Collerin (Monte) da Pian della Mussa

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino al Pian della Mussa
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Portage 400m, poi con un paio di gava e buta si arriva all'imbocco del Pian Gias. Neve continua di qui fino in cima. Temperatura fresca con venticello in alto che ha mantenuto la neve. Se il caldo aumenta il portage anche. Gente sulla Ciamarella e sullo Chalanson.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Dal secondo we di giugno park a pagamento al Pian della Mussa
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Meta decisa dopo consulto telefonico con il rif.Ciriè( molto disponibili e prodighi di info precise) e dopo aver letto la relazione di chi mi ha preceduto, sarà una ripetizione ma, se offre una bella sciata, si fa ……………. e poi torno sempre volentieri tra le mie montagne.
Partenza alle 5,30 dal piano con 4°C, gli sci si possono mettere poco prima del rudere che si trova al Pian dei Morti , un paio di brevi interruzioni e dall’inizio di Pian Gias copertura continua e ancora abbondante con neve ben rigelata, si arriva velocemente al colle Chalanson dove sono presenti alcune zone ventate, evitabili, e si giunge praticamente con gli sci in cima.

Discesa iniziata alle 10,30 su neve spettacolare, aveva smollato solo lo strato superficiale ed era divertentissima da sciare, dalla fine di Pian Gias(in prossimità del bivio per il Gastaldi) e fino a rudere più smollata ed ondulata ma si scende bene, 1300 m di discesa si fanno tranquillamente, alle 12 al Ciriè per la meritata birra.
L’innevamento in quota è ancora decisamente abbondante e tante gite si possono ancora fare, molto buona anche la zona del Des Evettes, dipenderà molto dalle temperature torride previste per i prossimi giorni oggi, pur essendoci stato un ottimo rigelo, non era più quello di ieri.


[visualizza gita completa con 7 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Sciata storica oggi al Collerin. Condizioni ottime, con rigelo perfetto, 1° alla partenza alle 6.
Portage fisiologico fino all'inizio del pian dei morti, 45 min. Poi tranne un'interruzione di 10 mt si prosegue con continuità fino in cima. Inizio discesa alle 10:15 su neve perfetta, liscia in alto, mentre nella parte finale di pian Gias un po' ondulata. Per lingue si arriva fino all'inizio del sentiero di discesa. Sosta al Ciriè (ottimo servizio).
Con Fabri.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: accesso in auto al Rifugio Città di Ciriè
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
La perturbazione di ieri ha apportato nuova neve in quota, minimo 15/20 cm con accumuli più consistenti.
Di primo mattino in quota farina e sul Pian Gias crosta portante.
Salito dal canale delle Capre tra le 5,30 e e 6,30 su neve dura. Due crepe in alto, complessivamente ancora ben imballato.
Sceso dal canale prima delle 9,00 su neve di velluto, fino ai detriti.

[visualizza gita completa con 2 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
A vedere il temporale di sabato sera al Ciriè...non avrei dato un centesimo per la gita...invece la notte serena ha regalato una gita super.
Canale delle capre a posto, solo un po' "movimentato" dalle colate della neve nuova.
Sopra proprio bello.
In discesa moquette fino al pian del Gias, da li, fino all'imbocco del canale, neve pesante, quella che frena.
Evitabile scendendo dritti sulla traccia di salita.
Canale un po' molle ma sciabile;; anzi in basso persin bellina!.
In 18 tra Ribaldonisti, tra cui i ragazzi dell'SA2 (Chalanson) e scialpinisti liberi.
Gran giornata.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti poco prima delle 6, saliti dal canale delle capre, neve dura ma agevole anche senza ramponi. Saliti fino a metà canale sci a zaino causa terreno arato pieno di blocchi. Usciti dal canale , crosta portante con qualche centimetro di neve fresca.
Skilaper in giro sulla Chalanson , Albaron e Albaron lato francese.
In discesa moquette fino 2800 circa, poi neve pesante.
Canale delle Capre in discesa super polenta. Attenzione segnalo un paio di crepe.

