Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera

osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Necessario veicolo fuoristrada o comunque con assetto alto. Presenti due guadi
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Finalmente dopo una lunga attesa e qualche rinvio siamo finalmente riusciti a salire su questa bella e remota punta valsusina. La strada della Valle Argentera è aperta ma occorre attraversare un paio di guadi ed è meglio disporre di fuoristrada o SUV. Si parte sci in spalla e ci si innalza seguendo le tracce di sentiero e tribolando non poco (tra guadi e ripidissimi terreni erbosi) per superare la massicciata rocciosa sovrastante la vallata e che dà accesso all’ampio pianoro finalmente innevato dove, a quota 2.150 circa, si possono mettere gli sci. Imboccato il canalone, risalito senza difficoltà e senza usare i rampant, siamo giunti al colletto e di lì in vetta dopo poco più di tre ore e mezza dalla partenza. La Ramière ci ha regalato un panorama bellissimo e assenza di vento ma anche 600 metri di discesa fantastica, da quota 3.300 e 2.700. Poi la neve, inevitabilmente si è fatta più pesante. Sfruttando alcune lingue si arriva a 2.200 ma con il manto via via meno sciabile. Ma il peggio doveva ancora venire, con ulteriori e per certi versi peggiori tribolazioni nel trovare il sentiero tra la vegetazione sempre più fitta e le tanto scoscese quanto insidiosa ripe della massicciata. Alla fine piacere senza pari con il pediluvio nelle gelide acque del torrente. Con Roberto, Alessandra, Danilo, Matteo M., Vincenzo, Matteo N. e Stefano.




Foto di gruppo in vetta
Portage impegnativo
Salita tutto sommato agevole. Non utilizzati i rampant
Vista sulla Ramière e sui suoi pendii innevati
La croce di vetta
Ottimi i primi 600 metri di discesa. Neve più pesante da quota 2.700 in giù

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino all'inizio del sentiero
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Gita da amatori: portage sul sentiero estivo fino a 2400mt, a metà del traverso che entra nel canalone, poi continua.
Buon rigelo.
Arrivato al colle con temperatura ancora bassa e neve marmorea ho spellato e sceso 300mt di moquette stando sui pendii esposti a est.
Ripellato e arrivato in cima con neve leggermente ammollata che in discesa alle 10.20 era ottima.
Sotto il colle preso un canale diretto che però dopo 150mt era quasi senza neve...ripellato e sceso sul canalone di salita che era ancora bello in neve estiva.
In discesa sono riuscito a tenerli fino a 2300.


Solo in tutto il vallone.
Ringrazio i due escursionisti incontrati sul sentiero di discesa per avermi indicato la variante che mi ha fatto evitare la doccia nel guado della cascatella.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Tornati sulla Ramiere perché una serie di valutazioni (meteo, neve ecc.) lasciavano intravedere che, nonostante tutto, ci si poteva anche divertire. Infatti al mattino cielo sereno, anche se con +5°C alla partenza. Il passaggio più difficile era il guado sul torrentello tra le rocce, nel primo tratto del sentiero... Messi gli sci verso i 2.300, trovato il rigelo solo oltre i 2.800, ma non erano necessari i coltelli. Parecchia neve più fresca, pressata ma non ancora trasformata. Nuvolosità in aumento, sia dal basso che attorno.
Le condizioni ci hanno sconsigliato la discesa dalla nord, comunque quella lungo l'itinerario classico è stata divertente fino al livello del rigelo notturno, poi un tratto di pauta e infine non male sulla neve sahariana fino al fondo di un canale, dove abbiamo tolto gli sci e tagliato verso il sentiero estivo.


Con l'ottima compagnia di Gian, Dario e Luisa. E la stagione continua...?


[visualizza gita completa con 4 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: snowboard
Ancora buona ma sicuramente non come ieri, duretta in alto e con la monolamina non è il massimo, ottima nella parte centrale dal colle fin nei pressi della strettoia su primaverile ben ammollata, oltre marcioni su cui comunque si galleggia decentemente. Stando alti sul traverso sopra il punto dove inizia la neve in salita si arriva bene alla bella marcetta rossa che chiude la parte sciistica.
Mancato rigelo e salita lenta e difficoltosa causa sfondamenti vari fin nei pressi del colle, meno male che Puffetta col peso lieve fa metà lavoro di battitura.. oltre portante dura, pure troppo. Da poco sotto cresta con la tavola si naviga benone e via di bei curvoni, peccato si trattasse oggi di 600m sui quasi 1500 di dislivello.. Salut!

