Beubi (Mont de) da Collerè

note su accesso stradale :: ok
Alla scoperta di nuovi itinerari oggi saliamo su questa cima (in realtà un tratto di cresta) in luoghi selvaggi e solitari. Gita adatta a chi non vuole incontrare nessuno… I sentieri sono segnati (anche se una ripassata sarebbe necessaria) ma si trovano in cattivo stato: molti tratti sono invasi da cespugli di ginestre ad altezza uomo ed è facile perderlo. Inoltre le tantissime foglie sul percorso rendono delicata la discesa (possibili scivolate): alla luce di tutto quanto in queste condizioni definirei il sentiero più EE che E (sconsigliato con neve e ghiaccio). Molto bello il panorama una volta arrivati in cima. Splendido il tratto che collega Breil a Chisalle. Effettuato il percorso come da descrizione in compagnia di Pier Albino, Gianni, Sergio e Giorgio.
Tante foglie sulla mulattiera ...
Arrivo a Levaniere
Corpo a corpo con le ginestre ...
splendido panorama dalla cima
Con gli amici sul Mont de Beubi
Sullo sfondo il Mars
Scendendo da Breil
La bella mulattiera che collega Breil a Chisalle

[visualizza gita completa con 8 foto]
Partite da collere senza problema si arriva a Ghisalle con un sentiero bellissimo con tante foglie che in discesa direi nemiche per le cadute...
Dopo abbiamo avuto qualche problema per continuare sul sentiero in quanto tra le finestre e arbusti hanno preso un po' in sopravvento sul sentiero.... Per fortuna siamo poi riuscite a riprendere il sentiero bello che arriva da Breil.In discesa abbiamo appunto fatto il sentiero n 3 che con un po' di sali e scendi riporta a Ghisalle e poi dirette a collere non abbiamo visto l'altro sentiero. Comunque merita la gita. Sempre in compagnia di Ida manu e dany

[visualizza gita completa con 1 foto]
note su accesso stradale :: Parcheggiato a Pont-Saint-Martin nei pressi dell'ufficio postale.
Partenza da Pont-Saint-Martin (q. 345) per percorrere un tratto di mulattiera che non conoscevo. Lasciato l'auto nel parcheggio che precede la svolta per la Valle di Gressoney. Da lì ci si dirige verso il centro, si supera il Ponte Romano e si prosegue sulla via centrale fino alla Piazza I maggio (parcheggio a pagamento nei feriali o 60 minuti nei festivi). Si svolta a dx sulla strada asfaltata per Perloz, fatti pochi passi a dx si trova la mulattiera/sentiero n.1 (paline), che poi è sempre ben indicato (frecce a terra "Tor" "Crabun") ed è in ottime condizioni. A Perloz strada asfaltata fino a Colleré (due o tre tagli possibili, su sentiero), abbastanza breve e veloce. Poi salita come da itinerario senza le varianti di discesa per Breil e Ban. Il sentiero da Colleré è in condizioni molto peggiori rispetto a come lo ricordavo, a parte le solite foglie stagionali, dai 1200 in su molti tratti sono invasi dai cespugli di ginestre ad altezza uomo, diventa facile perderlo, cercare sempre le frecce gialle o munirsi di traccia GPS. In queste condizioni la difficoltà è EE. C'è un po' di neve a chiazze dai 1500, oggi crostosa ma non ghiacciata, qualche piccola colatina di ghiaccio ben individuabile, per il resto tutto molto asciutto.
Partita con -5° a metà mattina, però poi l'esposizione a SE ha fatto sì che sbucassi al sole molto in fretta, per fortuna nessuna stratificazione e cielo intensamente blu, qualche rara folata di vento gelido solo sulla dorsale di vetta, ma tormenta in alta VdA.
Nonostante qualche breve corpo a corpo con le ginestre, la vista da questa modesta cimetta mi ha riempita di entusiasmo pur essendoci già stata (che bello!). E in fondo ho avuto la giusta dose di ravanage, quel tanto da rendere il percorso un po' più pepato e meno monotono. Mi astengo dal mettere stelle sul sentiero, ma a me la gita è piaciuta molto, itinerario comunque mai banale!
Incontrato due escursionisti nel tratto iniziale, da Colleré solitudine totale.


[visualizza gita completa con 5 foto]
Giorno dopo, tutto cambia! Neve, difficoltà, sentieri... In ogni caso bell'itinerario, soprattutto la mulattiera di Breil.

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: pulita
bel giro per smaltire il troppo cibo del periodo delle feste. In alto un pò di vento, appena sotto caldo.

[visualizza gita completa con 9 foto]

Caratteristica itinerario

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 795
quota vetta/quota massima (m): 1725
dislivello salita totale (m): 1000

Ultime gite di escursionismo

15/10/18 - Facciabella (Monte) da Mandriou - fyplom
Oggi gita di ripiego date le precarie previsioni meteo. Oggi comunque visibilità e meteo al di sopra delle aspettative. Bel sentiero e progressione veloce fino in cima. Visto solo un camoscio. Buona [...]
14/10/18 - Alfeo (Monte) dalla val Boreca - coboldo
La mulattiera e il sentiero richiederebbero un po' di manutenzione (alcuni tratti franati, vegetazione invadente). Segnavia nel bosco molto sbiaditi. Attenzione nel ripido traverso prima della sella s [...]
14/10/18 - Bertrand (Monte) e Cima di Pertegà da Upega, anello Cresta del Ferà, Colle Selle Vecchie e Colla Rossa - roberto vallarino
Svolto il giro come da itinerario tra una giornata ben soleggiata fino a dopo il Pertega', poi con qualche innocua nube a proseguire tra i primi colori autunnali raggiungendo il Bertrand dove pranzo e [...]
14/10/18 - Carmo di Loano (Monte) da Verzi, anello - Giagi
Partiti da Verzi, e seguito l’itinerario ad anello dopo il Rifugio di Pian delle Bosse, passando per le Neviere e il Giogo di Giustenice. Poi saliti in cresta per l’Alta Via dei Monti Liguri, fino [...]
14/10/18 - Paglie (Bric) da Bivio Tracciolino/Pian Bres - daniele59
Bel lungo giro ad anello, peccato per la nebbia e le nuvole basse, che hanno impedito di godere del panorama fino alle prime ore del pomeriggio: parcheggio nello spiazzo lungo il Tracciolino nei press [...]
14/10/18 - Rocchetta (Punta) e Colle della Terra dall'Alpe Renarda - Grawal
Condizioni quasi invernali. Consigliabili i ramponi. Da 20 a 30 cm. di neve fresca oltre i 2600 mt.
14/10/18 - Sentiero Bove - mktg.mp74
Fatto in giornata il tratto Cicogna-Pogallo-Bocchetta di Campo-Bocchetta di Terza-Pian di Boit-Pogallo-Cicogna. Piuttosto lungo e faticoso. Difficile calcolare il dislivello per i continui sali e sce [...]