Giornata super, sole a tratti velato, vento assente. Leggera brezza in vetta.


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada chiusa formalmente a Balme
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
20 minuti di portage dal divieto, poi neve continua che durerà ancora un bel po' (strada lato dx orografico).
La strada statale (lato sx orografico) è percorribile fino al Piano, ma considerare che su non c'è parcheggio ed è comunque vietato il transito per ora.
Salito al rif. Gastaldi per il colle d'Arnas nel tardo pomeriggio di domenica su ottima traccia (canale d'Arnas poco svalangato rispetto alla media).
Sulla gita poco da dire, tutto firn liscio. Temperatura bassa e vento freddo che non hanno consentito alla neve di mollare fino a 2.100 mt (orario discesa h 9.30 dalla punta).
Anche se il canale delle Capre è ottimamente innevato, sono sceso a pian dei Morti godendomi il bel pendio e poi ho tagliato nel canale seguendo il sentiero estivo (tutto perfettamente innevato con le rose ben coperte che permettono di sciare comodamente).
Normali di Piccola Ciamarella, Ciamarella, Ovest Chalanson, Punta Maria ok. Cresta Albaron magra per azione vento

Solo


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: altro
quota neve m :: 2800
attrezzatura :: scialpinistica
Ben tre ore a piedi prima di raggiungere la prima neve che in pratica inizia presso il ghiacciaio del Collerin. In basso neve estiva coperta da due dita di fresca, parte alta neve più umida e pesante, vicino alla cresta neve fresca riportata dal vento più leggera.
Bella e divertente sciata, anche se assai breve.

[visualizza gita completa con 4 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
solo per memoria Ottima sciata dalla punta all'imbocco del canale delle Capre. Poi portage

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: A P. della Mussa
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Neve dal Pian dei Morti, qualche tratto anche sul sentiero ma si cammina bene. Il traverso per immettersi nel bellissimo Pian Gias abbastanza sicuro visto le scariche già scese. Da quì la vetta visibile in fondo incombe con alte pareti a chiudere il circo, poi a dx si aprono spettacolari pendii che adducono alla sella tra la Chalanson e Albaron. Molta neve ancora, in alto non ben trasformata ma sciabile in ambiente straordinario. Scialpinisti su tutte le vette della zona. Prima giornata decisamente calda dopo le belle temperature fresche delle scorse setttimane. Un saluto a starmountain conosciuto all'inizio del sentiero diretto alla Ciamarella. Con Nicolò e Renzo Barbiè alias wolkerwolf.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Il canale delle capre pare ancora ben chiuso, ma molto svalangato, io ho preferito fare comunque il sentiero estivo con portage fino a pian dei morti a quota 2100. Da lì in su condizioni ottime con neve ben trasformata. Dai 2900 messo i coltelli. A quota 3200 la crosta ha cominciato a sfondare un po' e, non sentendomi troppo in forma oggi, ho preferito girare i tacchi e godermi la discesa (in quel momento incrociavo, immagino, Starmountain e socio che scendevano). A quota 2450 sul saltino sotto il Pian Gias si passa sopra un discreto distacco proprio sulla traccia di salita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Bella gita mattutina.
Sci ai piedi dal Pian dei Morti.Ottime condizioni su tutto l'itinerario.
Siamo scesi presto verso le 10,40 trovando neve ben sciabile.
Pendio superiore della Ciamarella svalangato, non ho visto tracce però penso non male la salita alla cima.
Con queste condizioni buono anche il Canalone delle Capre.
Con Livio di Bertesseno


[visualizza gita completa con 8 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Il canale delle capre è invaso da valanghe, quindi ho girato sull'estivo. Si mettono gli sci a pian dei morti. Oggi freddo e vento fastidioso tutta la salita, crosta dura e scivolosa. Ho messo i ramponi alle roccie sotto pian gias dove ho anche sentito un paio di assestamenti. Da qui parecchia neve con riporti da vento. Discesa molto bella fino a pian gias, poi un tratto un po' crostoso, in basso meglio
Dalla roccia nera del traverso del sentiero si raggiunge, ravanando un po', il fondo del canale delle capre per cui sono arrivato sci ai piedi al Piano. Nessuno in giro, neppure dalla Francia.
Trovato un berretto a pian dei morti.


