Ciosè (Monte) da Estoul per il Colle Ranzola

Anche oggi gita corta e nel complesso rilassante. Comunque corto non è sempre e necessariamente sinonimo di banale o insignificante. Non avevamo mai preso seriamente in considerazione questa cima, pensando ad un percorso brutto e disagevole, ma oggi abbiamo deciso di venire a vedere ed abbiamo dovuto ricrederci. Fino al Colle Ranzola, ovviamente, nessun problema. Dal Colle la traccia sale, piuttosto vaga tra erba ed arbusti, decisamente ripida per circa 100/150 metri di dislivello. Poi il terreno spiana, la traccia si fa più marcata e anche gli ometti diventano più frequenti. Consigliamo, appena possibile, di spostarsi verso destra così da raggiungere la dorsale, dove la progressione è più divertente e panoramica senza però essere impegnativa. Raggiunta l'anticima si trova l'unico passaggio “ostico” della gita. In effetti pur essendo esposto non è affatto difficile, essendo molto ben appigliato e scalinato. Purtroppo, dato l'orientamento (credo nord-nord-est) è sempre in ombra e si presenta umido e scivoloso. E questo sia all'andata sia al ritorno perciò...attenzione! Superato questo ostacolo il breve tratto finale di cresta si percorre senza problemi. In discesa, dopo l'anticima, prestare attenzione a rimanere il più possibile sul filo della dorsale, altrimenti si rischia di trovarsi o tra blocchi disagevoli o su strettissime cenge di erba olina. Nel complesso escursione molto panoramica con ottimi scorci su buona parte dei monti valdostani. Giornata molto luminosa e mite, rallegrata dagli splendidi colori dei larici. Avvistati due camosci sul versante Gressoney e, mentre eravamo in vetta, due meravigliose aquile. Con Fausto e Michele.
Verso il Colle Ranzola
Sul tratto mediano della cresta
Il Monte Rosa da poco sotto l'anticima
Il passaggio dell'intaglio visto dalla cresta finale
Il Cervino dalla vetta
Che meraviglia!!
Panorama dal Colle Ranzola

[visualizza gita completa con 7 foto]
Erano anni che volevo salire questa cima. Finalmente quest'anno ci siamo decisi. Ne è valsa la pena. Vetta panoramica. Cresta divertente. Dal colle ranzola seguire il muretto a secco e puntare il primo torrione che si aggira sulla sinistra. E' presente un'esile traccia e ometti lungo tutto il percorso. Come già segnalato da chi ci ha preceduto l'unico passaggio delicato e' l'intaglio che richiede passo fermo. Peccato che sia così poco frequentata!! Maggiori dettagli e foto su


[visualizza gita completa]
Non c'è più neve sul percorso. Salito da Estoul come da relazione, temperature gradevoli, giornata un po' ventosa. Da anni avevo in mente questa cima dall'aspetto un po' feroce e un po' sgraziato. Ringrazio l'amico Carlo_53, che mi ha preceduto di qualche giorno, per le info fresche, così oggi che avevo un ritaglio di tempo sono salito a colpo sicuro. In queste condizioni il percorso è facile, dopo il colletto/intaglio in cui è tassativo prestare attenzione, la cresta è più comoda e larga di quanto non appaia. Cima molto panoramica per la sua posizione sullo spartiacque Gressoney/Ayas. Incontrato solo 3 pensionati diretti alla più modesta punta Regina da me salita nel 2007.

[visualizza gita completa con 14 foto]
Piccola variante della gita con partenza da Gressoney St. Jean col S3 x raggiungere colle Ranzola invece di Estuol
Carlo e Giovanni partono da Gressoney st. Jean. imp. Weissmatten mt. 1412 con il S:3 raggiungono il colle Ranzola e svoltando a destra su tracce di sentiero vari nevai e pietraie puntano alla cresta che viene fatta x raggiungere con alcuni punti delicati la cima del monte Ciosè in h 2,30 . Il percorso e vario x e molto ripido con facili passaggi alpinistici F+ . In cima si gode uno splendido panorama a 360° . Il ritorno su stessa via sino a Gressoney St. Jean.


[visualizza gita completa]
Salita dalla valle di Gressoney (Ronca 1433 m) su comodo sentiero fino al colle Ranzola. Risalito faticosamente la cresta su massi, rododendri e erbaolina. Abbandonato la cresta a favore di tracce di sentiero che aggiravano le asperità della cresta, recuperata più in su. Disarrampicato il tratto F+ senza problemi e proseguito su massi accatastati fino in cima. Solo brutto sul Rosa, il resto della Vallèe sole a palla.

[visualizza gita completa]

Ci sono anche stati ...

  • 29/06/08 - rfausone
  • Caratteristica itinerario

    difficoltà: F :: [scala difficoltà]
    esposizione prevalente: Sud
    quota partenza (m): 1931
    quota vetta (m): 2647
    dislivello complessivo (m): 720

    Ultime gite di alpinismo

    03/12/17 - Arera (Pizzo) Canale Sud - irui70
    Bello e facile canale,un po' in secca ma con neve ben scalinata che abbassa di molto il grado di difficoltà.Per report gita e foto completo digita (Su e giù...con lo zaino 2 irui70),Molta gente oggi [...]
    03/12/17 - Zuccone Campelli Canalone dei Camosci - gambalesta
    Attualmente il canale è molto battuto , a tal punto che la traccia è quasi sempre portante . Arrivati a circa metà (strozzatura) la neve è appena sufficiente a coprire le rocce , poi migliora d [...]
    03/12/17 - Zuccone Campelli Canalone dei Camosci - titty79
    parcheggiato vicino al cimitero, al bivio prima del parcheggio della funivia.. seguita la strada che parte dal parcheggio della funivia, inizialmente cementata, poi diviene sterrata...quando la ster [...]
    03/12/17 - Zuccone Campelli Canalone dei Camosci - Samu83
    Canale stratracciato e quindi facile progressione. Innevamento tutto sommato buono c’e solo un saltino scoperto a metà ma facile facile. Catene scoperte e a posto.
    01/12/17 - Orel (Rocca d’) Canalino SE e Cresta E - m.gulliver
    Gita nata assolutamente per caso. Salendo verso il Pianard vediamo questo canalino e decidiamo di provarlo, dopo aver osservato il classico canale sud quasi completamente secco. La strozzatura dopo la [...]
    26/11/17 - Viso Mozzo Canale dei Campanili ramo sx e cresta E - sx231
    Partiti alle 6.15 dal Pian della Regina con aria pungente, arrivati al conoide poco innevato, canale bianco al centro ma con neve discontinua a causa del vento, a volte dura ma per lo più farinosa o [...]
    23/11/17 - Pogallo (Cascata di) I dipinti della Vita - Garaca
    Una via di Ivan Guerini e tanto basterebbe. Una piccola ma bellissima avventura che va oltre la sola arrampicata. Saliamo mettendo e togliendo i chiodi necessari, così come da desiderio di Ivan Gue [...]