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si giunge tranquillamente ad Argentera con qualsiasi auto
quota neve m :: 2500
attrezzatura :: scialpinistica
Ramier super affollata, ma andando piano piano condivido la punta con solo 4 scialpinisti tra cui Kowalski che saluto. Pala finale molto bella su buona pendenza e bel firnello, poi stando a destra trovo uno splendido velluto con pochissime tracce. Al ricongiungimento con la traccia di salita marcione pericoloso soprattutto nel lungo traverso (attenzione qui anche in salita, rigelo nullo sino a 2900 e neve granita). Poi sulla neve rossa di nuovo velluto e infine stretta gorgia su bella cremina pistata, due saltini in ghiaccio. Si arriva al bel pianoro dove si attraversa il torrente.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada sterrata percorribile con attenzione anche con macchine normali
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Mi associo al coro di gulliveriani presenti sabato alla Ramiere. Neve primaverile dura ma ben sciabile dalla cima al colle. Personale soddisfazione per avercela fatta senza problemi. Morbida e vellutata dal colle fino ai traversi iniziali. Qui invece ho ravanato causa neve granitosa non portante (come si fa a sciare sta roba?) e qualche buco che non mi permetteva di scendere agilmente. Il posto, l'ambiente e i panorami ci hanno colpito. Con Meme racchettaro velocista e Zeus in formissima.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
La Punta Ramiere è una bella montagna, ottimo punto panoramico, che può essere salita da ben quattro versanti, tutti molto interessanti e sciistici: per il versante nord ovest, per il meno frequentato ma spettacolare canalone nord est, (entrambi in Valle Argentera), dal ripido e più impegnativo versante sud con partenza da Roux d’Abriès nel Queyras, e dalla Valle di Thuras versante sud ovest.
Discesa con bella neve primaverile con un solo tratto poco portante al fondo del Vallone del Grand Adreit (tratto che richiede neve sicura).


[visualizza gita completa con 9 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Portage di 300m. Io non ho usato i coltelli ma il mio socio si. In ogni caso utile averli. Vista spaziale dalla cima. Siamo scesi tardi (h12.30) ma anche così firn in condizioni eccellenti fino al canale. Canale umido ma comunque ben sciabile. Consigliata.
Con Paolo che è stato un leone e non ha mai mollato.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Sci in spalla fino a 2300. Neve ok al mattino fino al colle. Da qui dura (rampant non obbligatori) fino in vetta. Caldo notevole. Parecchia gente. Sciata ottima su firn appena smollato nella parte alta, un po più molle ma divertente fino a 2200. Bei posti. Con Enri.

[visualizza gita completa con 4 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino alla partenza del sentiero
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Gran bella scialpinistica la Ramiere. Ambita dal sottoscritto per molto tempo e con pendii fantastici per lo sci (soprattutto quello finale. La partenza avviene dal cartello che indica il sentiero (difficilmente rintracciabile) per il Colle Ramiere. Una volta arrivati al pianoro quota 2100 andare a destra seguendo il vallone e non farsi tentare come noi di tagliare per salire al pianoro successivo....abbiamo ravanato parecchio. Da quota 2500 la neve è continua e si segue il vallone fino al Colle Ramiere, dopodiché si segue la dorsale finale fino in vetta (usati i coltelli). Panorama grandioso a 360°.....stupendo!
Discesa: scesi tardi, la neve aveva già mollato troppo.....alternando tratti in neve dura a tratti dove occorreva stare attenti per la presenza di neve recente non ancora ben assestata....ad esempio nel pendio finale (tratto a sinistra scendendo) e sotto il Colle Ramiere per un breve tratto. Per il resto ottima primaverile e discesa tutto sommato divertente....occorre però partire molto presto con queste temperature. Per scendere abbiamo seguito la gorgia indicata da Dovio, ancora ottima e divertente!
Gran bella gita in una giornata di ferie dal meteo spettacolare....compagnia ottima di Andrea e Flavio, cosa volere di più? Consigliatissima!


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
gita in solitaria con i cani sul posto trovato altro socio che ha battutto la traccia GRAZIE , per tutta la gita in quanto le vecchie erano state coperte dalla nevicata dei giorni scorsi ; condizioni super su tutto il percorso , sopra trsformata dura , centrale primaverile con 4 dita di fresca , finale trasformata cremosa ! Gita d'ambiente , merita

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: All'imbocco sentiero per Colle Ramiere
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Condivido commento di dovio tranne le sue 4 stelle anzichè le 5 mie che si riferiscono alla sciabilità che oggi era perfetta come domenica scorsa alla Francesetti (Orgasmo Bianco). Il portage sul sentiero della parte bassa è, per questo itinerario, sempre inevitabile anche quando innevato che costituirebbe quasi un ostacolo, meglio come ora sgombro da neve, come consigliato dalle vecchie "bibbie". Mi permetto anche di cambiare nome all'ultimo tratto di discesa, veramente divertente per me, il mio compare l'ha chiamato "canale", lo definisco più "gorgia", sinuosa, poco ripida e con strettoie ma niente salti impervi. Bella gita alla più alta vetta della zona.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Ok fino allinizio del sentiero
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Meteo buono, portage sul sentiero per 300m, fino a 2200m, poi neve primaverile perfetta fin oltre il colle Ramiere. Gli ultimi 300m neve dura, ma non durissima. Discesa buona con finale in un canale laborioso per scendere un po' di più (poca roba). Gran Queyron in condizioni, ma devono aprire almeno la strada al pian dei militi...