[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: OK
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Visto il gran caldo annunciato,e arrivato......,partito alle 3,30 dal Pian della Mussa,si spalla fino a poco oltre Pian dei Morti in prossimità del rudere si possono calzare gli sci e con 3 gava buta si arriva ad avere neve continua verso i 2500mt.
Pian Gias con neve estiva compatta,primaverile da 2900mt fino a 3300mt poi marcione fino in cima,evidentemente i cambi di esposizione modificano continuamente,in bene o in peggio la neve.
Dopo una bella sosta in cima sceso alle 9 trovando un bel marcione pesantissimo e poco divertente per 150mt,poi primaverile bellissima fino a Pian Gias dopodichè ancora una bella discesa su estiva compatta(e sporchina)fino ai gava buta citati prima ed in breve al rudere,dopo spallaggio fino al piano,la neve,nonostante l'esposizione infelice ha tenuto oltre ogni aspettativa.
Canale delle Capre ormai aperto nella parte bassa e buono solo per i suicidi,Chalanson ancora fattibile ma qualche crepa nel manto è presente,cresta dell'Albaron già parzialmente pulita.
E' ancora una buona gita dai 2400mt in poi,se rigela non potrà che migliorare,il portage è da mettere in conto,come ovunque in questo periodo
Oggi sono passati 6 mesi esatti dalla scomparsa di una persona a me cara,un bel modo per ricordarlo sulle montagne della sua amata valle.........


[visualizza gita completa con 14 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: senza problemi
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Portage fino poco sopra pian dei morti, poi cominciano le prime lingue di neve. Rigelo scarso e copertura nuvolosa che ci ha accompagnato fino in vetta, raggiunta solo grazie al gps. Discesa iniziale su crosta non portante poi dal Colle la neve migliora e si scia bene.
Le 2 stelle solo per il mal tempo. Coa Roby è Andrea.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: nulla di rilevante
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Veramente un bell' itinerario..oggi anche in buone condizioni, abbiamo risalito canale delle capre, chi a piedi senza e con ramponi(questi ultimi li consiglio soprattutto in caso di marcato rigelo..) e chi direttamente con gli sci, gli sci si devono comunque togliere obbligatoriamente nell'uscita dal canale, perchè vi è un bel "buco" e quindi bisogna risalire sul lato sx. In alto la gita risulta perfettamente coperta e la neve era ben trasformata. In discesa abbiamo rifatto il canale delle capre che è in buona sicurezza, a parte come dicevo prima, "l'ingresso" che bisogna percorre a piedi per roccette e poi calzati gli sci con derapage di un 20m. In ottima compagnia di Gianfranco,Teo e Luca.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: buono fino a Balme
quota neve m :: 1600
attrezzatura :: scialpinistica
Partito (tardi..) da Balme.
Portage fino a Bogone ma fino al fondo del Pian della Mussa innevamento scarso ed a tratti insufficiente.
Salito sci ai piedi dal canalone delle Capre...oggi interessato da alcune valanghette provenienti dai pendii laterali.
Un pò di bisetta fredda dalla sella dell'Albaron alla punta.
Ottima sciisticità in discesa fino al canale... poi neve cedente e anche "frenante".
Il pendio della "normale" alla Ciamarella a monte del ghiacciaio è al momento quasi privo di neve!!

