Mondini (Cima) Sperone Sud

Poco meno di un mese fa eravamo arrivati fino ai piedi della via, poi il brutto tempo ci aveva fatto rientrare mestamente a casa; questa volta invece con meteo fantastico siamo riusciti a scalare questa bella via classica, appartata e di gran soddisfazione.
L'attacco è segnato da un chiodo con un cordino viola (difficile comunque sbagliare), la salita è molto varia ma sempre su arrampicata costante e piacevole, si protegge molto bene con friend medio/piccoli e fettucce (qualche cordone e chiodo trovato qua e la); la parte bassa alle volte tende a perdersi un poco mentre in alto si va a colpo sicuro e tutto risulta più evidente e di facile individuazione.
I torrioni da ridiscendere noi abbiamo disarrampicato (soste in loco per eventuali calate in doppia); via percorsa per la maggior parte in conserva protetta con alcuni tiri nei tratti più impegnativi, pedule molto utili soprattutto nei passaggi su placca.
Discesi seguendo per un tratto la normale per poi entrare nel canale e, con due calate in doppia da 30 metri (prima sosta cordoni attorno a un masso, seconda sosta chiodo e cordini, trovate già pronte), infine raggiunto la pietraia basale.
Solo noi sullo Sperone ma anche in giro visto nessuno.
In ottima compagnia di Massimo e Alina.

Nel tratto di cresta
Massimo oltre la bella placca fessurata
On the top!

[visualizza gita completa con 4 foto]
Salito l'avancorpo dello Sperone Sud (6-7 lunghezze max IV-). Reperite le doppie di Saxifraga, 4 in tutto, di cui due da attrezzare. Presumibilmente qualche mente debole ha pensato di appropriarsi di un "ricco" bottino di cordini cotti dal sole e maillon da ferramenta...
Bella e facile salita alpinistica di puro godimento

Vedi gadan.it


[visualizza gita completa]
Non aggiungo altro che qualche foto e un grazie ad Enzo. La giornata e la cima come già detto era dedicata a Paolo. La Mondini era uno dei suoi desideri, e farla anche per lui è stato doppiamente gratificante.

[visualizza gita completa con 14 foto]
Bel sperone, ricco di varieta' di passaggi in prevalenza facili, su roccia solida a tratti aerea, sovente esposta. Abbiamo mantenuto quanto piu' possibile il filo come da relazione Cordoni e fettucce per calate alle forcelle, piazzate per l'occorrenza nei punti giusti. Un solo chiodo presente alla base della placca biancastra solcata da fessura. In giornata dalle Terme con breve sosta al Morelli per un caffe,' e vedere un po come' l'andazzo in questo ormai decretato inizio di bella stagtione.
Con Rod, che ha dato prova con la sua convincente prestazione di oggi, di avere i numeri per performance di un certo rispetto.
Ascensione dedicata alla memoria dell'amico Paolo, nella ricorrenza del suo onomastico.


[visualizza gita completa con 11 foto]
Una bellissima galoppata in ambiente super, su roccia ottima, finalmente con un meteo affidabile.
Anzi, caldo incredibile, tutto il giorno in maglietta.
Andiamo per ordine:
sentiero per il Morelli splendido e ben camminabile.
Accoglienza ottima, torta e thè d'ordinanza.
Breve avvicinamento allo Sperone, in 20'.
Saliti in conserva lunga (mezza corda da 60 m sdoppiata).
Lungo la via qualche chiodo, soste a spit con calata sull'avancorpo, qualche fettuccia qua e là; possibilità di proteggersi enormi...
Discesa: per cenge e zig-zag a sinistra orografica del canale sud-est, poi salto finale con calata in doppia da 30 m; ancoraggio: scendere molto e portarsi verso il canale, la sosta è su un terrazzino.
Abbiamo ribattuto i chiodi (2 su 3, il terzo è sepolto tra terra e roccia) e aggiunto un cordone nuovo.
Non si tocca più neve, tutto pulito.
Tempistiche:
ore 6,15 partenza dal parcheggio
ore 8,30 rifugio Morelli (colazione d'obbligo!)
ore 9,30 attacco via
ore 13,15 in vetta
ore 14 inizio discesa
ore 16,10 rifugio
ore 18,10 parcheggio
Con Simone, in gran forma e sempre più motivato.
Foto e report:
dani-climb2.blogspot.it/2016/06/cima-mondini-m-2915-sperone-sud.html


[visualizza gita completa con 4 foto]
Abbiamo percorso lo sperone solo fino alla sommità dell'avancorpo a causa della ravanata inziale dovuta ad una erratissima foto del percorso trovata sul web. La via è intuitiva e piacevole su roccia buona talvolta da verificare. Soste presenti sino alla fine dell'avancorpo, scarse le protezioni in loco ma buone possibilità di integrazione con friend piccoli e nut. Ci siamo calati da Saxifraga con 4 lunghe doppie. In compagnia di wonderPino che ha salito quasi tutto da primo ed un grazie ad il gestore del Morelli-Buzzi molto disponibile.