[visualizza gita completa con 13 foto]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino all'inizio del sentiero, con auto normale.
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Salito sul sentiero estivo con tracce di neve non fastidiosa.
La neve inizia dai piani sopra il sentiero e diventa continua dalla gorgia in su.
Salita agevole su neve sempre portante, continua sino in cima: molto meglio di due settimane fa, grazie alle recenti nevicate.
Sceso alle 10, forse un pò presto, crosta portante sino al colle e poi bella primaverile fino al fondo.
A mio avviso il manto non è stabilissimo, ci sono alcuni accumuli da vento, oggi era relativamente sicuro per le temperature basse, ma se scalda occorre prestare attenzione.
Solo soletto


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: senza problemi fino al parcheggio del pelvo.. ma poi necessario fuori strada per aggirare un pino caduto circa 2km prim
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Occhio ai sassi sulla strada per argentiera e ai pini.. macchina alta tipo pandino o fuori strada necessaria per aggiramento pino caduto zona campeggio dopo partenza pelvo circa 2km prima argentera Poi neve sul sentiero da quota 2000.. Neve comoda da salire senza biusogno di rampant fino in cima oggi. Pendio inizial fino al colle girato a nord con crosta leggera ma un po' fastidiosa.. Poi prima del colle ci siamo tenuti un po' sul lato argentier con farina pesante un po' crostosa.. Infine sotto il colle seguendo le tracce della slavine degli ultimi giorni esposizione quasi Est neve trasformata per tutto il canalone e fino ai piani stando nella gorgia divertente.. Sotto inpiani: ravanish stando alti sulla sx poi in derapata nel torrentello che si attraversa salendo con il sentiero. Raggiunto il sentiero coperto di neve lo si segue fino al pendio canale inziale che con un po' di attenzione consente di scendere con gli sci fino a 5' dalla macchina.
Neve che deve ancora assestrasi un po' sia per la nord che sulle altre esposizioni dove è umida.. comunque divertente.. Neve dall alpe plane in su per gran queyorn alpe plane probabilmente raggiungibile se non rinevica..


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
attrezzatura :: scialpinistica
Gita di fine stagione. Condizioni pessime per la poca neve molto sfondosa. Un disastro.
Un saluto ai soci di gita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: libero fino al parcheggio
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
500m di portage ci hanno obbligato a calzare gli sci nel canalone. Da lì neve continua fino al colle. Ultimi 200 metri di nuovo con sci in spalla per neve a tratti. Scesi dal canale N-E su neve dura in alto che si ammolla scendendo...
Gita di fine stagione con Marcello, Luca e Serghiej


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: nessun problema fin quasi al bivio per l'agriturismo
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
gita molto bella, forse un po' troppo avanti nella stagione.
con llCassardo & C.


[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Fino all'inizio del sentiero senza difficoltà
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Si calzano gli sci a circa 2300 m. dopo un'oretta di portage. Da lì in poi l'innevamento è continuo e ancora abbondante in alto, il rialzo termico ha però reso le condizioni della discesa meno belle che nei giorni scorsi. Scesi alle 10 su ottimo firn fino ai 2900 m., poi il caldo si è fatto sentire e la neve è diventata più marcia, rimanendo però compatta e comunque ben sciabile. Con Francesco, Marco, Emilio, Pierangelo, Giorgio e Lorenzo.

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Mezz'ora di sterrato in condizioni da discrete ad appena sufficienti
quota neve m :: 2300
attrezzatura :: scialpinistica
Ormai si arriva in auto fino alla partenza del sentiero estivo. Salita: dal cartello che indica l'inizio del sentiero in realtà il sentiero stesso non è molto evidente, bisogna cercare un po'. Una volta trovato (non è lontano) è poi un bellissimo percorso, ripido fino ai 2150 circa - non so dove si passi in caso di neve sotto quella quota - abbastanza ben segnalato coi bolli gialli, in ambiente boscoso e fiorito. Si attraversano due torrenti che schizzano, attenzione a non bagnare le pelli (sugli sci che sono sullo zaino). Oggi portage fino ai 2350. Poi neve continua e stupenda fino in cima! Utili i rampant dal colle in poi. Discesa: Appunto, neve stupenda, da urlo! Due dita di farina pressata su fondo duro in alto, poi moquette e, proprio in basso, estiva. Ottimo meteo. Si arriva su canalini e lingue fino a quota 2250 (ancora per poco), poi ci si congiunge appena possibile col sentiero. Gita bellissima, in ambiente, una stella in meno è per il portage, ma è un portage comunque piacevole..Non so per quanto la neve in basso reggerà, per cui sbrigatevi se volete farla...
Un caro saluto al ragazzo molto veloce col quale ho condiviso la discesa!
Nota "geografica": mi pare che la foto di copertina (qui in alto) della vista sul canale non c'entri con questo percorso. Deve essere una variante, quel canale lì non si fa, almeno non obbligatoriamente. Invece l'altra (che si intitola "il bellissimo pendio finale") mostra un tratto effettivamente da percorrere.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: in macchina, si arriva a 300/400 mt. dall'attacco del sentiero estivo
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Saliti per la classica via estiva.
Confermo quanto già detto da chi mi ha preceduto.
Volevo segnalare la presenza di una enorme ed evidentissima meringa che incombe sul canale della diretta nord, si vede anche dal pianoro a 2100mt.
Insieme a Paolo alla sua prima Ramiere.

