Montagnaya (Punta di) da Pouillayes

osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 1900
buon rigelo,qualche sfondamento dall'alpe Avolei,farina nel falsopiano sotto la punta e neve continua poco dopo il cancelletto entrando nella comba di Montagnaya.
Siamo stati raggiunti e superati da 2 ragazzi e,una volta giunti sotto la nostra meta, io ho proseguito dietro la traccia di uno dei due che ha optato per il secondo canale a dx del colle di Montagnaya, mentre Roberto con gli sci e poi ramponi ha optato per il pendio gia' ben battuto.
il canale presenta vari tipi di neve e si impenna decisamente, in alcuni tratti, poco oltre i 40°.
al termine del canale e' presente un masso sporgente che crea una piccola conca con la neve..nulla di eccessivamene complicato, ma nel mio caso, portando erroneamente le racchette a spalle, questo ha comportato un momento di deciso incastramento!!
nemmeno strisciando come un verme sono riuscita a passare, quindi tolto lo zaino, e, a questo punto, e' risultato tutto piu' semplice !!..gambe a parte che ormai affatticate dal canale e dalle scorse gite non ne potevano veramente piu'e non smettevano piu' di tremare !!
un grazie a chi ha tracciato il canale, che oltretutto, una volta in punta, e' tornato al passaggio critico ad assicurarsi che tutto andasse bene !!
sbucata dal canalino la cresta si fa larga e semplice.
Dopo un meritato e necessario riposo in punta scesi nuovamente picca e ramponi dal pendio, dove occorre prestare un po di attenzione alle roccette movibili sotto neve farinosa.
nel pendio neve buona, dove ora e' presente solo un breve tratto ripido,dove passa la traccia, con neve abbondante e lavorata, dove occorre fare un piccolo salto per scendere.
in discesa nel vallone neve a tratti zoccolosa...ma dopo una gita del genere quello che si trova in discesa non ha poi molta importanza...chi se ne frega !!
Gita che definirei..commovente !!..quando si entra in certi ambienti, li si apprezza, non sono posti molto frequentati e si ha un impatto con la natura così forte...non c'e' molto da dire se non che sono di quelle gitone che lasciano il segno, almeno a me, che per la Valpelline ho sempre un certo debole.
Gita che a mio parere non ha nulla di scontato, sviluppo e dislivello importanti.. non ha particolari difficolta' se le condizioni sono buone e per noi picca e ramponi oggi indispensabili.
ambiente e panorama che meritano e che fanno si che questa tozza punta abbia un qualcosa di interessante.
un bravo e un grazie a Roberto per aver accettato con entusiasmo questa proposta ormai in cantiere da un po' di tempo, e per la quale si aspettava solo il momento buono...e finalmente e' arrivato.
Ed una piccola dedica...scelto di cimentarmi ne canale per omaggiare un mio carissimo socio e amico !!

La Montagnaya oggi
canale di salita
cresta finale in uscita dal canale
quasi in punta
cresta
pendii di discesa
in alto si vede il passaggio piu' scomodo con saltino
ancora il canale di salita
comba di Montagnaya

[visualizza gita completa con 23 foto]
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: Strada pulita fino al bivio per Chez le Chenaux
quota neve m :: 1500
Bella gita in una bellissima valle,fortunatamente stamattina le temperature erano di nuovo basse,il che ha permesso alla neve di mantenersi anche al ritorno.
Come neve,ormai si trova un pò di tutto,crosta e/o farina appesantita,ma una bella traccia gelata permette di salire velocemente,vista la gran frequentazione di questi giorni.
Anche il canalino(vero valore aggiunto della gita) è tracciato e la salita risulta agevolata dalle numerose peste gelate,comunque non è male avere i ramponi e la picozza al seguito,canalino che se non fosse già tracciato non è affatto banale,anche se breve.
Poco prima della cresta che porta in vetta ci sono delle cornici alle quali bisogna prestare attenzione.
In discesa la neve si è mantenuta bene fino ai ripiani della Comba di Montagnaya,poi neve più pesante fino all'inizio del bosco,dove si scende su neve dura,infine strada con neve marcia.
Come descritto nella sez.Skialp,a mio avviso è più una gita da racchette che non da scialpinismo,il bosco,a parte brevissimi tratti,non permette una discesa al di fuori del ripido e tortuoso sentiero,ed è un bosco veramente ripido,la Comba di Montagnaya è puro trasferimento con pendenze irrisorie,la vera parte sciistica va dal colle,oppure dalla base del canale,fino a quota 2200mt.
Fino al colle la gita è BR,se si fa il canale la valutazione passa a BRA
Oggi il vallone era tutto per me........i vantaggi di poter andare in settimana.

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 1400
Arrivati alla sbarra che chiude la strada per La Ferrere non siamo sicuri che sia il punto giusto. Scendiamo in auto a Bionaz e un autista degli autobus di linea, cartina alla mano ci indirizza molto più a valle. Per fortuna troviamo sulla strada delle guide di skialp le quali sbugiardano la tesi dell'autista e ci rimandano alla sbarra di cui sopra. Grazie alla relazione telefonica di Meme del giorno prima e seguendo le sue impronte nella neve saliamo senza indugi. Il bosco è bellissimo e alterna tratti ripidi a lunghi mezzacosta. Il tratto pianeggiante oltre il limite degli alberi è lunghissimo ma in un'ambiente davvero affascinante. Il buon Davide è fuori forma a causa di una notte in bianco per motivi sentimentali. Il mio socio si stacca un po' sui pendii più ripidi. Scopro che non occorre salire fino al colle, basta traversare 70-80m prima verso dx (salendo) e si è ai piedi del canalino da salire. Affronto il canale con picca e ramponi, poi una volta in cresta non ci sono grosse difficoltà. Con qualche passo e traverso di facile misto mi sono tenuto ben lontano dalle cornici presenti che mi sembravano poco affidabili. In vetta vengo raggiunto da alcuni skialp e solo più tardi dal socio Davide. Grande panorama in una giornata spaziale, cime incollate al cielo con una visibilità totale. Discesa interminabile per colpa dei lunghi tratti in piano e per la risalita alla frazione a fine gita.

[visualizza gita completa con 7 foto]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BRA :: F :: [scala difficoltà]
esposizione: Nord
quota partenza (m): 1697
quota vetta/quota massima (m): 3050
dislivello totale (m): 1520

Ultime gite di racchette neve

26/06/18 - Bezin (Pointe Nord e Sud de) Pointe de la Met, Ouille de Tretetes da Pont de la Neige - jdomenico
Neve dall'auto e meteo buono, ma... nevai bucherellati e rigolati senza pietà, abbastanza faticosi (utili le racchette per non dover saltellare!) anche perché la neve ha mollato poco. Raggiunta prim [...]
19/06/18 - Menta (Costa di) dal Lago Serrù - laika58
Oggi una giornata spettacolare non una nuvola ed un sole caldo mitigato da un'arietta di sottofondo - Strada chiusa alla diga del Serrù, partenza con le ciaspole sullo zaino seguendo la strada taglia [...]
17/06/18 - Rossa (Rocca) - Pic Brusalana giro del Pic d'Asti per Breche Ruine e Sella d'Asti - patrick77
partiti dal colle alle 7.20 primi pendii privi di neve, alcune chiazze. Fatto un pezzo di sentiero per il Pan di Zucchero, poi prima di iniziare la salita più ripida fatto un traverso su neve arrivan [...]
16/06/18 - Gran Paradiso da Pont Valsavarenche - flavius
Neve pressochè continua dal rifugio. Ottimo rigelo. Neve dura nella parte bassa che non ha mollato nemmeno al pomeriggio. Dopo la schiena d'asino tappeto di perfetto firn primaverile. Innevamento anc [...]
14/06/18 - Giasson (Becca di) da Usellieres - Viper
Quoto in pieno la relazione di Mowgli, con cui ho effettuato la gita; aggiungo solo che se la neve é ben rigelata (come l'abbiamo trovata noi) si può salire con i ramponi, non servono nemmeno le rac [...]
10/06/18 - Ghicet di Sea da Pian della Mussa - gino74
neve continua dal piano Ciamarella sino in cima, usati ramponi per valicare i pendii sommitali.
09/06/18 - San Matteo (Punta) dal Passo Gavia - flavius
Portage di 1h e 30 minuti per noi ciaspolatori (non conviene cercare di seguire i traversi a mezzacosta con tracce di sci lungo le lingue di neve del versante nord della Sforzellina: molto più comoda [...]