Brusada (Monte) da Prati Nestrelli

note su accesso stradale :: auto alta
UN'AVVENTURA SULLA COSTIERA DEI CECH - Un caldo torrido, in un ambiente brullo e affascinante, bruciato dal sole e dagli incendi, senza una pur minima traccia d’acqua, mi ha accompagnato per tutta la giornata. Ora capisco perfettamente il perché di questo toponimo, che descrive con un solo nome questa savana di Valtellina: Monte Brusada, cioè Monte Bruciato.
Sono partito dai Prati Nestrelli, dove si arriva, come ho già scritto, in auto. Una volta raggiunta la cima, che si affaccia tra la Valchiavenna, la Valtellina e l'Alto Lario e da cui si gode una veduta spettacolare, considerata la bella giornata, ho deciso di proseguire, tra praterie di festuca varia (erba visega) e alberi cinerini stecchiti dal fuoco, in direzione del lontano e nascosto, ma non lo sapevo, Oratorio dei Sette Fratelli. Quando, finalmente, l’ho visto, ho avuto una spiacevole sorpresa: l’Oratorio era sopra di me di qualche centinaio di metri e ho dovuto faticare più di mezzora prima di raggiungerlo. Questo piccolo eremo fu costruito verso la fine del’700 ed è stato recentemente ristrutturato dagli Amici Volontari di Mello.
All'interno dell'edificio, sul muro di fronte all'entrata, si trova un affresco con i Sette Fratelli e al centro la loro madre Santa Felicita; all'esterno s'innalza una grande e singolare croce in legno con una piccola campana. La discesa, viste le deboli tracce di passaggi e la totale assenza di indicazioni, è stata una caccia al tesoro. Sta di fatto che, dopo un tempo che a me è sembrato interminabile, sono finalmente arrivato, tutto sudato, assetato e stordito dal caldo, alla tanto agognata pista tagliafuoco, che ho seguito per circa 40 minuti prima di raggiungere il punto di partenza.
Non ho incontrato nessuno lungo tutto il percorso, a parte due cacciatori in cerca di lepri.

Oratorio dei Sette Fratelli
Sul Monte Brusada
Ometto sulla cima
Sul Monte Brusada
Le pendici bruciate del Monte Brusada
La porta della Valtellina
Affresco all'interno dell'Oratorio dei Sette Fratelli

[visualizza gita completa con 7 foto]

Caratteristica itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: nessun sentiero
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1170
quota vetta/quota massima (m): 2143
dislivello salita totale (m): 970

Ultime gite di escursionismo

16/08/18 - Faveroy (Col) da Runaz - Brunello 56
Era uno sfizio fare il Col Faveroy da Runaz in versione estiva per vedere il percorso su terreno pulito da neve. In breve: dal parcheggio basta seguire sempre il sentiero 20B, che è sempre ben segnal [...]
16/08/18 - Rossa (Colle della) da Cretaz - freney1961
Partito da Cretaz un po' tardi (h.11) tempo sereno, sole ma fresco, sentiero in buone condizioni, no neve, discesa dal versante Sella con molta gente ancora in salita, anche qui il sentiero è ok.
16/08/18 - Pas de la Beccia anello dal lago del Moncenisio e forte de la PetiteTurra - mario-mont
Cone segnalato nell'itinerario, l'attacco del sentiero è molto da cercare.
16/08/18 - Belice (Cappella di) da Cuorgnè per la vecchia mulattiera di Chiesanuova - laika58
Poco tempo a disposizione, solita gitarola di allenamento - Salita mattutina dal versante di Nava e discesa per il versante di Chiesanuova - Sentieri parzialmente invasi dalla vegetazione - Tempo nuvoloso e molta umidità
16/08/18 - Cinto (Monte) da Haut Asco - basca
Partenza da Haut-Asco alle 7,00 in cima alle 10,00 acqua sul percorso sia all’inizio che dal ruscello prima della salita al colle. Dal colle seguire i bolli Rossi e gli ometti a volte difficili da individuare (meglio in discesa).
16/08/18 - Nunda (Sommet de la) da Plain des Fontainettes - krisma
Niente da segnalare. Fare attenzione solo in caso di nebbia...
16/08/18 - Signal du Grand Mont Cenis da Plan des Fontainettes - krisma
Attenzione! L'intaglio finale prima della cima è veramente rovinato. A forza di passarci si sta talmente rovinando che la base fra un po' diventerà verticale... Nel complesso, dopo il colle traccia [...]