[visualizza gita completa]
Estetica e divertente via di alpinismo classico che merita di essere percorsa. La roccia è ottima in ambiente grandioso.
Discesa sulla normale.
Fatta in giornata con Dani

[visualizza gita completa con 8 foto]
note su accesso stradale :: ok
...bella e remunerativa ascensione...da non perdere per chi ama il classico...roccia quasi sempre eccellente e ambiente splendido.la salita si può fare tranquillamente in giornata ma contate di stare in giro almeno dodici ore pausette comprese per la salita integrale...se no scendendo dalle doppie delle vie moderne si accorcia(ottime vie di fuga comunque)...ma è un peccato secondo me,i tiri più belli sono nella parte alta!...se pernottate al rifugio(trattamento ottimo! e info per ogni ascensione)vi godrete di più il posto e l'arrampicata!
con dibe!...che neanche il ventaccio di oggi è riuscito a farlo staccare dalla roccia!


[visualizza gita completa con 3 foto]
Nella parete bassa abbiamo scalato "Saxifraga", abbinandola alla salita dello Sperone Sud fino alla vetta della Cima Mondini. Bellissimo itinerario classico, cu diffioltaà poco sostenute e dal percorso sempre evidente. Le doppie (facoltative) per scendere dai torrioni sono attrezzate con un chiodo e cordini. Attenzione alle pietre instabili sulla discesa dal penultimo risalto prima della vetta.
Dalla vetta si scende dapprima sulla sinistra, costeggiando il canale est, per tracce di camosci, erba e roccette che portano sul bordo di un grande risalto. A questo punto svoltare a dx, entare nel canale (possibilità di fare due doppie attrezzate) e raggiungere le pietraie basali.
Con Walter, Ernesto e Beppe che saluto!

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 03/10/09 - BERGHEIL82
  • 18/07/04 - frankie56
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: AD+ :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud
    quota partenza (m): 1368
    quota vetta (m): 2915
    dislivello complessivo (m): 1547

    Ultime gite di alpinismo

    19/04/18 - Lauzet (Aiguillette du) Canale Nord - Enzo51
    Non piu' le condizioni come nel canale di prima a pochi km di distanza da questo affrontato pero' in ora ormai tarda con neve sfondosa per tutti 400 metri del canale. Troppa e inconsistente a monte de [...]
    19/04/18 - Colombe (Tete) versante S, canale a Y - Enzo51
    Scelto i tempi giusti per la salita del canale in oggetto con buon rigelo anche se non ottimale. Una preesistente traccia ha agevolato non poco il procedere riducendo al minimo fatica e tempi. 1.30h p [...]
    18/04/18 - Breithorn Occidentale e Centrale Traversata da Plateau Rosa - Maxim64
    Escursione fatta con le ciaspole fino ai piedi del Breithorn Occidentale poi messo i ramponi e preso la picca.Traccia già presente che ha un insidioso passaggio su ghiaccio da fare con attenzione.Cr [...]
    15/04/18 - Tour Ronde Couloir Rébuffat - gattosilvestro
    Totalmente secca. Zero ghiaccio e neve inconsistente, condizioni da pieno inverno. Per farla total dry 1 serie bd 0,3-2 1 serie tcu, eventualmente una serie ulteriore 0,3-1. Cordoni. Presente qualche [...]
    15/04/18 - Requin (Col du) Breche W goulotte Soreson Estman - giovarav
    Ottime condizioni sulle goulotte del Requin. Ci siamo fermati a 30m dalla breche dove finisce il ghiaccio e ci sono solo più placche coperte da neve inconsistente, ci abbiamo provato ma siamo stati r [...]
    14/04/18 - Martin (Punta) Cresta Federici - Contrafforte Sud - LuCiastrek
    Trovato la via in ordine, al momento l'erba olina non infastidisce nei tratti di camminamento fuori roccia, come sempre una bella via se fatta in integrale fino alla vecchia croce di ferro posizionata più in basso rispetto alla cima.
    08/04/18 - Nuda (Monte la) Canale La Gula - G.A.M.S.
    Canale con poca neve (e sfondosa) solamente nella prima meta’, mentre nella seconda meta’ si procede oramai su saltini di erba e roccette. All’uscita del canale, sul pendio a destra del gendar [...]