Orletto (Punta dell') e Cima Orletto da Piamprato

note su accesso stradale :: ok, ampio parcheggio subito dopo Piamprato, utilizzando la circonvallazione
Ottomilacentonovantotto piedi. Ritorno in val Soana dopo più di due anni in una buona giornata d'autunno, con il giallo dei larici che si intreccia con l'azzurro del cielo ed il candido della neve. Meno uno alla partenza, il sole arriva dopo oltre un'ora di cammino, alle singolari Grange dell'Orletto (foto), raggiunte da un ottimo e ben segnato sentiero e precedute dalle Grange Vandilliana; incontrando le prime tracce di neve raggiungiamo a circa 2200 metri la dorsale e a 2258 la Cima dell'Orletto: gli spazi si ampliano e la cresta verso la Punta dell'Orletto è spettacolo per occhi e mente....In realtà la Punta è doppia (e qui comincia il viaggio di Alice nel Paese delle Meraviglie...): la quota 2499 e la più aguzza 2510, entrambe con estesi panorami. Ma la bella cavalcata (foto) prosegue e continua fino al Colle della Borra, superando altri due rilievi, entrambi più alti ed entrambi (continua il viaggio di Alice....) più alti della Punta dell'Orletto: la quota 2530 e la quota 2578. Ma attenzione (Alice...) si continua a salire fino al punto più alto della gita, che non è una cima (sarebbe banale e scontato!), ma ….un colle!: il Colle della Borra, che con i suoi 2578 metri è più alto della Cima e delle due Punte dell'Orletto, ed anche delle altre due quote successive!
Adesso la neve, che non vedevamo più dall'inizio della lunga dorsale (in prossimità della Cima dell'Orletto), ricompare a coprire il sentiero fin verso i 2000 metri (foto), rendendo più prudente il procedere fino alle Grange Vandilliana, dove chiudiamo il bell'anello.
Circa 1200 metri di dsl per 11 km percorsi in circa cinque ore. Difficoltà EE
Un saluto a Blin 1950 che, leggendo Gulliver, abbiamo scoperto essere oggi salito poco dopo noi, mentre a settembre ci aveva preceduti sul Bec Costazza!
Con la affiatata compagnia di Gian Mario.
Grange dell'Orletto
la cresta percorsa vista dal Colle della Borra
il vallone di discesa, con in alto a sinistra il Colle della Borra
scendendo dal Colle della Borra, in alto a destra Piamprato

[visualizza gita completa con 4 foto]
Gita Sociale del Club Alpinistico Pontese, 15 partecipanti.
Saliti per il sentiero 628, Grange Vandilliana, 1881m, Grange Orletto, 2026m, poi a sx fino alla cresta, Cima Orletto, 2258m; poi la lunga cresta erbosa senza neve fino alle quote 2499m e 2510m della Punta Orletto.
Discesa verso ovest senza sentiero e tratti di erba olina con vista su San Besso e Campiglia; poi verso sud, Grange Civetto, Sup, 2117m e Grange Civetto Inf, 1975m dove c'erano ancora i segni di un vasto incendio.
Poi tacche bianche e rosse su sentiero faticoso per il tappeto di foglie fino a Salzetto.
Un saluto al gruppo, in particolare a Tatiana e Giovanni Colombatto;
grazie al compagno di gita Mauro Sassone sceso a Piamprato dalla via di salita, consentendomi cosi' di fare la traversata con il gruppo!

[visualizza gita completa con 13 foto]
Ritornato nell'alta Val Soana dopo 30 anni mi sono chiesto perchè ho aspettato tanto: è davvero un bel posto e l'itinerario seguito molto panoramico nonostante le nebbie che ogni tanto ci avvolgevano. Due avvertenze: 1) non ci sono nè segnali nè ometti per raggiungere il crestone che porta alla Cima dell'Orletto ma solo vaghe tracce di passaggio; dalla Punta dell'Orletto per tornare all'Alpe Vandilliana facendo il giro (consigliatissimo!) dal Colle della Borra calcolare almeno 1 ora in più. Visti molti camosci. Con Romeo e Stefano oggi attrezzati di caffè e prosecco, la prossima volta cosa mi toccherà portare?