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: OK
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata molto fredda, 0°C alle 7 al Pian della Mussa già al sole. Salito il Canale delle Capre, che ho trovato in ottime condizioni, nessun buco aperto, neve durissima (per il freddo), poca acqua sotto. Fare attenzione se si alzano le temperature. Ho iniziato con i ramponi, poi il fiato e la schiena mi hanno chiesto pietà e ho proseguito con gli sci ai piedi. C'è da togliere gli sci per pochi metri all'uscita. Il lungo attraversamento del PIan del Gias è stato caratterizzato da un vento non forte, ma freddissimo. Quando mi apprestavo agli ultimi 200 metri di dislivello, hanno iniziato ad attraversare il confine le prime nuvole. In punta la situazione meteo era compromessa. Per fortuna, le nuvole non erano ancora compattissime, e, sfruttando i "buchi" di sole sono riuscito a scendere con ottima visibilità. Primi 200 metri di dislivello con neve ancora troppo dura e anche lavorata dal vento. Poi... perfetta fino alla fine, oggi proprio non si correva il rischio che mollasse troppo. Canale delle capre divertente in discesa, salvo i punti in cui la neve è gobbosa. Si scia fino al fondo del canale e cioè a 10 minuti dalla macchina.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti dal canale delle capre con i ramponi su neve durissima. Neve lucidata dal vento fin sotto la sella dell'Albaron; sulla cresta grosse cornici e accumuli ci hanno fatto desistere dalla salita all'Albaron e dalla discesa sul versante ovest per il giro del Collerin. Discesa su crosta portante e neve in via di trasformazione per i primi 300 m poi bella primaverile. Canale delle Capre su neve un po' molle nonostante il freddo in alto e l'ora non tarda: in discesa abbiamo notato diversi crepacci molto profondi, che non avevamo visto in salita.
Con Mario.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ok al piano
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Il Collerin in ottime condizioni, discesa molto bella fino al fondo di Pian Gias. Sono risalito al Gastaldi per andare poi a prendere il canale del Crotas (sotto punta Maria) che veniva dato in ottime condizioni. In realta' il canale in alto non e' ancora trasformato e forse neanche sicurissimo. Comunque c'e' neve fino in fondo, se fa un po' di rigelo nei prossimi giorni diventera' perfetto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: buone
quota neve m :: 1900
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi la gita all’Albaron e riuscita nel senso come sono le spedizioni,che è sufficiente che un solo componente del gruppo sia arrivato in vetta...Infatti io e due altri amici già paghi di avere salito il canalone delle Capre abbiamo preferito rinunciare all’ambita vetta lasciando chi il più forte di noi la raggiungesse... Noi abbiamo preferito a ripiegare alla più comoda punta Collerin,e siccome l’età avanza , mi hanno detto che la punta dell’Albaron è grande e pina come un campo da calcio nel caso non c’è la facessimo più dopo vari tentativi andati vani...”imbaruniamo” un po di soldi e ci faremo portate su con l’elicottero...Comunque oggi siamo ancora riusciti a stare più di due ore al caldo sole alla sella d’Albaron e soprattutto sono estremamente soddisfatto di avere sceso per il canalone delle Capre,non perché sia un discesa eccezionale ma perché in alto si stà aprendo e anche se noi abbiamo trovato una neve cotta al punto giusto ,qua e la si stanno aprendo dei crepaccietti quindi penso e sconsiglio vivamente seguire questo itinerario ma sequire in più sicuro per la via dei tralicci...non perché ci siamo pericoli di valanghe ma per non fare la fine del topo....

[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: strada aperta in serata fino pian della mussa
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal Gastaldi. Dieci cm di fresca caduti nella notte sopra i 2300 m, neve splendia dalla vetta fino a 2800 m, poi pappa. Il canale d'Arnas a tratti pietroso ma sciabile.

Col corso SA2 CAI Ligure.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
attrezzatura :: scialpinistica
Confermo la relazione di Guido.
Aggiungo solamente foto .

