sergio 51


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1200
Ebbene si, di nuovo all'Aigle, anche per buttare l'occhio sul canalone che scende nel vallone Taunere da poco sotto la chiesetta (prenotato da tempo): sembra poco ripido e conviene farlo non oltre metà aprile.
Giornata perfetta e fantastica cavalcata per cresta dal Cugno dell'Alpet al colle della Meina, passando dall'Aquila e dalla punta della Meina, un po' con ramponi e un po' con ciaspole; non sono salito all'Uja perchè incominciava a sfondare troppo. Cornici fantastiche e zero tracce: sembrava di essere in montagna !
Tutta la salita dal piazzale alla vetta si può fare senza ciaspole; utili i ramponi.
Piazzale e dintorni pieno di merenderos.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: buono
Bella gita con grandioso panorama, in una giornata soleggiata e senza vento. Percorso con salita regolare e mai ripidissima, con una traccia sciistica di salita recente e molto utile (forse comitiva Otaner). Usate le racchette dai 1600 m. alla cumbre e per tutta la discesa. Dalla cima (grosso ometto con palina lignea) è consigliabile proseguire ancora per 10' verso il Caval Piccolo perchè la cresta è molto attraente e conduce ad una cimetta innominata a forma di cornice di neve.
Con Adelina, Gianni e Gaetano, che ha PERSO un MAGLIONE di lana grigio melange, quasi alla fine della discesa. Lauta mancia a chi lo trova e telefona : 3495567663.
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1200
Finalmente una giornata "neige et soleil", peccato che poi sia arrivato un vento freddo molto fastidioso, che mi ha fatto scappare di corsa (si fa per dire ...). Cresta finale con una cornice non del tutto rassicurante; stessa cosa per le cornici dell'Alpet. Buttato l'occhio sul canale che sale dal vallone Taunere: l'ultimo tratto sembra comodo, ma in basso non si riesce a vedere nulla.
Tanta neve e tanti sciatori.
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1200
Sgambata pomeridiana (neque bona e neque sana) per approfittare del tempo ancora decente; partito dal piazzale alle 13 con mezzo sole, sono entrato nella nebbia a 1800 m. e me la sono portata fino in cima: visibilità 3/4 m.
Per scendere ho dovuto stare sempre con gli occhi sulle tracce di salita: si è aperto uno spiraglio solo vicino all'intermedio e poi di nuovo buio fino a sotto la Rampa.
Comunque tanta neve e, al mattino, tanti sciatori: le solite stradine non si vedono più perchè, dal colletto a 1400 m. in poi, l'ultima nevicata ha livellato tutto.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Strada dopo il Lis abbastanza pulita.
quota neve m :: 1100
Veloce sgambata con sole a catinelle, temperatura mite, ottima neve (già battuta), panorama, folla variopinta e belle signore.
Alle 9 i posti auto erano quasi esauriti.
Con Giuliana, Marina, Francesco, Ivano e Roberto.

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ottimo
Vista la nevicata ancora in corso, ci siamo accontentati del vecchio Musiné, passando dal Pian dla Feia: bell'ambiente invernale con alberi carichi di neve e nessuno in giro. Discesa a rotta di collo (o di ginocchia), tagliando tutto il possibile fino alla sorgente.
Con Gaetano, che è riuscito a litigare con uno spuntone di legno ...
Giudizio Complessivo :: * / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta portante
note su accesso stradale :: ottimo
quota neve m :: 1300
Anche questa volta il bel tempo non si è fatto vedere, ma era ampiamente previsto; bastava stare a casa. Arrivati sull'esplanade mentre nevicava e con la strada già bianca, l'abbiamo presa fino all'intermedio dove, per di più, la visibilità era quasi zero.
Siamo andati ugualmente in cima per ammortizzare la gita (dislivello in metri, diviso avvicinamento in Km.) grazie alla traccia rimasta sulla poca neve fresca: in vetta la croce con il nulla attorno.