[visualizza gita completa con 5 foto]
Sentiero ben segnato fino all'alpe Orletto. Poi si perde un po'. Abbiamo costruito un ometto sul crestone a un bivio in cui è facile perdere la traccia. Qui prendere il sentiero che sale ripido a destra.
Poi dalla cima Orletto su esile traccia, ma la linea di salita è intuitiva.
Prestare attenzione in alto perchè l'erba olina è già scivolosissima.
Ripresa delle escursioni settimanali degli Evergreen CAI Pianezza dopo la parentesi nepalese di Marina e Gianni.
Splendida e calda giornata, molto limpida.
A parte un pastore, ovviamente nessuno in giro. Però parecchi camosci in alto.

Abbiamo avuto il "piacere" di vedere i lavori per l'impianto di risalita in avanzata costruzione. Bell'esempio di distruzione dell'ambiente montano e spreco di risorse.
Si pensava che la chiusura delle analoghe stazioncine del Piemonte (es. Aquila e Alpe Bianca) avesse insegnato qualcosa e invece...
Impiantino lungo 300 metri in capo al mondo che d'inverno ben pochi avranno voglia di raggiungere. Un paio di anni con poca neve, cosa che a queste basse quote è più che probabile, e l'impianto chiuderà. Però si saranno sprecati 1.673.000 euro (sì, proprio questa esigua cifra), e si sarà distrutto tutto l'ambiente del vallone.
Il progresso anche qui.


[visualizza gita completa con 4 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 25/05/11 - Blin1950
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud-Est
    quota partenza (m): 1551
    quota vetta/quota massima (m): 2469
    dislivello salita totale (m): 918

    Ultime gite di escursionismo

    18/07/18 - Meidassa (Monte) da Pian del Re - carlo40
    Partiti da Pian del Re, subito la sorpres,10€ il costo del parcheggio,ci è sembrato piuttosto caro.Giornata inizialmente bella che con il passare delle ore vedeva il formarsi di nuvole di calore ch [...]
    18/07/18 - Alta Luce o Hochlicht da Staffal - rolly52
    Stupenda gita arricchita da un panorama di prim’ordine. Sentiero segnalato bene, neve agli sgoccioli. C’e Solo da fare un po’ attenzione sul pendio finale del colle Salza causa fango scistoso as [...]
    18/07/18 - Blinnenhorn o Corno Cieco dalla Diga di Morasco - dutur
    partito dal parcheggio sotto la diga del morasco, ho seguito il sentiero basso per salire verso il sabbione. Attrraversata la diga, bella traccia fino al rifugio Claudio e Bruno. Per tracce e ometti s [...]
    18/07/18 - Adami (Punta) da Pian della Mussa - windeugenio
    Gita effettuata in giornata. Salita al rifugio Gastaldi senza problemi. Abbiamo poi proseguito in direzione del risalto di sfasciumi molto ripido che c'è alle spalle del rifugio stesso. Quì occorre [...]
    18/07/18 - Viou (Becca di) da Blavy - saldo
    Saliti prima al mont Mary poi alla Becca di Viou. Partiamo da Blavy (campanile) con sentiero 105 (a volte è contemporaneamente indicato anche il 25) saliamo sino circa a metà salita ad incrociare il [...]
    18/07/18 - Cibrario Luigi (Rifugio) al Peraciaval dall'Alpe Barnas - walterb
    rifugio aperto .avvistamento stambecco albino
    18/07/18 - Ciamousseretto (Punta di) da Balmarossa - laika58
    Oggi una bellissima giornata in un angolo particolare del parco PNGP - Tempo splendido con sole ed un leggero venticello - Saliti dal sentiero degli alpeggi per confluire poi sul sentiero reale, sino [...]