga!!! In circa 4 ore siamo arrivati in punta. Il tragitto dal parcheggio di Glassier è facile con bel sentiero che si intreccia con una strada interpoderale fino all'Alpe di Thoules e poi sentiero fino alla Fenetre de Durand; l'ultimo pendio x arrivare in vetta è una traccia ripidina...ambiente selvaggio e panorama impagabile su G. Combin, Velan & c....
Oggi non c'era nessuno...abbiamo solo incontrato nel primo pomeriggio 4 ragazzi con la bici e 3 marmotte!! CIAO A TUTTI


[visualizza gita completa con 6 foto]
Giornata splendida, solo un pò ventosa. Nessuno in giro, nemmeno le automobili che salgono da Doues per fortuna. Il sentiero dalla Fenetre è molto ripido e questo fa si che si percorra molto infretta nonostante si abbia nelle gambe già molta strada. Panorama dalla vetta splendido.
In solitaria. Spiritualmente molto appagante.


[visualizza gita completa]
Parecchio andirivieni per il colle in entrambi i sensi e numerosi mbikers (di cui uno salito anche al Mont Avril). Dalla Fenetre alla vetta non finisce mai: un'ora abbondante e quasi 150 tornantini!

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: Nulla da segnalare
Ritornati alla Fenetre Durand (dopo 10 anni) per salire al Mont Avril. Giornata soleggiata, con nuvole di passaggio. Vento freddo da poco sotto il colle e fin sulla vetta. Panorama grandioso su Grand Combin, Glacier de Durand e su parecchie montagne svizzere! Verso l'Italia, purtroppo, le nuvole nascondevano le cime. Il percorso è ottimamente tracciato e segnalato fino alla Fenetre (n.5 da Glassier), poi si prosegue su sfasciume fine ma il sentiero è sempre ben evidente.
A quanto abbiamo constatato ieri, molti arrivano in auto all'Alpe Thoules (partendo da Doues) e cominciano l'escursione da lì.
Sempre splendida la valle di Ollomont, con gli ampi pascoli della conca di By, circondati da bellissime montagne come il Mont Gelée e la catena del Morion!


[visualizza gita completa con 3 foto]
lunga ma appagantissima escursione passando ai piede del gelè fino ad arrivare di fronte al combin e i suoi ghiacciai con un occhio alla svizzera!!
con flo e karen.

[visualizza gita completa con 2 foto]
Ottima escursione stupendo il panorama

[visualizza gita completa]
Bellissima gita anche se lunghetta con un panorama eccezionale.Freddo e vento al mattino, la salita rimane in ombra sino a tardi.salito da solo col mio cane Zeus.
Una delle più belle gite per raggiungere una vetta superiore a 3000 metri senza nessuna difficoltà tecnica.

[visualizza gita completa con 1 foto]
Ottima camminata immersi dapprima tra verdi pascoli quindi in un paesaggio tipicamente di alta quota. Dalla vetta lo sguardo spazia a 360° su alcune delle cime più imponenti: Mont Velan, Grand Combin, Matterhorn e - lontane e in una prospettiva inusuale - tutte le cime del Rosa, oltre al dirimpettaio Mont Gelé. E' inoltre una delle poche vette che, pur non misurando una quota particolarmente elevata, consente una visuale mozzafiato su numerosi ghiacciai, alcuni dei quali, come il Glacier du Mont Durand tra la Grande Tete de By e il Grand Combin, direttamente a strapiombo sotto i propri piedi.