Con Ivano alla prima Aquila.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: ottimo ma abbondante
quota neve m :: 1400
Partiti dal piazzale di Pian Muné percorrendo la stradina super battuta che permette, se non si taglia nel bosco, di non calzare le racchette per un'oretta. Quando si lascia la strada, al ponte sotto Pian Croesio, c'è una comoda traccia ciaspolabile fino in vetta, senza rampe spaccagambe: dopo la probabile folla domenicale non escludo che sia tutta percorribile a "piede libero".
Per scendere ci siamo buttati verso le grange di Pian Croesio con 40/50 cm. di poudrouse su fondo duro: una vera goduria, così rara per i poveri ciaspolari.
Ottima gita, ideale per le racchette: ogni tanto si può ripetere.
Ottima compagnia: ogni tanto si può ripetere ...
Con Giuliana, Ivano, Nicola, Roberto e il di lui cagnetto.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ottimo e abbondante
quota neve m :: 1500
Gita sempre piacevole per l'ambiente rilassante e il vasto panorama, favorito da una giornata tersa e fredda.
Calzate le racchette a 2.100 m. e tolte, in discesa, al lago Nero.
Poca gente in giro; visto scendere dalla Saurel un nutrito manipolo di sciatori con una specie di vela (Snowkiting): spariti verso la Francia (solo loro possono fare cagate del genere ...Spero ...).
Con Gaetano e Ivano.
P.S. Non capisco perchè le mie ultime gite su neve sono state archiviate come escursionismo: forse perchè quando la neve è di marmo lascio le ciaspole nello zaino ? Bisogna per forza faticare e rovinarsi le ginocchia ?

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: BUONO
Gita inaspettatamente ben riuscita grazie alla giornata soleggiata e all'ottima neve, che mi ha permesso di salire e scendere senza calzare le racchette: fino a 2.100 m. solo con gli scarponi e poi con i ramponi, usati anche in discesa.
Grande folla di sci-muniti molto goduti per la neve quasi da pista (o anche meglio).
Salita in 2h.30 con Ivano, Roberto, Giuliana e la rediviva Daniela, in grande forma.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (02/04/18)
    Torretta (La) da Trovinasse (23/03/18)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (13/03/18)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (09/03/18)
    Sourela (Punta) da Col San Giovanni (04/03/18)
    Musiné (Monte) da Caselette (26/02/18)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (17/02/18)
    Garitta Nuova (Testa di) da Pian Munè (10/02/18)
    Fournier (Cima) da Bousson (03/02/18)
    Sbaron (Punta) da Prato del Rio (28/01/18)
    Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino (25/01/18)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (14/01/18)
    Pirchiriano (Monte) Via Ferrata Carlo Giorda (23/11/17)
    Envie (Cappello di) da Prali (19/11/17)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (12/11/17)
    Vergia (Punta) da Pertusel (04/11/17)
    Invincibili (Vallone degli) da Bessè, anello (29/10/17)
    Sella (Rocca) da Novaretto (23/09/17)
    Barbeston (Monte) da Barbustel (03/09/17)
    Boccalatte Gabriele - Piolti Mario (Rifugio) da Planpincieux (23/08/17)
    Monzino Franco (Rifugio) da la Visalille, vecchio sentiero Capanna Gamba (17/08/17)
    Oserot (Monte) dal Grange Selvest (13/08/17)
    Chersogno (Monte) da Campiglione per il Colle di Chiosso (12/08/17)
    Boucher (Roc del) da Grange Thuras Inferiori per il Versante SSO (05/08/17)
    Dante e Michelis (Punte) da Castello, anello Vallone delle Forciolline, Colletto Dante, Vallone Giargiatte (29/07/17)