[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Sono salito dal sentiero estivo mettendo gli sci a Pian dei Morti (2100) (il canale caprino non e' invitante). Il rigelo pero' inizia a sentirsi solo da 2400 circa. Dalla punta discesa molto bella fino alla fine di Pian Gias, a circa 2500, poi in una polenta pesante che comunque permette di scendere fino al traverso del sentiero estivo (a circa 2000 m) senza toccare una pietra. Volevo fare qualcosa di piu' ma e' andata bene cosi' anche perche' nella tarda mattinata si e' messo a piovere. Un saluto a Luca e Marco incontrati in punta.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal rifugio Gastaldi, traverso per raggiungere il pian Gias molto delicato causa rigole da slavina molto dure per la temperatura oggi rigidissima, meglio traversare con i ramponi. Itinerario dal pian Gias in ottime condizioni. Discesa su neve purtroppo non lavortata dal sole, neve dura fino al canalone delle Capre. Entrata nel canalone ormai quasi al limite mentre la neve molle ne facilita la discesa.
Con Luca e Marco.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: ok fino al pian della mussa
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima gita, partito solo ancora con il buio, risalito velocemente il canalone delle capre con sci a spalla e ramponi.
Uscito al pian del gias con un nutrito gruppo di francesi provenienti dal gastaldi. Quindi compagnia fino in cima. Vento freddino e un po' fastidioso dal colle in su. discesa poco dopo le 10 su neve molto bella anche se ancora un po' dura con tratti di farina ventata facile e divertente. Dal pian del gias essendo solo e ritenendo il canalone delle capre un po' troppo rovinato per una decente sciata proseguo sull'itinerario estivo fino al pian dei morti su neve trasformata perfetta. Ho tolto gli sci prima del traverso e pensando di non metterli piu' li ho sistemati nello zaino e sceso a piedi. Forse dopo il traverso era ancora possibile sfruttare le ultime lingue per arrivare al piano.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: strada aperta fino al Piano
quota neve m :: 1800
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata bellissima, neve bellissima. Salito dal canale della Capre molto svalangato, tutto a piedi (con ramponi, anche se forse non necessari). Dalla punta neve-velluto fino alla base di Pian Gias, poi un po' piu' pesante ma sciabile. Da Pian Gias sono sceso sotto i pali della teleferica per raggiungere il sentiero estivo al traverso e da qui rientrato alla base del canale (attenzione che le tracce scendono un po' troppo, sono dovuto risalire di qualche metro). Nessuno in giro, neanche dalla Francia, solo una piccola volpe spaventata. 5 o 6 scialpinisti sulla Ciamarella che dicono essere in ottime condizioni. Un saluto al compagno di discesa incontrato a Pian Gias.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Salito dal sentiero estivo mettendo gli sci un po' sopra Pian dei Morti. In alto scendendo neve molto bella, cosi' ho risalito anche la Chalanson fino a poco sotto la punta. Sceso dalla Chalanson a dx (in discesa) della parete che ha gia' parecchie roccie fuori. Volevo evitare la scarpinata dal Pian dei Morti cosi' son risalito al Gastaldi per scendere dal canalon d'Arnas, ma non e' stata una grande idea. Canale veramente al limite e comunque si cammina lo stesso una mezz'ora. Parecchia gente sul Pian Gias, nessuno sul versante di Punta Maria.
Consigliabile, ma evitate il canale d'Arnas (e quello delle Capre che sembra molto sottile...)

[visualizza gita completa con 2 foto]
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di tutto rispetto considerato che siamo partiti da Balme!
Pervenuti alla punta tra p. Collerin e l'Albaron di Savoia.
Canalone delle Capre in ottime condizioni (qualche pietra affiorante in uscita!).In discesa neve marmorea fino al colle dell'Albaron, quindi sui pendii più esposti al sole gradevole neve trasformata.... Ottimo il canalone delle Capre che in questo periodo va in ombra abbastanza presto.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: snowboard
Con Gabry e Andrea, tavola in spalla. Itinerario tutto innevato a partire dal Pian Gias tranne pochi metri di sfasciumi sotto la crestina finale della vetta.
In salita ramponi ai piedi e inizio discesa alle ore 12 con neve buona e divertente. ci siamo tenuti sul ghiacciaio del Collerin verso la parete est della punta omonima, con pendii abbastanza ripidi e remunerativi. Certo, pensare a quando trent'anni fa transitavamo in questo tratto tra insidiosi crepacci...Giornata strepitosa.

[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2600
attrezzatura :: scialpinistica
In sci da Pian Gias. In alto la neve e' ancora bella grazie al freddo ed alla spolverata di fresca, ma bisogna averne voglia. Mi sono fermato sotto il colle di Chalanson superiore (a quota 3250) per il vento molto forte: mentre toglievo le pelli ha sollevato uno sci e l'ha fatto volare per 50 m, fortunatamente si e' fermato contro una roccia. Inconvenienti degli sci troppo leggeri... Mi sa che e' l'ultima gita, almeno da queste parti.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
Neve continua da poco dopo il ponte a inizio sentiero Gastaldi. Canalone delle capre in buona condizioni, neve accumulata non abbondante nel "punto critico" all'uscita. Cielo in parte coperto che comunque permetteva un'ottima visibilità "sciistica" ma che ha mantenuto buone condizioni per tutta la discesa (canalone compreso!). Con l'amico Ernasto. -122-

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2500
Mezza gita con gli sci in spalla (fino a sotto Pian Gias). In alto neve vellutata, il Pian un po' marcia ma sciabile. Tre a piedi sulla Chalanson e tre sull'Albaron ma nessuno in giro con gli sci (come mai...?), solo un socio a 8 zampe...


[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 2200
A piedi per quasi un'ora fino a meta' di Pian dei Morti. Si tolgono poi ancora un paio di volte gli sci. In alto neve molto bella, a Pian Gias marcia e poco sciabile, ma migliora un po' in basso. 2 francesi sul Collerin e 2 cuneesi sulla Ciamarella.

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2100
un'oretta sci a spalle (percorso teleferica, occhio ad individuare il traverso giusto) poi neve continua. Buon rigelo notturno, nella parte più alta ho preferito usare i coltelli. Discesa ottima (ore 11) alcuni tratti di neve ventata gessosa su fondo duro. sfruttando le lingue si arriva a una mezz'oretta dall'auto.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strade sgombre
quota neve m :: 2300
Giornata spettacolare,partiti alle ore 5 dal Rfugio Gastaldi.Neve durissima che necessitava ramponi, discesa spettacolare su neve perfettamente trasformata sino al Pian dei Morti.
Col grande amico Giulio


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: no problem
quota neve m :: 2200
Saliti per il sentiero estivo per 45 minuti poi neve continua a mt 2200, evitando così di portare gli sci sino all'uscita del canale delle capre come abbiamo visto fare ad altri, arrivati alla cresta dell'albaron viste le condizioni poco adatte ci siamo diretti al collerin con breve sali-scendi. la neve caduta martedi è stata rovinata dal vento ed il sole non ha ancora sistemato il manto pertanto per il primi 300 mt crosta non sempre portante poi neve pesante ma sciabile sino al pian gias, firn morbido nel canalone delle capre, sporco di terra ma ben sciabile sui passaggi precedenti e divertente, abbiamo trovato solo due buchi appena aperti facilemte superabili ed alcuni altri sui bordi, ma nessuno ha creato problemi per la discesa.