[visualizza gita completa con 1 foto]
note su accesso stradale :: arrivato in auto a Glacier
Nonostante le previsioni meteo incerte e non avendo nessun socio che avesse voglia di muoversi e fare qualcosa...mi sono infilato in macchina e sono partito ugualmente per la Valpelline. Non avevo ancora fatto il Mont Avril, e mi sembrava l'occasione giusta per andarci. Arrivato a Glacier il cielo è nuvoloso e non promette nulla di buono...ma già che sono venuto decido di partire e fare almeno un tentativo. La prima parte dell'itinerario che ho seguito, fino alla conca di By è sotto la pioggia. Mi fermo dieci minuti all'alpeggio di Thoules, per valutare il da farsi, sto seriamente pensando di rinunciare e tornare indietro..quando si apre uno spiraglio di sole sulla Fenetre Durand..che mi convince a proseguire. Arrivo alla Fenetre Durand e il tempo effettivamente migliora, smette di piovere e ogni tanto qualche spiraglio di sole. Dalla Fenetre Durand salgo senza problemi la cresta SE di detriti e facili roccette. La cresta a mio avviso è valutabile EE, non è proprio una comoda passeggiata. Peccato che dall cima ho visto ben poco...ma date le condizioni iniziali e le premesse è già stato un successo arrivare in cima ! Secondo me si tratta di un'escursione lunga ma sicuramente consigliabile per chi non ha ancora avuto modo di fare un salto da queste parti...la bellezza dei luoghi e il panorama che si può ammirare dalla cima...meritano una visita !
E' stata una escursione piacevole anche se piuttosto lunga, il dislivello è di 1800 m. e ho impiegato 5 ore per arrivare in vetta da Glacier. Gita fatta in giornata da Genova e in solitaria.


[visualizza gita completa]
Percorso molto lungo in una magnifica giornata di Agosto, molto soleggiata. Salgo lungo il percorso della Gaula da glassier verso le acque bianche (percorso maggiormente in ombra) per poi tagliare per prati verso la i lac de thoules seguendo tracce di sentiero dalla comba delle acqua bianche. Arrivato al colle della fenetre mentre salgo verso il monte Avril assisto a scariche di pietre impressionanti sulla parete nord -ovest del mont gele. Arrivato in cima magnifica vista, soprattutto verso il gran Combin, gran tete de by e il ghiacciaio del Durand in condizioni particolari dato l'estate calda e asciutta (ghiacci scoperte, ruscelli, torrenti e cascate, creapacci enormi - vedi foto).

[visualizza gita completa con 1 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 05/09/17 - saldo
  • 03/07/99 - gianmario55
  • Caratteristica itinerario

    sentiero tipo,n°,segnavia: sentieri n.6 e n.5, dalla Fenetre Durand solo tracce
    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 1549
    quota vetta/quota massima (m): 3347
    dislivello salita totale (m): 1800

    Ultime gite di escursionismo

    18/11/17 - Der del Mont (Cima) da Praie - rfausone
    Il percorso è invaso da molte foglie di castagne e ricci nella parte di mulattiera fino a Tierè, poi diventa molto sporco e disagevole. Molti i tratti in cui la vegetazione (rametti, erba ed altro) [...]
    18/11/17 - Adois (Punta dell') da Grange - sergiogirard
    Bellissimo itinerario in questa stagione. Parte finale ricoperta dalla prima neve ma non sono serviti i ramponi!!
    18/11/17 - Ingria (Uja d') da Camprovardo, anello per il Monte Serena - Blin1950
    Percorso ad anello molto panoramico, su sentieri purtroppo sempre più malandati, causa la scarsa frequentazione e di conseguenza manutenzione zero da ormai molti anni; comunque in giro c’è di pegg [...]
    18/11/17 - Antola (Monte) da Piancassina - daniele64
    Facile mulattiera ben segnalata da salire nella bella faggeta autunnale .
    18/11/17 - Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Letisetto - Bubbolotti
    Saliti da Letisetto come da descrizione, neve noiosa dai 2000m fino in vetta. Seguito la dorsale fino alla cima dell’Angiolino e poi fino al Colle della Croce di Intror sempre pestando neve a volte [...]
    18/11/17 - Bojret (Passo del) da Porcili - fdf62
    Partito da Gavie 1000 m di quota (la frazione prima di Porcili) ed arrivato fino al lago di Boiret. Neve da quota 1600 m che non costituisce un problema, se non quello di rendere più faticosa la sali [...]
    18/11/17 - Beubi (Mont de) da Collerè - rocri76
    Partite da collere senza problema si arriva a Ghisalle con un sentiero bellissimo con tante foglie che in discesa direi nemiche per le cadute... Dopo abbiamo avuto qualche problema per continuare [...]