ricky77


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: No problem. 3 euro di parcheggio
Bella gita con bei panorami, in particolare sulle Alpi Liguri. Segnalo che tra I due gias Vaccarile la traccia talvolta si perde e quindi non sempre ci si ritrova sul percorso corretto, in particolare in discesa. In salita non ci sono difficoltà di sorta (puntare al grosso masso incastrato visibile da sotto: vi si arriva da sinistra). In discesa invece, appena sotto il gias soprano Vaccarile ho seguito alcune tacche rosse, che seguono la condotta dell'acqua ma che mi hanno portato su terreno ripido, senza traccia e leggermente esposto. Poco dopo, in basso a sinistra ho visto la traccia GTA nei pressi del masso incastrato e con un minimo di attenzione mi sono ricongiunto.
In pratica, tra I due gias servirebbe un minimo di segnaletica in più, anche solo 4 o cinque pali.
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: molto bagnata
note su accesso stradale :: No problem sino a 1900 m
quota neve m :: 2100
attrezzatura :: scialpinistica
Condizioni non esattamente ottimanli: partiti per il Bellino, data la scarsità di neve optiamo per percorrere il vallone del maurin sino al suo termine, salendo in ultimo su questa panoramica cima. Ambiente superlativo, gita con innevamento decente per la discesa solo fino a 2200 m di quota circa.
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: polverosa
note su accesso stradale :: Gomme termiche per Sodani
quota neve m :: 900
attrezzatura :: scialpinistica
Buone condizioni, possibilità di partire da Sampeyre sci ai piedi per le piste.
In altro numerosi passaggi ma vi è la possibilità di ritagliarsi le curve in neve farinosa intonsa. Presso le piste, scelta se seguirle o effettuare dei tagli fuoripista su neve abbastanza buona. Non ottima ma assolutamente soddisfacente.
Sciabilità :: * / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta non portante
note su accesso stradale :: No problem
quota neve m :: 700
attrezzatura :: scialpinistica
Copertura nevosa buona ma di scarsa qualità a causa della pioggia; stradina gelata ma facilmente percorribile, più in alto traccia rovinata dalle ciastre. In discesa, le uniche curve discrete appartengono ai primi 200 m di dislivello sollo la cima, poi polvere ma su fondo molto irregolare (tracce precedenti), infine crosta e strada. Deve nevicare di nuovo, molto e senza pioggia.
Sconsigliata
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: No problem
Ho alcune precisazioni da fare:
1 - sino alla Rocca Corna Est, la traccia è sempre presente; nell'ultima sezione di gita c'è una traccia un po' labile, ma è impossibile sbagliarsi poichè si vede benissimo la croce di vetta.
2 - da rocca Corna Est a rocca Corna Ovest, il percorso è sì facile (tratto di 30 m di dislivello per arrivare in cima su forte pendenza, leggermente esposto e su terreno friabile) ma tutt'altro che breve: tra munta e cala occorre calcolare almeno 400 m di dislivello (A/R)
3 - Consiglio: tornando da rocca Corna Ovest, ho avuto l'impressione di poter evitare di tornare sulla Est e tagliare le sue pendici di destra. Sbagliato, poichè si finisce su roccette. Dopo aver ravanato faticosamente un bel po', sono tornato sulla Est e poi sceso all'auto.
Inoltre, attenzione nel tratto tra la Ovest e la Est: nei pressi di un marcato colletto/depressione, vi è un passaggio che all'andata è facile e non dà problemi, al ritorno è molto meno evidente (almeno per me: l'ho cercato un bel po'...).
4 - salendo sulle due cime, credo che il dislivello complessivo sia non inferiore a 1100 m. Il modo più semplice, veloce e confortevole di concepire questa gita è limitarsi alla Rocca Est.
Bella gita dopo le trasferte sui giganti valdostani.
Panorami bellissimi anche sul solco vallivo principale.
Nessuno in giro
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Itinerario senza alcuna difficoltà su sentieri sempre ben segnati ma poco frequentati, attraversando borgate in decadenza ed altre belle ed in corso di ristrutturazione. Incendio di colori autunnali... chi l'ha detto che l'autunno è una stagione triste???
Bell'opera di segnalazione dei percorsi e dei sentieri effettuata dalla comunità montata Valle Grana

