Itinerari Sci Ripido

Significato campi

nome cima/obiettivo

nome itinerario

punto partenza itinerario

tipo itinerario

quota partenza (m)

quota vetta/quota massima (m)

dislivello totale (m)


Scala sci ripido

La valutazione di difficoltà utilizzata per gli itinerari di sci ripido si articola su tre valutazioni:

  • valutazione dell'ingaggio dell'itinerario
  • valore della difficoltà tecnica della discesa
  • valutazione dell'esposizione della discesa

Ingaggio

La scala di valutazione esprime l'ingaggio dell'itinerario e la complessità dell'itinerario. Si esprime con numero romano da I a IV secondo la seguente scala:

I

Percorso di discesa di facile individuazione. Ingaggio basso.

II

Percorso di discesa abbastanza complesso, di non facile individuazione, necessaria una buona conoscenza del terreno d’azione. Ingaggio medio. E’ utile studiare i passaggi in anticipo.

III

Discesa complessa e lunga con percorso di difficile individuazione, necessaria una buona conoscenza del terreno d’azione. Ingaggio elevato. E’ importante studiare i passaggi in anticipo, in quanto i riferimenti sono difficili da prendere.

IV

Discesa molto complessa e lunga con percorso di difficile individuazione e difficile interpretazione, necessaria una ottima conoscenza del terreno d’azione. Ingaggio molto elevato. E’ indispensabile studiare i passaggi in anticipo, in quanto i riferimenti sono molto difficili da prendere.

Difficoltà tecnica

La valutazione della difficoltà tecnica di discesa si sviluppa su 5 livelli, ognuno dei quali suddiviso in 3 differenti gradazioni, per una migliore precisione, ad eccezione del livello 5 che rimane aperto verso l’alto (es. 5.1, 5.2, 5.3, 5.4, 5.5 ….) Tale scala prende in considerazione i tratti discesi sci ai piedi, indipendentemente dalla presenza di eventuali corde doppie, tratti in arrampicata o altri fattori che rendono più o meno complessa una discesa o una intera gita.

Livello 1

pendii molto semplici e larghi con passaggi singoli mai superiori ai 30°. Dislivello totale inferiore a 800 m. e esposizione nulla. È il classico sci escursionismo breve.

Livello 2

pendii senza difficoltà tecniche e nessun passaggio raggiunge i 35°. Il dislivello e l’esposizione possono essere significativi.

Livello 3

è il grado di entrata dello sci alpinismo vero e proprio. Possono essere presenti passaggi tecnici e pendii fino a 35° anche molto lunghi, con eventuali brevi tratti a 40°-45°.

Livello 4

è il cosiddetto sci di canale, o sci ripido classico. Pendii a 40° molto lunghi (almeno 300 m.) con brevi passaggi fino a 50°.

Livello 5

pendii a partire dai 45° molto lunghi con brevi ma significativi tratti ad almeno 50°, o pendii di almeno 45°-50° molto lunghi (almeno 400 m.)

Esposizione

La scala di valutazione dell’esposizione si suddivide in 4 differenti livelli.
Si parte da alcune evidenze che, a meno di condizioni particolari (es. molta neve fresca, ecc.) sono statisticamente valide ed è bene tenere in grande considerazione:
La prima consiste nel fatto che a partire dai 30° di pendenza è quasi impossibile fermare una caduta su neve ghiacciata;
la seconda che tra 40° e 45° è quasi impossibile frenare una caduta su neve trasformata;
la terza che oltre i 50°, in ogni caso e con qualsiasi neve, la velocità di reazione dello sciatore alla caduta è più lenta della velocità con cui la caduta diventa incontrollabile.

E1

non ci sono grossi ostacoli e l’esposizione è data dal pendio stesso, uniforme e collegato col pendio sottostante. Tenete presente comunque che un pendio di 30° e un pendio di 55° con esposizione E1 possono comunque avere effetti ben diversi sullo sciatore.

 

E2

la linea di discesa presenta, ad esempio, una piccola barra rocciosa che, saltata, con comporta un rischio di urto violento.

I larghi canali a S sono un esempio del livello E2.

E3

rischio certo di saltare una barra di roccia o sbattere violentemente contro la roccia o il ghiaccio di una terminale, con probabilità alta di impatto molto violento. Mai cadere.

I canali a S stretti e sinuosi, le pareti con crepaccia terminale significativa appartengono a questo livello.

E4

presenza di barre rocciose o ghiacciate molto alte o multiple, terminali alte ed aperte, con impatto molto violento sicuro. Mai cadere.

 

Esempi

Alcuni esempi di riferimento più o meno noti tra il Gran Paradiso e le Marittime:

  • Cima della Sueur, Ravin de la Casse: 3.3 E2 su 600 m., max. 40°
  • M. Giusalet, vers. N: 4.1 E3 su 300 m., max. 40°-45°
  • q. 2800 cresta Las Blancias-Panieris, canale E-NE: 4.2 E3 su 600 m., max. 45°
  • couloir S de la Grande Sagne: 4.3 E2 su 400 m., max. 45°
  • couloir Davin: 5.1 E1 su 600 m., max. 50°
  • Gran Paradiso, vers. Est: 5.2 E3 su 400 m., max. 50°
  • Gran Paradiso vers. Nord: 5.3 E3 su 650 m., max. 50°-55°
  • Pic Sans Nom, grand couloir NO: 5.4 E3 su 550 m., max. 55°
  • Canalone Lourousa: I 5.2 E2
  • Monte Matto Canale Cuognè: II 4.2 E2 
  • Monte Ferra Parete Nord: III 5.1 E4
  • Monte Nebius Parete Ovest: III 4.3 E3
  • Monte Frioland Parete Nord Est: III 4.3 E3
  • Monviso Parete Sud: IV 5.3 E4
  • Monte Matto Parete Sud Est: IV 5.2 E4