[visualizza gita completa con 6 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva quasi alle grange di Argentera
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Portage fino ai pianori 2100 circa, poi firn.
Spendidi pendii, bello l'ambiente e il colpo d'occhio sul Viso lato Queiras.
Gita piuttosto impegnativa da farsi dopo che si sono scaricati i pendii sovrastanti il vallone di salita.
Utili i coltelli dal colle alla punta.
Con Luca Marmo e il velocissimo Fancool!
Avviso agli Ungulati: avvistata la traccia di un lupo.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2400
attrezzatura :: scialpinistica
Colto l'attimo. Sabato l'ho vista e fotografata dalla Sommellier. Stupore! Poi il meteo favorevole, perciò giorno di ferie. Come ai vecchi tempi dormito in macchina (3,5 gradi dentro zero fuori). Parto alle 4 legali, 500 mt dislivello con trasporto sci, ne rimangono 900 PERFETTI!All'inizio della gorgia decido di salire da nord est (compare Riccardo dice: non scendere dove non sali! e volevo scendere da nord). Neve marmorea per tutto il percorso, ultimi 50/70 mt con ramponi e picca (bello ripido e bel ghiaccio, siamo al limite). Comunque neve formidabile grazie a meteo e alla quantità di neve (sempre presente su Ramiere malgrado l'est), in effetti da Val Thuras non val la pena. Scendo: palla da biliardo con spruzzata di fresca! Mi è andata bene. Ovvio che si può fare solo in ragione di zero termico.

[visualizza gita completa con 6 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Argentera
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Nulla da aggiungere al compagno di gita e di merenda sinoira Paolo "Funcoll", meteo strepitosa, neve primaverile da cima a fondo e Barbera, piu' fontina/mocetta/salami vadostani recuperati l'altro ieri di rientro dall' Ormellune, a dir poco goduriosi e gustati sulla spiaggetta di Argentera in costume!
Un saluto a super Enrico e Paolo Funcoll! Massi

[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Fino all'inizio del sentiero estivo dopo Argentera
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
Portage di quasi 300mt su sentiero estivo fino alla gorgia del rio Ardet, ma ne vale la pena...
Poi neve continua con ottimo rigelo (sono salito a piedi per aver scordato le pelli..)
In discesa alle 12 un pò dura sul pendio iniziale, poi firn perfetto che non ha mai sfondato.
Meteo da urlo
Grazue a Massi ed Enrico con cui abbiamo diviso bottiglia, fontina e salami sulla spiaggetta del rio Argentera.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Ponte località Montenero ( mt 1930).
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Abbiamo salito il canalone nord-est,itinerario del tutto indipendente ( non é certo una variante) e non meno remunerativo di quello più classico che sale a nord, attraverso il colle della Ramiere.La gita è descritta con precisione nel libro " Scialpinismo tra Piemonte e Francia" di Aruga.
Percorso molto interessante, diretto, in un bellissimo vallone dalle pendenze sostenute, con alcuni tratti ripidi: attualmente si tolgono gli sci per poche decine di metri all'inizio del bosco e si risale a piedi per circa 50 metri il pendio canale che porta all'intaglio sulla cresta sud (mt.3150).I pendii finali sotto la cima sono in buone condizioni, con neve trasformata.
In discesa neve generalmente buona, ancora bella farina sui pendii in ombra, qualche breve tratto di crosta e qualche rischio di pietre affioranti.Si arriva sci ai piedi all'auto.
Solo noi nel vallone, traccia da fare, non troppo faticosa.
Non sono necessari ramponi e coltelli.
Tempo spaziale, panorama grandioso,gita consigliabile.
Con Franco, Alberto,Andrea, Luciano, Alessandro e Guido che, arrivato dal colle della Ramiere, è sceso con noi nel vallone.

[visualizza gita completa con 7 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
giornata splendida, ma l'incanto delle 5 stelle (per 5 stelle io intendo tutto perfetto da cima a fondo!!) non c'è più, se mai c'è stato. In basso calcolare circa 30 minuti di sci in spalla. La traccia di salita a volte sembra un'ascensore più che una traccia, l'abbiamo modificata nei punti più assurdi, poichè erano al limite di tenuta delle pelli.
Il vallone centrale è oramai arato, io e Luca abbiamo optato per la discesa in un vallonetto laterale ancora intonso ancora più spostato rispetto alle discese precedenti, e che si imbocca poco prima di giungere al colle( tra l'altro pieno di pietre e da evitare in discesa). In alto neve lavorata dal vento, nel vallone superiore ottima farina alternata a qualche tratto ventato. In basso crosta che non blocca, ma molto disturbo dai precedenti passaggi.
Si potrebbe scendere sotto la croce di vetta su pendii più ripidi e intonsi, ma bisogna valutare dopo il vento di ieri...noi non ce la siamo sentita.
E' comunuqe rarissimo trovare le condizioni per fare questa montagna a Novembre!! Con Luca che ringrazio!!!!
Ho le foto troppo grandi (4-5 MB l'una) per inserirle...confido in Luca.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: con un po' di cautela si arriva in auto fino alla partenza
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Concordo con “macbin” che ci ha preceduti il 23/11. Purtroppo nei giorni scorsi un po’ di vento c’è stato e lo testimonia il fatto che la traccia di salita è parzialmente ricoperta da un paio di cm di neve riportata, mentre la qualità della neve è peggiorata rispetto a quanto descritto una settimana fa. Si trovano ancora dei bei tratti di farina appena un po’ appesantita, ma intervallati da altri di crosta non portante abbastanza fastidiosa soprattutto perché la neve cambia improvvisamente. Inoltre l’innevamento non è così abbondante e ogni tanto si tocca qualche pietra.

Partiti dal parcheggio alle 8.50, si cammina sul sentiero (innevato ma non percorribile con gli sci né in salita né in discesa) fino ad un piccolo pianoro a quota 2.130 m circa, dove si calzano gli sci (sono 230 metri di dislivello per i quali noi abbiamo impiegato circa mezz’ora). Nessun problema fino al colle, un po’ insidioso il breve traverso dopo il colle stesso in quanto la neve è molto dura e liscia, e nei prossimi giorni potrebbero essere utili i coltelli.
Arrivati in cima in poco meno di 4 ore, ci siamo concessi una bella pausa anche se tirava un’arietta gelida. Discesa iniziata verso le 14, i primi 100 metri sotto la cima sono molto ventati ma sciabili, poi stando nei tratti più riparati bella farina fino al colle. Dal colle noi siamo scesi in un valloncino più a destra (scendendo) rispetto a chi ci ha preceduti ricongiungendoci alle altre tracce poco prima del restringimento del vallone. Fino a quota 2400 circa si alternano tratti di ottima farina a croste non portanti e bisogna scendere con un po’ di cautela anche perché qualche pietra affiora; poi è quasi solo crosta e quindi si ravana un po’ fino a dove si tolgono gli sci.

Gran bella gita che vale comunque la pena di fare in quanto si svolge in un ambiente molto selvaggio e che necessita di condizioni abbastanza particolari (strada aperta fino alla partenza e innevamento sicuro). Grandioso il panorama a 360° dalla cima, peccato per la neve non proprio splendida, ma d’altra parte dopo quasi 3 settimane che non nevica non ci si può aspettare molto di più!!!


[visualizza gita completa con 8 foto]
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: In auto fino alla partenza del sentiero estivo
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Il vento ha un po' cambiato le condizioni della neve rispetto a quelle descritte da Cri76, ma ci sono ancora parecchi tratti di neve farinosa da urlo. Consigliabile

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
attrezzatura :: scialpinistica
Per la parte tecnica ha già detto tutto egregiamente Bill, aggiungerei solo: i piacevoli 15 minuti a piedi sul bel sentiero innevato e...una stella!! ;) Ripetuta oggi con altri amici che non c'erano mai stati e perchè una Ramière così non capita spesso!! La zona del colle Ramière che presenta accumuli sulla zona di sx è sicura passando sulla dx (salendo), no accumuli e poca neve, dov'eravamo già saliti domenica.
Saluti a tutti i Grandi soci di oggi e di ieri


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
venerdi sera mi an gridato al lupo al lupo ,io ribatto no non posso , ma domenica ore 7-30' ritrovo in gruppo x gita con la G maiuscola,io ,cri e compani , in gran solitaria in un ambiente strepitosamente in veste autunno invernale ,saliamo una ramiere intonsa,cri e il katerpillar di sempre , io chiudo con neanche un ritardo da squalifiche .bel tempo e temperatura gradevole -2°media,farina zucchero ,un pò di accumulo nei pressi del colle , cautela ,e via sull'ultimo pendio in ottime condizioni che conduce in vetta , discesa perfetta a parte le gambe (brùà).saluti ai soci . ps info il ghiaccio sulle cascate incomincia ad essere bello ciccio,accesso stradale fattibile almeno fino a dove eravamo ok con auto possibilmente non con assetto ribassato .

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Neve bella fino a 2900m poi da pesante a marcia....
almeno un bel sole ci ha accompagnati !!
Aggiunta traccia GPS

[visualizza gita completa con 3 foto]
note su accesso stradale :: Strada bloccata da valanga a quota 1830m; 3 km prima del bivio Ramiere
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Arrivati dove la strada è interrotta alle 6.30, 3°C ma le nebbie che stazionavano in basso non hanno permesso il minimo rigelo, seguendo un po' il sentiero e un po' i fondi di valanga siamo arrivati a quota 2100 dove inizia la neve, sfondosa più che mai fino a quota 2400, il meteo in miglioramento e la neve finalmente dura ci hanno fatto continuare, saliti in pieno nord sfruttando la traccia dei giorni precedenti, ottima traccia che con numerose svolte risale un bel canalone, quindi lungo traverso fin quasi al colle e infine cresta ottimamente innevata. In vetta vento freddo e rapido cambio per la discesa. Considerando che nei pendii esposti a est si tendeva già a sprofondare salendo abbiamo deciso di scendere lungo la normale, la scelta ha pagato, ottimo firn fino al termine della gorgia poi neve molto molle ma ancora sciabile fino al pianetto di quota 2400 e infine con un po' di ravanamento siamo riusciti a scendere sci ai piedi fino a quota 2100. C'è una sottile lingua di neve di valanga che permette di arrivare ai prati ma è veramente esigua.
Con Marco, oggi nessuno altro in valle con gli sci.


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Si arriva ad 1km dal parcheggio
quota neve m :: 2000
attrezzatura :: scialpinistica
Giornata fresca.
Portage di circa 30' in piano per raggiungere l'indicazione per il Colle Ramiere, poi salito a naso su quello che resta di un bosco distrutto da vecchie valanghe, dove si intuiva che passasse il sentiero estivo.
Dopo 100mt di dislivello siincontra il sentiero che presto diventa innevato e permette di calzare gli sci.
Fuori dal bosco ho seguito delle tracce di discesa che mi hanno portato molto a Sinistra del colle.
Da quota 2700 circa fatto lungo traverso sui pendii alti per arrrivare al colle e poi salire sulla spallla ancora ben innevata fino in punta.
Canale Nord ancora carico e crostoso, sceso sulla via fatta in salita e trovata crosta portante sulla spalla e poi ottimo firn.
Sceso fino alla strada su lingue di slavine ancora sciabili con neve che ha tenuto fino in fondo

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: fino a Brusà del Plan
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti da Brusà del Plan (strada aperta anche da Ponte Terrible) e camminata di riscaldamento fino all'attacco del sentiero, o meglio di quello che pensavamo lo fosse.
E invece 1 h di ravanage selvaggio. I più bravi hanno intercettato la lingua di una slavina che li ha portati velocemente fuori dal bosco. Calzati gli sci e saliti fino in punta passando dal colle senza storia. In alto, ricompattato e rifocillato il gruppo, abbiamo iniziato a scendere verso l'attacco del versante Nord. Le condizioni instabili del pendio con 10-20 cm di neve fredda su fondo duro ci hanno fatto desistere e, tornati in punta ripercorrendo la cresta fatta a scendere, abbiamo ripiegato sulla normale. Neve spettacolare per i primi 700 m. poi fresca umida ma sempre sciabile fino a 2300 e quindi sul sentiero estivo (questa volta non abbiamo sbagliato) e per resti di slavina fino alla strada.
Grande gruppo misto. Dario del Raggio con Paolo e Carlo di Pragelato, tutti a tallone libero. Carlo e la sua band: Bruno, Franco e la bravissima Teresa (unica femme). Luca e Paolo (non quelli delle Jene). Bella giornata, bella gita, bellissima compagnia.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2400
Come per le ciliege, ancora una e poi basta. Ma guardandosi intorno di neve ce n'è ancora parecchia, bisogna solo portarsi in alto, sci a spalle. 5 gradi all'auto stamane, discreta cascata d'acqua sul sentiero comunque aggirabile. Neve al fondo dei pianori superiori all'imbocco del canalone (2400), già mola alle otto del mattino ma comunque continua fino al colle. Ancora sci a spalle fino in cima seguendo la cresta. Una lingua di neve marmorea dalla cima accompagna fino ad una sella da cui si prosegue la discesa nel vallone. Discesa ore 10, a parte il tratto iniziale durissimo, scollettando nel vallone le neve torna morbida e ben sciabile fino in fondo.
E' una delle più belle salite della zona, completa. Dai boschi ai prati in quota, alle pietraie (sotto un bel manto di neve) al crestone finale fino in cima.


[visualizza gita completa con 2 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Si arriva ad Argentera, poi una immane valanga blocca tutto
quota neve m :: 2300
Ho inserito la gita sotto Ramiere perchè questa era la nostra intenzione e sopratutto per dare qualche informazione a chi vuole andarci. Abbiamo cominciato a ravanare all'inizio del sentiero estivo per fare la via normale, ma visto il casino e conoscendo l'alternativa intrigante del canalone nord-est siamo scesi e abbiamo cercato di capire da dove partire per questa nuova soluzione ravanando su prativi ripidi senza un cocco di neve insieme a due simpatici torinesi smarriti come noi. Capire da dove partire è un rebus per chiunque non conosca la zona come noi, nonostante le fotocopie delle guide, e poi la neve è veramente troppo in alto. L'alternativa è stata, dopo ennesima discesa alla fine di 2.30 ore con gli sci sullo zaino, la Punta del Gran Miol (Punta nord 2908 da Guida Monti), piacevole salita e discesa su neve molto bella in alto e poi butterata ma sciabile fino a 2200m e arrivo alla macchina in un'ora a piedi compreso guado nel fiume fin sotto le ginocchia. La foto mostra l'arrivo in vetta con dietro la parete est della Ramiere con vista sul canale e sull'innevamento da cui ognuno si fa...i suoi conti. Dopo tutto questo casino le stelle sono senza senso
In 6 del CAI di Genova Sestri tra cui due toste del gentil sesso. Ciao a tutti.


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: strada della Valle Argentiera sgombra sino alle omonime grange
quota neve m :: 1900
Partito dall' auto alle 7 c. con 2°, qualche difficoltà a reperire il sentiero, che sulla "prestigiosa carta" transfrontaliera manco è segnato. Un tratto di 50 m. di dsl di ravanage nei rododendri per evitare di far la doccia sotto alcune cascatelle. Quindi per lingue di neve sino al ripiano a 2100 c. e poi con gli sci sino in cima. Sopra il Colle Ramiere ho preferito proseguire a piedi, si andava bene senza ramponi. Solitudine totale.
Discesa spettacolare su neve dura, che alle 11,15 non aveva ancora mollato, nei primi 300 m, poi firn classico ad oltranza solo appena un po' scaldato in basso. A 2300 m in discesa seguire la traccia del sentiero, io ho provato a tagliare ma mi son trovato sopra una balza. Ripresa la via di salita belle scivolate sul ripiano 2100 e anche più in basso. Tolti gli sci per 50 m di dsl nel tratto rododendrato fino a una lingua di neve lariciata, che mi ha consentito di arrivare sci ai piedi alla strada e in breve all'auto.
Temperatura ottima. Un passaggio obbligato all' ottima Fontana di Thures da Fiorenza e Mattia


[visualizza gita completa con 5 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2300
partiti alle 6.30 con sci in spalle per 1 oretta poi dritto fino alla cima con arrivo alle 9.30 con vista da spettacolo. scesi alle 10.30 e arrivo alla macchina 11.30 quindi pranzo a casa.

[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2300
Dal colle in su neve perfetta; in giù peggiora man mano sino a diventare pesantissima e non sciabile.
Oggi dal colle in su nuvole e nebbia con rare aperture: le tre stelle sono inevitabili anche se i pendii nella parte alta sono veramente belli. Un saluto a Piero, Marco ed al sopcio ndel cuneese che ci ha tenuto compagnia.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2300
in salita 1/2 ora a piedi, in discesa solo 1/4 d'ora sfruttando dal pianoro un canalino a dx (ma non durera'). sceso alle 11, in alto neve fin troppo dura, in mezzo molto bella.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: lasciata l'auto a quota 2000
quota neve m :: 2400
7 gradi al sestriere alle 6.....percorso il canale NE. L'imbocco e' ai 2100,qualche metro prima del ponte, al fianco di un torrentino; si prosegue poi sulla massima pendenza sino ai 2400, dove la neve diventa continua. Si sale senza problemi sino al canale sotto il colle. La pendenza e il tipo di neve consigliano di risalirlo a piedi. Breve passaggio delicato per proseguire poi sino alla cima senza difficolta', anche sci ai piedi. Discesa su neve cotta ma davvero ben sciabile sino ai 2400. Ultime lingue di neve sino ai 2300.
Con i grandi Beppe e Franco che ne hanno e vanno sempre piu' forte e piu' in alto.....Forte vento sul versante finale. Discesa divertente e gran bella giornata. Buon innevamento in zona Queyron, Barifreddo.

Altre foto e particolari a breve su
_colangelo


[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
note su accesso stradale :: Con 4x4 fino a 1950 mt
Le chiazze di neve fresca già al pont terrible facevano ben sperare... Saliti col fuoristrada a fatica fino a q 1950 su 20 cm di neve fresca. salito il canale nord-est in ambiente sempre superbo.arrivati fino a metà dell'ultimo canale prima del colletto (q 3120) abbiamo fatto retro front, circa 60 cm di neve fresca con diverse gonfie non ispiravano molto... provato sotto le roccette con ramponi ma impossibile procedere, si sprofondava oltre la vita!! discesa molto bella nella parte alta con neve quasi farinosa poi via via più pesante ma sempre ben sciabile. oggi sci ai piedi alla macchina. 9 gradi all'alpe planes alle 12,30.
ottime condizioni in tutta la zona
Saluti ai compagni di gita peo e dario e agli amici incontrati sulla stradina che andavano al gran queyron.



[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: Strada libera
quota neve m :: 2200
Sci a spalla per 3/4 d'ora circa oltre il primo pianoro. Molto caldo neve molto marcia. La nebbia nella parte alta ha cotto un pò il manto e ha limitato la visibilità, però c'è un buon fondo e la discesa è stata piacevole. Sotto 2700 circa è solo pappa molto pesante.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: siarriva al parcheggio di argentera
quota neve m :: 2100
si portano sci 35 min poi neve continua saliti dal colle scesi canale nord dalla punta perfetto abbastanza ripido
fatta gita con max ottimo socio


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: interrota a metà della val ripa causa slavine
quota neve m :: 2100
Abbiamo dormito in tenda nel fondovalle e la notte è stata abbastanza fresca(-5) per il periodo. Bisogna portare sci in spalla per circa mezz'ora lungo la strada e15 min. del ripido sentiero iniziale gia senza neve. Giornata stupenda all'inizio poi in discesa prima velatura poi nuvole alternate a sole , ma sempre molto freddo con un vento fastidioso in vetta. Viste le premesse sembrerebbe una pessima sciata , invece è stata grandiosa !! Metà gita su farina incredibile e l'altra meta firn da urlo! Solo io e il bergamasco sul percorso.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: SLAVINA 5-6 KM PRIMA DELLA PARTENZA
quota neve m :: 1900
ABBIAMO SCARPINATO PER CIRCA UN'ORA PRIMA DI INFORCARE GLI SCI E SALIRE FINO A DUECENTO METRI DALLA VETTA CHE VISTA L'ORA ERANO LE 13 ED ABBIAMO QUINDI DECISO DI SCENDERE. GIORNATA STUPENDA NON UNA NUVOLA E SOPRATTUTTO SENZA VENTO, 2-3 CM DI FARINA IN ALTO, CENTRALE OTTIMA E SCIFOSA AL FONDO.


[visualizza gita completa]
Mi sembra doveroso dopo una stagione passata insieme, salutare tutti i gulliveriani. Arrivederci alla prossima stagione, gli sci (e il sottoscritto...) vanno in letargo.

[visualizza gita completa con 1 foto]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: SI LASCIA LA MACCHINA 500 MT PRIMA DEL PONTE X SLAVINE
quota neve m :: 2400
Portato gli sci x un'ora, unica nota negativa... poi sopra ambiente magnifico con fondo duro e 3/4 cm di fresca caduta ieri. sci ai piedi fino al colletto a quota 3200 poi con i ramponi fino in cima. Panormama stupendo dalla vetta. Discesa verso le 11,30 goduriosa salvo qualche tratto di neve pesante sui versanti molto esposti. Poi nuovamente un'ora di camminata... La stella che manca è solo x questo motivo. Con Aldo e Maurizio, ottima compagnia

[visualizza gita completa con 1 foto]
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: in auto fino all'inizio del sentiero per il colle ramiere
quota neve m :: 2000
confermo quanto scritto ieri. sembra incredibile ma si arriva a 5 minuti dall'auto. neve e gita stupenda. l'itinerario migliore per la salita è quello descritto nel libro della Sucai (ovvero il sentiero estivo che va al colle, vedi cartina), il vallone sembra poco invitante ma in realtà è molto bello. in discesa, da sotto il colle, tenersi invece a dx. (faccia a valle) per sciare su ampii e stupendi pendii.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
note su accesso stradale :: in auto fino alla partenza del sentiero per la ramiere q.1900
quota neve m :: 2100
magnifica gita in condizioni perfette, sci a spalla per circa 1/2 ora, ma in discesa gabolando un po' si arriva praticamente alla macchina.
Tempo fresco e vento in punta.Scesi alle 11.30 su neve ancora dura in alto ma nelle zone di riporto si poteva trovare 10 cm di farina compressa sciabilissima, poi firn perfetto.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Anzichè la via tradizionale che parte da Argentera, abbiamo preferito il canalone nod est. L'accesso ai pianori superiori è complicato, ma una volta superata la balza rocciosa l'ambiente in cui ci si ritrova è magnifico, e la salita risulta poi completamente evidente. Purtroppo la qualità e quantità di neve è piuttosto scarsa, e il tempo e la fatica che occorrono per portare gli sci a spalle non giustificano più questa pur bella e interessante gita.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): crosta rigelo portante
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): ...tipo di neve ...
Condizioni all' incirca come la relazione precedente.
Seguendo le lingue di neve (di accumulo, ben portante) in direzione del paese di argentera si scende ancora più in basso fino ad agganciare il sentiero estivo, più comodo da scendere, fino alla carrozzabile. Con Sergio.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: osservazioni: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: neve (parte superiore gita): primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: neve (parte inferiore gita): primaverile/firn
Itinerario per il canalone nord-est.
Abbiamo risalito la valle Argentiera fino a quota 2050 in auto, operando piccoli interventi di taglio slavine e rimozione alberi!!!! Partiti a piedi alle 07.10, sci a spalle sino a quota 2450 circa. In vetta alle 11.04 seguendo la cresta a piedi dal colletto a quota 3200 circa, ma si può, con qualche discontinuità arrivare in punta con gli sci.
Inizio discesa dal colletto alle 12.08. Scesi spettacolarmente su neve morbida ma ottima nonostante l'ora (grazie anche alla giornata fredda).e comunque con continuità fino a quota 2260 (quota variabile di giorno in giorno).
Nota: interruzione da valanga sulla strada prima di Troncea, comunque aggirabile.

[visualizza gita completa]
osservazioni :: ottime
neve (parte superiore gita) :: Trasformata/marcia ma sciabile
Gran caldo e poca neve... in compenso stupende fioriture. Sci in salita dai 2500 ed in discesa fino a 2250 , scesi dalla punta quasi subito verso i pendii Nord cercando i tratti meno toccati dal sole mattutino.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 30/03/10 - momo
  • 10/05/07 - marco_colangelo
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord
    quota partenza (m): 1837
    quota vetta/quota massima (m): 3303
    dislivello totale (m): 1466

    Ultime gite di sci alpinismo

    18/10/17 - Plateau Rosa da Cervinia - luca94
    Dal parcheggio ho seguito il sentiero n.15 molto ripido e diretto che porta all’arrivo della cabinovia di Plan Maison, da qua in poi mi sono diretto al colle del Teodulo (3290) seguendo prevalenteme [...]
    20/09/17 - Lonquimay (Vulcan) Face sud - Thommy
    Luoghi Incredibili, Panorami Mozzafiato ed ottime Condizioni. www.thomasscalisemeynet.wordpress.com
    13/08/17 - Breithorn Occidentale da Cervinia - loryefranco
    Un Breithorn fantastico!!!Scesi dalla punta fino alle piste su crosta portante liscia come un biliardo,bellissima la neve in pista che alle 12,00 non aveva mollato.Solo in 4 in vetta con gli sci!!, Tempo stupendo,zero vento,aria fresca.:-)
    08/07/17 - Breithorn Occidentale da Cervinia - fyplom
    Partiti dal plateau rosa verso le 8.15. Parecchi alpinisti sull'itinerario. L'ultimo pezzo con gli sci sullo zaino e ramponi. Diversi buchi si stanno aprendo lungo la linea di salita alla punta ma per [...]
    06/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - Kowalski
    Cos'altro dire al terzo gg consecutivo della stessa gita? Per cominciare che. essendo notoriamente uno snob, non sarà la mia ultima gita...dell'anno?della stagione?, del mese?. Poi che, disdegnando [...]
    05/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - lakota
    la stagione finisce qui, con questa spettacolare giornata in quel dell'Iseran. Rigelo perfetto. Ultime 3 discese dell'anno (una risalita fatta con gli impianti) su un bigliardo che solo qui si trova [...]
    04/07/17 - Pers (Aiguille) da Pont de la Neige - gigi02_to
    Gita di chiusura della stagione con gli sci. Con Mario, Fabio e Tino. Giornata splendida con buon rigelo. Saliti a bordo pista; nel canalino la neve inizia a sparire, per raggiungere la vetta si tolgo [...]