Oronaye (Monte) Canale Sud di Destra

osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: parcheggiato a Pontet
Partiti alle 7.45 dal Pontet, saliamo rapidi sino al conoide su neve ben rigelata. Sci ai piedi fino all'imbocco del canale, poi picca, ramp e neve che inizia a mollare. Continuiamo bene fino al primo traverso, rapiti dall'ambiente suggestivo come pochi altri, già ottimamente descritto dai precedenti ripetitori. Man mano che saliamo sentiamo sotto picca e ramp il lavoro del sole, che qui arriva presto, e del vento degli scorsi giorni, oggi assente. La neve si fa effimera, cotta, e l'esposizione aumenta. Finito il primo traverso ci affacciamo sul pendio sospeso: neve morbida ed immacolata, salvo una traccia di salita ormai quasi del tutto coperta. Il pendio è breve ma ripido, la discesa sarebbe fantastica, ma viste le condizioni non riteniamo sicuro continuare la salita: giriamo i tacchi e mettiamo gli sci. In tutto il canale la neve ben trasformata si scia alla grande, regalando ottime sensazioni. Nel conoide invece buccia d'arancia ancora duretta ma con un pò di gamba si tirano ugualmente belle curve fino al pianoro sottostante. Poi crosta, ghiaccio e dolore fino alla macchina, che si raggiunge ancora sci ai piedi.
Con Reine, sempre una garanzia, con cui ho condiviso la scelta di tornare indietro e la promessa di riprovarci con condizioni migliori.

Altre foto su instagram: @giolerda

Reine. E dietro Lei.
Primo traverso
dopo il 1 traverso, dove abbiamo fatto retrofront

[visualizza gita completa con 3 foto]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: molto bagnata
neve (parte inferiore gita) :: umida
Linea caratterizzata dalla parte finale, l'infido traverso che un po' per la forma, un po' per l'esposizione, molto raramente é in condi.. in pratica bisogna tagliare una cornice sospesa e il più delle volte quando si arriva lì il sole ha già toccato troppo la neve.
Oggi aveva le sembianze di un autentico merdaio: molte rocce marce scoperte, per lo più c'era ghiaia coperta da vetrato, con 4 dita di granita fondente, sulle inclinazioni che sapete.
L'ho fatto a piedi all'andata e al ritorno, constatando che era insciabile.
Annaspavo su un terreno effimero, ne la picca ne i ramponi tenevano.. mi sono affacciato oltre la cornice, con le braccia piantate nella neve marcia.. il traverso era finito, dovevo solo fare quei 20m facili per arrivare in vetta.. in quel momento ho fiutato che andare a vedere da vicino la croce incrostata di neve avrebbe potuto costarmi molto caro.. con il caldo che incalzava volevo togliermi di lì prima che venisse giù tutto, il vetrato che si sfaldava, le pietroline e i pezzetti di ghiaccio che continuavano a piovere erano un chiaro segno.
Scenderlo con i ramponi mi ha richiesto molta più concentrazione di quando anni fa lo trovammo in condizioni migliori e scendemmo sci ai piedi.
Alla strettoia calzo gli sci, un ultimo sguardo alla croce, che si stagliava nell'unico angolo di cielo blu laser che questa strana giornata di rialzo ha regalato.. sbeffeggiante pezzo di ferro, decorato da arabeschi di neve pareva dirmi: ci hai provato, piccolo scialpinista, ora porta via i cojones..
Sicuramente un giorno fra i più sbagliati per ficcarsi qua dentro, un 'andare a vedere' rimuginato all'ultimo momento, seguendo lo sguardo rapito da gendarmi e torrioni fumanti di bruma, con il compagno che dorme in macchina, aveva dimenticato a casa le pelli (...).


[visualizza gita completa]
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
Cronaca di un tentativo. l'ultima nevicata e le temperature equatoriali hanno rovinato un po' tutto. il canale si presenta svalangato, però sulle contropendenze in pieno sole la neve ha trasformato bene. dal torrione del primo traverso abbiamo proseguito dritti invece che traversare per provare a raggiungere la cima, ci siamo fermati alcuni metri sotto non trovando un passaggio per uscire. il traverso non lo abbiam trovato in buone condizioni, di neve ce ne in abbondanza però poco consistente e non ben assestata, troppo caldo.
solarium di mezzodì al colle della maddalena beach.

con denis e mattia



[visualizza gita completa]
Un blitz in stile brigate rosse per strappare al maltempo due curve.
Subito dopo il parcheggio, tenendosi sulla sx orografica, c'è neve a sufficienza per azzerare il portage.
Il famoso traverso, oggi con le vesti di una cornice insidiosa, ci ha fermati, come è quasi d'abitudine per i frequentatori del posto. Inoltre dove il canale muore contro la parete sotto la croce, la neve era molto sfondosa a causa dello scarsissimo rigelo notturno, quindi piazzola e arrivederci.
Il tratto iniziale della discesa ricorda un passaggio di blocco: corto ma incazzato (con neve più che decente), poi sciata plaisir fino alla fine del conoide. Da qui sul vinavil fino alla macchina, tratto in cui ci ha scortati una leggera pioggia.