    Patanua (Rocca) da Prarotto (20/07/17)
    Albergian (Monte) da Pragelato (15/07/17)
    Mezzodì (Guglia del) dal Colle della Scala (13/07/17)
    Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities (08/07/17)
    Tazzetti Ernesto (Rifugio) da Malciaussia (01/07/17)
    Orrido di Chianocco (Ferrata dell') (24/06/17)
    Quinzeina o Quinseina (Punte Sud e Nord) da Santa Elisabetta, anello per Lago della Quinzeina (17/06/17)
    Palluel e Faravel (Lacs) dal Vallone de Freissinieres, anello (03/06/17)
    Français Pelouxe (Monte) da Balboutet (26/05/17)
    Aquila (Punta dell') e Cugno dell'Alpet da Alpe Colombino (16/05/17)
    Bianca (Rocca) Ferrata di Rocca Bianca di Caprie (30/04/17)
    Pirchiriano (Monte) Via Ferrata Carlo Giorda (22/04/17)
    Bocciarda (Monte) dalla strada di Pian Neiretto per il Colle della Roussa e la Curbasiri (21/04/17)
    Soma (Clot della) da Pattemouche (08/04/17)
    Roussa (Colle della) da Forno di Coazze (04/04/17)
    Garde (Rocher de la) da Chateau Beaulard per il rifugio Guido Rey (11/02/17)
    Vaccare (Trucco delle) o Pian Mesdì da Pian del Frais (04/02/17)
    Bianca (Rocca) Ferrata di Rocca Bianca di Caprie (07/01/17)
    Aquila (Punta dell') dall'Alpe Colombino (27/12/16)
    Fournier (Cima) da Bousson (18/12/16)
    Fraiteve (Monte) da San Sicario (04/12/16)
    Roussa (Colle della) da Forno di Coazze (01/12/16)
    Ponton (Tour) da Dondena per il Col Pontonnet (04/09/16)
    Colombo (Monte) da Schiaroglio (28/08/16)
    Pelvo d'Elva dal Colle della Bicocca, anello per il Monte Camoscere (21/08/16)
    Cerces (Pointe des) da Chalets de Laval (14/08/16)
    Blais Walter (Bivacco) al Colle Est d'Ambin da Grange della Valle (11/08/16)
    Trécare (Becca) da Cheneil per i colli Croux e Nana (06/08/16)
    Losa (Passo della) e Passo della Vacca dal Lago Serrù, anello (30/07/16)
    Porta (Colle della) traversata Nivolet - Ceresole per Colle della Terra, Bivacco Giraudo, Gran Piano (17/07/16)
    Testona (Cima) da Ciantel per il Bivacco Blessent e il Monte Arzola (26/03/16)
    Bettolina (Monte) da Staffal per il Colle di Bettaforca (21/02/16)
    Bosco (Cima del) da Thures (19/02/16)
    Musinè (Monte) da Caselette, anello per le cave e il versante NE (13/02/16)
    Pagliaio (Picchi del) Traversata Accademica (31/01/16)
    Midi o Muret (Punta) da Peirone (23/01/16)
    Lera (Monte) e Monte Rosselli da Valdellatorre per la Bassa delle Sette (16/01/16)
    Mercurin (Lago) da Balme, Labirinto verticale (21/09/15)
    Tierce (Pointe e Chapelle de) da Bessans, con possibile traversata Ribon-Avérole (06/09/15)
    Marzo (Monte) da Piamprato, anello per i Colli di Monte Marzo e delle Oche (29/08/15)
    Cristalliera (Punta) cresta SSO o delle Scuole (21/08/15)
    Meja (Rocca la) Via Normale dal Colle del Preit (12/08/15)
    Cornour (Punta) da Ghigo di Prali, per la cresta NE (02/08/15)
    Quattro Sorelle (Punta) da Pian del Colle per la Cresta Sud (26/07/15)
    Granero (Monte) da Pian del Re per il Passo Luisas (11/07/15)
    Tre Vescovi (Punta) da Piedicavallo e il Colle della Mologna Grande (07/07/15)
    Gran Guglia da Bout du Col , anello per il Lago Verde (02/07/15)
    Pignerol (Monte) dalla Bergeria della Balma per la cresta NE (16/06/15)
    Mait d'Amunt canalone NNE (11/06/15)
    Gran Guglia Canali N e NE (04/06/15)
    Costabruna (Punta) dall'Alpe Fumavecchia per il Colle del Vento (28/05/15)
    Curbasiri (Punta) da strada Pian Neiretto per il Colle della Roussa (07/05/15)
    Bosco (Cima del) da Thures (19/02/15)