Il ponte presso la partenza

Autunno

Colori a Campofei

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
La gita è veramente priva di difficoltà e la valutazione più corretta credo sia E+, per l'ambiente comunque di alta montagna. Traccia sempre segnalata e mai esposta, non si utilizzano mai le mani.
Panorama stupendo, in cima alle 7:30 con cielo terso. Salito senza difficoltà anche il monte camoscere, che in realtà è una quota e nulla più.
Occorre comunque, a mio avviso, fare chiarezza su un aspetto: ho visto questo itinerario relazionato "EE" ma, se è così, come la mettiamo con gite come la Punta Stella nelle Marittime, con identica valutazione ma difficoltà decisamente superiori? O come l'Oserot, che non è tecnicamente difficile ma dove, se scivoli, ti trovi alla bse del suo pendio?
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Senza grosse difficoltà, con Fiat Bravo, a Pian Marchisio
L'anello è abbastanza lungo se compiuto in giornata ma molto bello e scorrevole, senza alcuna difficoltà e ben segnalato tranne che nel tratto tra i laghi della Brignola ed il colle Brignola Seirasso, che forse io non ho nemmeno centrato ma tanto dall'altro versante è tutto bello prativo.
Consigliato, anche per la scarsa frequentazione
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Gita a Rocca Pergo Piccola letteralmente strappata al lavoro: uscita ore 18 di ieri sera e rientro alla scrivania ore 8.20 di oggi, con arrivo in punta alle 21.40 (…) e pernottamento al bivacco Rousset, molto carino ma effettivamente un po’ malandato, anche a causa di chi lo frequenta. Notte piuttosto fresca, utile il sacco a pelo.
La salita in cima è effettivamente classificabile EE, benchè ormai molti la declasserebbero a E. Va detto in effetti che, se affrontata sul versante che dà sul bivacco, qualche passaggio c’è ma in assenza di esposizione; si sale a vista senza problemi ed inoltre la salita è breve e le mani si utilizzano più per equilibrio che altro, però si usano. Giunto in cima, per la discesa ho proseguito in direzione opposta (ho continuato a procedere, in pratica) e poi trovato sulla destra un corto canalino che si scende, faccia a valle e senza problemi (4-5 m di dislivello).
Nota: il sentiero che sale dal vallone di Frise è appena una traccia, veramente ridotta al minimo anche se, per ora, sempre visibile grazie al passaggio degli escursionisti. In futuro scomparirà e potrebbe essere veramente utile segnalare il percorso con dei paletti (alti almeno un metro e mezzo!!!), per favorire la frequentazione di questi bei posti
Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 2200
attrezzatura :: scialpinistica
A dispetto di quanto affermato dall'esimio Jacolus nella sua relazione alla punta Seras, a mio parere il Losetta ha dei pendii che, sino a circa 2500 m, sono migliori della Seras; questo a patto che si scenda direttamente dalla punta senza passare dal colle (ed in questo caso è un BS pieno). Da 2500 m in poi, è invece un lungo traversone alto sulla sinistra idrografica per cercare di spingere il meno possibile.
Per valutare tutte le possibilità, oggi io ho concatenato tutte e due le punte, con vedute magnifiche, e differenti, sul Monviso, davvero impressionante da qui.
Ambiente molto bello.
Perchè non si apre la strada del Colle dell'Agnello?
Com
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Mirauda (Punta) da Pian delle Gorre per il Gias Fontana (25/09/16)
    Vallonet (Tete du) da Chiappera (14/04/14)
    Cugulet (Monte) da Sodani (25/01/14)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (06/01/14)
    Corna (Rocca) dal Colletto di Canosio (04/08/13)
    Cernauda (Rocca della) anello per il Monte Chialmo e Monte Plum (20/10/12)
    Pelvo d'Elva da Campiglione per il Monte Camoscere (03/08/12)
    Mongioie (Monte) da Pian Marchisio, anello per Passo delle Saline, Bocchin Aseo, Laghi Brignola (22/06/12)
    Pergo piccola (Rocca) da Santa Lucia (12/06/12)
    Losetta (Monte) da Chianale per il Vallone di Soustra (26/03/12)
    Auto Vallonasso da Chialvetta (01/03/12)
