roccia75


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta portante
neve (parte inferiore gita) :: umida
note su accesso stradale :: Nulla di rilevante
quota neve m :: 1800
Effettuato una variante ai percorsi proposti: siamo saliti sul Monte Crosetta, e quasi interamente per cresta abbiamo raggiunto la vetta del Tibert. C'è da dire che le condizioni della neve consentivano questo percorso in sicurezza. Solo in un tratto della cresta abbiamo deciso di aggirare un gruppo di rocce sul versante sud (tratto più esposto e in cui valutare attentamente le condizioni della neve), e negli ultimi 300m di cresta, si è optato per traversare sotto la verticale della croce di vetta, per poi portarsi sulla sinistra e risalire sul costone della via normale, vista la compattezza della neve. Siamo poi ridiscesi per la via diretta di discesa.
Ottimo giro, ma da sconsigliare in caso di eccessiva neve e/o neve marcia per pericolo di valanghe, soprattutto per i lunghi traversi esposti a sud sui ripidi pendii sotto la cresta!
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Per essere la prima via di montagna fatta dopo tre anni di sosta è stata una vera goduria! Concordo sulle note degli altri fruitori!
Fatta in compagnia di Mosè, il quale ha ottimamente aperto tutti i tiri, permettendomi una giornata di puro divertimento! Giornata conclusa con due tiri nella falesia di Sant'Anna.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: recente umida/pesante
neve (parte inferiore gita) :: recente umida/pesante
quota neve m :: 500
Abbiam provato a salire seguendo l'itinerario da Bersezio, ma vista la presenza di molta neve non trasformata (in certi punti anche oltre i 2,5 metri), non siam andati oltre ai grossi canaloni laterali (i quali non hanno ancora scaricato dl tutto). Ritornati a Bersezio, siam scesi a villaggio Primavera e lasciando l'auto nel cortile dei primi condomini (arivando da Bersezio), abbiam risalito il fondo del vallone al riparo delle valanghe.
Salito in compagnia dei due Andrea e Teo, bellissima giornata di sole, al cospetto di panorami superlativi! Peccato per la neve un po' collosa. Il tragitto era solo parzialmente battuto, viste le ultime nevicate (circa 60cm di neve fresca)
Giudizio Complessivo :: / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: accumuli o lastroni
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m :: 500
Neve non proprio delle migliori, gelata nella parte bassa, ma almeno portante, e crostosa dall'uscita dal bosco alla cima. Durante la discesa neve molle, specie sui versanti leggermente più esposti a sud (sentito assetamento nella zona a destra del pendio di risalita).
Salito con Andrea Joshua e Andrea Bacchet, mitici... Joshua è scoppiato a trecento metri dalla vetta. Siam saliti in allegria ridendo e scherzando, e speriamo di non aver dato troppo fastidio con i nostri schiamazzi alle due belle ragazze in solitaria sul medesimo nostro itinerario(decisamente più serie di noi).

Foto al Gias 'd Lula coperto dalla neve

La vettà vista dal parcheggio della Certosa
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe lastroni esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta rigelo non portante
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo portante
quota neve m :: 600
Incontrate masse nevose imponenti sulll'intero percorso in particolare appena prima della frazione di San Giacomo e soprattutto alla base del vallone del Frassinetto, in cui la strada forestale non è assolutamente evidente (difficoltà di orientamento). Evidenti i danni: si sono osservati 2 ponti crollati, e tetti con evidenti cedimenti (causa il peso della neve). Sul ponte di San Giacomo si stimano ancora 2,5 metri di neve compatta!
Saliti con una bella compagnia Teo, Andrea, Andrea Joshua, Alby, i fratelli Miino. Superbi i panorami dal Pra del Rasur su tutto il circo Clapier, Muraion, Maledia! Impressionanti le masse di neve crollate dai canaloni laterali ed in particolare dal Frasinetto (circa 400 m di ampienza della valanga).
Incontrati 4 camosci morti (1 travolto da valanga, mentre gli altri sembrano morti nel sonno in prossimità degli alberi - la causa può essere la fame e il freddo, ma si è notata la presenza di sintomi di congiuntivite virale, quindi non escluderei la morte per cecità.