Con Renato, Luca e Beppe.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2100
le cinque stelle si riferiscono a 3/4 della gita; dal Pian della Mussa abbiamo portato gli sci a spalle per circa 40 minuti (il canale delle capre non ci ispirava); nonostante lo zero termico fosse alto c'era molto vento (abbastanza freddo)che ha permesso alla neve di rimanere consistente e perfettamente sciabile

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
quota neve m :: 1800
Salito dal canalone delle capre. Qualche accenno di "spaccatura" all'uscita. Dal pian Gias alla punta è veramente in condizioni eccellenti. Sembra una lavagna. I primi 400 mt di dislivello presentavano un sottile strato di farina accumulato dal vento sciabilissimo;quindi neve trasformata, anche troppo in basso, dura in alto.
Il canalone permette di arrivare al piano della Mussa sci ai piedi ma è piuttosto sporco in superficie. Un pò di arietta in cima.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 1800
Si sale e si scende dal Canale delle capre (ancora pieno di neve) senza problemi. Prima mattina molto bella ma ben presto sono apparse le nubi e verso le undici si è coperto tutto e si è scaldata l'aria e la neve. per fortuna stavamo già scendendo e non abbiamo avuto problemi.
Neve molto bella sotto il colle. Un po' marcia nellà metà inferiore ma bel sciabile.
Un saluto all'amico Luciano.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Pian della Mussa aperto fino al fondo
quota neve m :: 1800
Canale delle Capre in condizioni favolose, sia in salita che in discesa. Volevamo andare all'Albaron, ma le condizioni di visibilità erano scarse (in basso cadeva una pioggerellina inconsistente, mentre oltre i 3000 metri nevicava a tratti tipo bufera), così al colle ci siamo "accontentati" della Punta che a casa ho appurato essere la Collerin. Se la salita è stata resa un po' monotona dalla mancata visibilità del panorama, la discesa è stata molto divertente, perchè la neve "sporca" garantisce ottima visibilità anche con un po' di nebbia (ma comunque non ne abbiamo trovata tanta in discesa) e l'assenza del sole ha mantenuto la neve bella su tutto il percorso.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
attrezzatura :: scialpinistica
condizioni ottime anche nel canale delle capre. gran soddisfazione in solitaria

[visualizza gita completa]

Caratteristica itinerario

tipo itinerario: in canalone
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Est
quota partenza (m): 1800
quota vetta/quota massima (m): 3475
dislivello totale (m): 1675

Ultime gite di sci alpinismo

18/10/17 - Plateau Rosa da Cervinia - luca94
Dal parcheggio ho seguito il sentiero n.15 molto ripido e diretto che porta all’arrivo della cabinovia di Plan Maison, da qua in poi mi sono diretto al colle del Teodulo (3290) seguendo prevalenteme [...]
20/09/17 - Lonquimay (Vulcan) Face sud - Thommy
Luoghi Incredibili, Panorami Mozzafiato ed ottime Condizioni. www.thomasscalisemeynet.wordpress.com
13/08/17 - Breithorn Occidentale da Cervinia - loryefranco
Un Breithorn fantastico!!!Scesi dalla punta fino alle piste su crosta portante liscia come un biliardo,bellissima la neve in pista che alle 12,00 non aveva mollato.Solo in 4 in vetta con gli sci!!, Tempo stupendo,zero vento,aria fresca.:-)
08/07/17 - Breithorn Occidentale da Cervinia - fyplom
Partiti dal plateau rosa verso le 8.15. Parecchi alpinisti sull'itinerario. L'ultimo pezzo con gli sci sullo zaino e ramponi. Diversi buchi si stanno aprendo lungo la linea di salita alla punta ma per [...]
06/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - Kowalski
Cos'altro dire al terzo gg consecutivo della stessa gita? Per cominciare che. essendo notoriamente uno snob, non sarà la mia ultima gita...dell'anno?della stagione?, del mese?. Poi che, disdegnando [...]
05/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - lakota
la stagione finisce qui, con questa spettacolare giornata in quel dell'Iseran. Rigelo perfetto. Ultime 3 discese dell'anno (una risalita fatta con gli impianti) su un bigliardo che solo qui si trova [...]
04/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - gigi02_to
Gita di chiusura della stagione con gli sci. Con Mario, Fabio e Tino. Giornata splendida con buon rigelo. Saliti a bordo pista; nel canalino la neve inizia a sparire, per raggiungere la vetta si tolgo [...]