    Arp Vieille (Mont) da Bonne (27/02/12)
    Sestrera (Porta) q. 2344 da Madonna d'Ardua (18/02/12)
    Baussetti (Monte) da Valcasotto (16/02/12)
    Gardiola (Cima la) da Certosa di Pesio (12/02/12)
    Campaula (Costa), o Pian della Reina da Tetti Folchi (09/02/12)
    Baraccone di San Giacomo (Punta del) da Giordano (29/05/11)
    Omo (Punta dell') o lo Cres de Gibert da San Giacomo (23/03/11)
    Terra Nera (Monte) da Rhuilles (09/03/11)
    Vallette (Cima delle) da Frais (23/02/11)
    Meja (Rocca la) quota 2506 m cresta N da Preit (03/02/11)
    Vecchio (Monte) dal Vallone Sausa (01/02/11)
    Fontanile (Testa del) da Fontan (04/01/11)
    Bersezio (Area impianti) da Bersezio (03/12/10)
    Meja (Rocca la) quota 2506 m cresta N da Preit (23/11/10)
    Cugn di Goria da Goria (19/11/10)
    Bresses (Testa Sud di) dal Gias delle Mosche, anello per i Laghi di Fremamorta (12/09/10)
    Clapier (Monte) da San Giacomo per il Passo Pagarì (29/08/10)
    Longin (monte) cresta nord (25/08/10)
    Frema (Tète de la) dai Piani di Stroppia, anello per il Col de Gippiera e Colle Infernetto (10/07/10)
    Autaret (Testa dell') da Sant'Anna (29/04/10)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (27/03/10)
    Rasciassa (Punta) da Foresto (18/03/10)
    Granè (Monte) da Crissolo (12/01/10)
    Durand (Cima) da Artesina (13/11/09)
    Chialmo (Monte) per il versante Sud e le Punte Freura, Cauri e Mezzogiorno (06/11/09)
    Radevil (Rocca) da Case Rounvel e il colle dell'Ortiga (27/10/09)
    Pianard (Monte) da Trinità per il colletto del Cayre di Porcera (17/10/09)
    Montagnetta (Cima della) da Castello di Pietraporzio per il vallone del Rio Conforent (14/10/09)
    Custassa (o Praroussin o Genebrea) da Villanova Pellice per il Colle della Croce (29/09/09)
    Nera (Rocca) dal Rifugio Barbara Lowrie e le Rocce Founs (05/08/09)
    Freide (Monte) da Chiappera per il Colle di Rui (25/07/09)
    Questa Emilio (Rifugio) da Terme di Valdieri (20/07/09)
    Pence (Monte) da Sant'Anna, anello per il Colletto di Chiausis (16/07/09)
    Maniglia (Monte) da Sant'Anna (22/05/09)
    Sommeiller (Punta) da Grange della Valle (17/05/09)
    Lago Nord (Punta del) da Molè per il Vallone della Balma (27/03/09)
    Guglie (Punta delle) da Foresto (18/03/09)
    Rastcias (Monte) da Fracchie (12/03/09)
    Matto (Monte, Cima Est) da S. Anna di Valdieri (01/04/08)
    Matto (Monte, Cima Est) da S. Anna di Valdieri (29/03/08)
    Barifreddo (Monte) da Argentera per il Monte Appenna (14/07/07)
    Barifreddo (Monte) da Laval per il Monte Appenna (14/07/07)
    Grande (Becco) cima Ovest dal vallone di Marmora traversata Becco Nero e Cima di Test (30/06/07)
    Lose (Cima delle) da Argentera (27/01/07)
    Bracco (Monte), Croci di Envie, Sanfront, Rifreddo da Mombracco (20/01/07)
    Birrone (Monte) da Ballatori (12/03/06)
    Colletto (il) da Chialvetta, traversata a Saretto (14/01/06)
    Colletto (il) da Chialvetta, traversata a Saretto (14/01/06)
    Seita (Monte) quota 2505 m SO da Besmorello (27/12/05)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (16/07/05)
    Giasson (Becca di) da Surrier (21/05/05)
    Rognosa del Sestriere (Punta) da Ponte Terribile per il Versante Sud-Ovest (01/05/05)
    Cars (Cima) da Certosa di Pesio, anello per Cima Piastra e Colle Serpentera (18/03/05)
    Cars (Cima) da Certosa di Pesio, anello per Cima Piastra e Colle Serpentera (16/03/05)
    Fascia (Cima della) da Limone Piemonte per la dorsale NO (26/02/05)
    Ischiator (Becco alto d') da Besmorello (16/02/05)
    Balur (Monte) da Roaschia (24/01/05)
    Piovosa (Punta la) da Tolosano, per il canalone Nord-Ovest (08/01/05)
    Cugulet (Monte) da Sodani (30/12/04)
    Fionira (Punta) da Pralapia (18/12/04)
    Ciabert (Costa) per il vallone di Soustra (04/12/04)
    Mondrone (Uja di) Via Normale da Molera (05/10/04)
    Pelvo d'Elva Via Normale dal Colle della Bicocca (15/09/04)
    Mondrone (Uja di) Via Normale da Molera (12/07/04)
    Frioland (Monte) da Brich per il Colle delle Porte (11/07/04)