Con Marco, Eraldo e Igor, incontrato al parcheggio.


[visualizza gita completa]
Gita percorribile interamente sci ai piedi a partire dalla croce di vetta, a patto di effettuare due brevi passaggi di dry sul traverso (questo oggi, considerare le temperature elevate). Neve primaverile nella parte bassa, umida pesante nella rampa e sul traverso, simil-primaverile sul lenzuolo finale. Ottima "ciastro-via" su neve dura per l'avvicinamento.
Forse è più corretto l'E3 proposto su Esquiar.


[visualizza gita completa]
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
Condizioni primaverili, in basso neve crostosa e dura, nel canale tipica neve primaverile che dopo qualche ora di sole rende decisamente piacevole la sciata. Itinerario sciabile sin dalla croce.
Con il buon Dani!!


[visualizza gita completa]
quota neve m. :: 1900
Condizioni meteo polari, inizialmente solo freddo (-10 dalla macchina) e vento, poi ha iniziato a nevicare ...
Ne è uscita comunque una bella salita alpinistica invernale. Gli sci li abbiamo lasciati a metà conoide viste anche le condizioni pessime della neve spazzolata dal vento. Anziché prendere l'ultimo traverso a sx, che ci sembrava pericoloso, abbiamo tirato dritto su misto, seguendo una corda fissa, calandoci in doppia al ritorno (cordino su spuntone, se c'è una sosta era coperta dalla neve). Roccia pessima!
Il rientro è stato una lotta contro gli elementi della natura molto incazzati, vento, neve, visibilità nulla, discese che diventano salite, ghiaccio in faccia ... La rievocheremo quando, ormai vecchi, ci incontreremo al bar sport ...
Quindi domani la neve non sarà il massimo ...
Nel versante francese stava ancora nevicando, arrivati alle macchine, difficile dire quanta visto il vento, direi non più di 5cm, lato italiano niente, salvo quella trasportata dal vento
Con Andrea,fra,Sandro e i soliti guanti da 3€ di decathlon


[visualizza gita completa]
Bell’ambiente willcoyotesco e temperature elevate nel canale tra le rocce, che rifrangono la luce di questa parete sud. Discesa dalla vetta sul pendio sospeso formato mignon, segue ripida rampa (sempre formato mignon, ma intensa di pendenza) di immissione nel canale vero e proprio: rampa già magra di neve – ved. foto allegata - ma passata ancora tutta in sci con delicatezza … poi la discesa continua su neve riscaldata a tratti “svalangata”, ma morbida e pennellabile.

[visualizza gita completa con 8 foto]

Ci sono anche stati ...

  • 10/02/13 - marengo ivano
  • 13/02/11 - sborderzena
  • 09/11/08 - sborderzena
  • Caratteristica itinerario

    tipo itinerario: canale
    difficoltà: II :: 5.1 :: E3 :: [scala difficoltà]
    esposizione preval. in discesa: Nord
    quota partenza (m): 1948
    quota vetta/quota massima (m): 3100
    dislivello totale (m): 1152

    Ultime gite di sci ripido

    18/11/17 - Cobre, cima Sud canale N - giole
    Temendo di trovare croste varie a Nord, scegliamo questo canale così da scendere, nel caso, dal sud. E invece tanta roba. Si batte traccia da prato ciorliero su neve già bella. Ci siamo fermati nell [...]
    11/11/17 - Oserot (Monte) canale N - giole
    Niente male per essere a novembre! Neve continua da Chialvetta, abbiamo seguito una provvidenziale traccia che sale alla Gardettta, fino alla fine di Prato Ciorliero; svoltiamo e si batte traccia, in [...]
    18/06/17 - Bionnassay (Aiguille de) Cresta/Parete SE e Ghiacciaio di Bionassay - Inge
    Indimenticabile cresta affilatissima che percorriamo beneficiando di condizioni oserei dire da sogno! Il ghiacciaio del Dome è messo benone, un gigantesco crepo si attraversa su un ponte abbastanza [...]
    17/06/17 - Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa - abo
    Un sogno: il Lourousa! Il canale dei canali, se arrivasse anche solo fino in cima agli isolotti sarebbe già una gran bella linea, da lì in su quindi è tutto grasso che cola. Partito con calma alle [...]
    10/06/17 - Valfredda (Punta) Parete Nord - the.fra
    Rigelo pazzesco! Siam partiti per fare la rognosa di etiache da nord ovest ma appena imboccato il vallone (anoressico) abbiamo deciso di tagliare verso il sommeiller, giunti sulla strada del sommeille [...]
    10/06/17 - Coolidge (Colletto) Canale NO, Lourousa - Arno
    il canale è in ottime condizioni, niente rigola e neve bella liscia, naturalmente nella parte alta dove ci sono i 50° NON si deve commettere errori! attualmente si riesce a scendere sci ai piedi fino a q 2100m noi siamo scesi dopo le 11
    10/06/17 - Gran Miol (Punta del) cima Sud Parete E, Canale a Y ramo sx - abo
    Le solite (balzane) idee di fine stagione per non fare troppi km in auto e curiosare un po' in giro. Strada chiuso al traffico da pont terrible per frana quindi partenza in bici da lì. In un'oretta, [...]