La borgata di San Giacomo - Inverno 2008/2009

Panorama dal Pra del Rasur: sullo sfondo il Clapier e il Ghiacciaio omonimo
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento morbida
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: La strada può essere percorsa fino all'ultima borgata (sterrato)
quota neve m :: 1400
Percorso il primo tratto fin oltre Colla Piana, senza le racchette da neve, incontrando tratti ghiacciati abbastanza insidiosi (si consiglia di indossare le racchette appena si incontra neve). Ultimo tratto abbastanza ripido, ma non insuperabile (naturalmente la neve era più farinosa, anche se a tratti crostosa)
Fatta con Teo e Andre. La giornata stupenda ha permesso di gustare un panorama meraviglioso sull'intera catena alpina e la pianura Padana (finalmente senza la classica veste nebbiosa da smog!).
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gran bella salita in quest'angolo di Marittime a me ancora poco conosciuto. Giornata completamente sgombra di nubi, con cielo di un azzurro intenso. Non abbiamo incontrato neve neppure sul canale che adduce al Colle della Lausa, ma solo molta brina sulle pietre (che pertanto erano un po' scivolose)
Il panorama, veramente superbo, e l'ambiente selvaggio, rendono questa montagna meritevole di essere visitata. Il sottostante ghiacciaio dell'Ubac è ancora presente, anche se in buonaparte nascosto sotto le pietre. Salito in compagnia di Teo e Andre..peccato per i dormiglioni che dovevano seguirci e si son persi questa giornata per dormire!

Vista sul Vallone del Tenibres - PAnorama verso le cime di Schiantalà e Ischiator

Foto di gruppo con sullo sfondo la Testa dell'Ubac

La Testa del Vallone
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
A causa di un po' di neve oltre i laghi, non è stato semplicissimo trovare il sentiero. Si consiglia di prestare attenzione nell'attraversamento del canalino che adduce alla forcella est della punta Gioffredo: molti i massi instabili, anche di notevoli dimensioni (si è provveduto a far rotolare giù per il canale i più pericolosi)
Bella giornata di sole, anche se la temperatura al mattino era appena di -2°C (e in giornata non è mai andata oltre ai 3°C), e ogni tanto la nebbia tentava di risalire dalla pianura cuneese. Superbo il panorama, in particolare sulla vicina cima di Corborant e il Becco Alto d'Ischiator. Bellissimo l'effetto delle montagna spolverate dalla prima neve caduta la settimana scorsa! Salito in compagnia di Alby, Teo, Andre, Rena e Cinzia!
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Salito per una giornata di completo relax in compagnia della bellissima Nora!! Al lago non siamo stati accolti dalle solite marmotte, in compenso abbiamo fatto amicizia con il cane del pastore (un vero opportunista mangia panini!).
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Salito in compagnia di Nora e Grufus (entrambi in ottima forma)!!! Peccato per il fortissimo vento e la nebbia che ci ha impedito di salire sulla cima Ghiliè e anzi ci ha reso difficoltoso anche solo camminare. Sul tragitto Nora ha messo a punto un nuovo sistema di scalata (il Metodo Cul-e-man al contrario!!!! Si!!! per salire!?)..ma questo non le ha impedito di rovinare a terra per ben due volte: per fortuna tutto si è risolto con una bella risata e due piccoli bolli alle ginocchia!!! Abbiamo avvistato molti camosci, un branco di mufloni, e dal Piano della Casa abbiamo osservato un gipeto intento a banchettare sulle pendici della Madre di Dio! A parte il tempo la giornata è stata divertente e avventurosa, grazie soprattutto alla splendida compagnia!!!!

Panoramica dal Colle Ghiliè Verso la Francia

Nora e Grufus...brrrrr che freddo!!!
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .