Arsy o Ars (Mont d') da Thouraz

Itinerario sgombro da neve. Qualche labile e discontinua traccia di sentiero nella parte sopra l'alpeggio; messo alcuni ometti sul pendio finale.
Ambiente stupendo e selvaggio; solo noi quattro in giro da queste parti. Escursione faticosa nella parte alta per la ripidezza dei pendii ma quasi sempre con zolle di erba olina che, se asciutte, permettono una certa sicurezza nella progressione. Giornata calda e con meteo spaziale che ha permesso un superlativo panorama a 360°. Allego traccia.
Con la moglie Stefania e gli amici Luciano e l'immancabile Vipi4457.

Più info e foto su climbandtrek.it



itinerario
traccia sulla pietraia
salita ripida
parte alta
in vetta

[visualizza gita completa con 5 foto]
Prima di tutto alcune indicazioni supplementari sul percorso perché, se non si conosce bene la zona, è facile sbagliare direzione. Raggiunto con la poderale il primo pianoro, all'altezza di un ponticello dove la strada curva a sinistra volgere a destra (nord Ovest) seguendo tracce di bestiame fino ad intercettarla di nuovo in prossimità di un altro ponticello. Seguendola si incontra presto un bivio con cartelli segnaletici. Ignorare la deviazione di sinistra seguendo il ramo principale (indicazioni per la P.ta Chaligne). Raggiunta l'alpe Chesere si ignorano invece le indicazione per la P.ta Chaligne e si continua verso Ovest raggiungendo in breve il termine della strada nei pressi dell'Alpe La Nouva, m. 2270. Salire su terreno erboso alle spalle dell'alpeggio seguendo una traccia non sempre ben marcata che permette di risalire verso il valloncello compreso tra il Mont d'Arsy e la Tsa.
Escursione molto bella e varia per ambiente, panorama e fioritura dei prati. La neve inizia ad essere continua da quota 2400 circa ma è praticamente sempre portante. Noi abbiamo raggiunto la cresta molto più a sinistra del colletto di quota 2655 seguendo lingue di neve alternate a terreno erboso-detritico. La parte finale della cresta presenta ancora grosse cornici. Raggiunta la cima con ometto e bastoni abbiamo avuto l'impressione che la punta successiva, più ad Ovest e con un grosso ometto, fosse più alta. L'abbiamo raggiunta percorrendo la cresta sul suo versante Sud (prestare attenzione nella prima parte perché si cammina su terreno ripido e molto instabile) per avere poi la stessa impressione guardando la cima precedentemente raggiunta! Infatti l'altimetro indicava la stessa altitudine.
Malgrado le notevoli velature, in particolare verso Nord, panorama veramente interessante che con buone condizioni di visibilità deve essere notevole. Temperatura molto mite per tutta la mattinata ma con vento in aumento e cielo completamente coperto già dal primo pomeriggio. Con Fausto e Antonio.

[visualizza gita completa con 5 foto]
Gita adatta al periodo quasi invernale,presenza di neve soltanto dai 2500 metri , compatta e scarsa in basso ,dai 30 ai 50 cm. in alto sulla cresta , ben percorribile senza ramponi, meglio avere le ghette.
La gita si sviluppa su sentiero fino agli alpeggi ,dopo senza percorso obbligato su ripidi pendii di dossi erbosi e pietraie fin sopra il colletto 2655 che separa la Tsa dall'Arsy, successivamente per cresta innevata fino alla vetta.
Discesa sul medesimo tragitto anche per sfruttare la mia traccia di salita sui tratti innevati.
Bellissima gita autunnale col contrasto di ambienti già invernali, bel tempo ed assenza di vento ,ho fatto tutto il percorso in maglietta, in completa solitudine, nessuno in circolazione, soltanto un branco di camosci sotto le multiple anticime, magnifico il panorama a 360 gradi .


[visualizza gita completa con 7 foto]
Tutto come da itinerario,oggi le condizioni erano ideali in quanto non c'era neve in cresta,solo qualche nevaio da percorrere con cautela per la possibilità di buchi invisibili ma seguendo le orme di animali non ho avuto problemi.
Discesa per il medesimo versante sempre per l'assenza di neve solo da questo lato,opportuno comunque avere le ghette.
Gita in solitaria scelta per utilizzare l'ultima giornata bella anche se molto variabile, prima del cambio del tempo previsto per la prossima settimana,non conoscevo questa vetta ed oggi ho azzeccato il percorso per raggiungerla .


[visualizza gita completa con 8 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: sentiero n.8 B poi lungo tratto senza percorso obbligato
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 2826
dislivello salita totale (m): 1176

Ultime gite di escursionismo

17/10/18 - Chenaillet (le), Monte Gimont, Monte la Plane da Montgenèvre, anello dei Monti della Luna - gigi02_to
Sentiero ben segnato, umido ma non scivoloso, che permette una salita gradevole con poca fatica. Non scordarsi i documenti, parecchia gendarmeria in giro.
16/10/18 - Gastaldi Bartolomeo (Rifugio) da Pian della Mussa - guido.ch
Rocce bagnate e neve calpestabile nell'ultimo tratto del sentiero.
15/10/18 - Facciabella (Monte) da Mandriou - fyplom
Oggi gita di ripiego date le precarie previsioni meteo. Oggi comunque visibilità e meteo al di sopra delle aspettative. Bel sentiero e progressione veloce fino in cima. Visto solo un camoscio. Buona [...]
14/10/18 - Sentiero Martel Traversata La Maline-Point Sublime - sdf
Accompagnato da Gianna, Manuela e Davide ci avventuriamo sul Blanc sentiero Martel. Escursione di soddisfazione con una magia di colori autunnali che iniziavano a colorare gli impervi pendii di quest [...]
14/10/18 - Erdemolo (Lago) da Frotten, traversata al Rifugio Sette Selle - lancillotto
Parcheggio Frotten ampio e a pagamento. Noi siamo partiti dal parcheggio Canopi (gratuito) e in circa 30' siamo arrivati al parcheggio superiore per sentiero. Saliti al rif. Erdemolo, chiuso da qua [...]
14/10/18 - Alfeo (Monte) da Tartago per la Val Boreca - coboldo
La mulattiera e il sentiero richiederebbero un po' di manutenzione (alcuni tratti franati, vegetazione invadente). Segnavia nel bosco molto sbiaditi. Attenzione nel ripido traverso prima della sella s [...]
14/10/18 - Bertrand (Monte) e Cima di Pertegà da Upega, anello Cresta del Ferà, Colle Selle Vecchie e Colla Rossa - roberto vallarino
Svolto il giro come da itinerario tra una giornata ben soleggiata fino a dopo il Pertega', poi con qualche innocua nube a proseguire tra i primi colori autunnali raggiungendo il Bertrand dove pranzo e [...]