maurol65


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: Ambio parcheggio a Vonzo
Approfittando della recente ritracciatura del sentiero siamo andati alla scoperta di queste zone poco frequentate. Abbiamo abbinato la salita da Vonzo al colle con la discesa nel vallone di Unghiasse effettando così una traversata da Vonzo agli Alboni passando per il Colle della Terra di Unghiasse e per i due laghi di Unghiasse. Carico la traccia GPS completa.
Per chi volesse si potrebbe chiudere la traversata formando un anello tornando a Vonzo dagli Alboni usando il sentiero per la Frassa, credo da aggiungere un 2h - 2h30'.
Abbiamo impiegato 5h per salire al colle e 3h30' per scendere comprese le soste.

Dalla zona parcheggio di Vonzo siamo risaliti sulla strada asfaltata e dopo 50m abbiamo imboccato il sentiero sulla destra per la borgata Chiappili. Il sentiero termina sulla strada sterrata che conduce alla borgata, attaversata la borgata sulla destra parte la traccia per la Vassola. Salendo si arriva ad incrociare, dopo alcune baite, la strada sterrata che condece agli alpeggi della Vassola, percorrerla per poco meno di 1 Km sino ad imboccare sulla destra la traccia 324 e seguirla sino al colle. Attenzione nell'ultimo tratto prima del colle formato da un traverso su terreno molto ripido e con sentiero poco inciso.
Dal colle siamo scesi prima al lago d'Unghiasse e poi al Gran lago d'Unghiasse. Nei pressi dell'emissario di quest'ultimo abbiamo imboccato la traccia di discesa lungo il vallone.
Gita consigliata con bel tempo ed in assenza di nebbia che potrebbe rendere difficoltoso individuare la traccia.
Bellissimo il sentiero in salita al colle della Terra di Unghiasse, vale la pena approfittare della recente ritracciatura per godere degli austeri ambienti della parte alta del vallone di Vassola.
Grazie ai compagni di gita: Fiorella, Marina, Roberto.


Ponte in pietra all'inizio del vallone di Vassola

Alpe Vailet

Vista sul colle

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Discesa fattibile anche per principainti come il sottoscritto.
L'unico consiglio è quella di farla in due giorni oppure optare per la versione ridotta a 24 Km. Noi abbiamo fatto in un solo giorno la discesa da 30 Km ma abbiamo veramente faticato impiegando complessivamente 7h40m con brevi soste per un totale di 1h30m. 6h di pagaia non sono poco! Da non sottovalutare che si deve arrivare a destinazione per le 17:00 in modo da non perder el'autobus che vi riporta alla partenza.
Bellissimo ambiente, ottimo il campeggio Des Tunnels da cui si può partire direttamente con la canoa, quindi senza spostare l'auto, a patto di fare i 30Km.

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partiti da Bruson saliti verso la cima sul versante Sud e discesi sulla cresta Sud-Est.
Percorso tracciato con segnavia gialli 24 e 24A da fare attenzione in alcuni punti con erba alta i segnavia sono di non facile identificazione, per il resto sentiero ben tracciato e privo di difficoltà.
Consiglio l'anello in senso orario per evitare la salita ripida della cresta Est.
Nonostante la giornata incerta con un momento di tormenta di neve il cielo si è poi pulito rendendo la gita gradevole.
Ottima anche la compagnia!!!

Traccia riprodotta su cartina
Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Siamo riusciti a percorrere l'intero anello grazie alla traccia GPS scaricata.
Nella parte di avvicinamento a Mardotiglio abbiamo seguito la traccia di sentiero più della traccia GPS.
Molto difficoltoso il passaggio da Mardotiglio a Pianetti per la fitta boscaglia da oltrepassare prima di trovare la traccia di sentiero poi evidente sino a Pianetto. Prestare attenzione in alcuni punti del sentiero franati prima dell'attraversamento del rio Fura.
Da Pianetti a Forcetta armarsi di pazienza e determinazione per oltrepassare alcuni tratti di boscaglia fitta. Buono e pulito il sentiero che da Forcetta scende a Costa (noi siamo passati anche da Eretta). Le stelle sarebbero 4 per l'ambiente, diventano 3 per il percorso invaso dalla vegetazione.
In compagnia di Alberto che ha classificato il percorso EEB: Escursionisti Esperti Boscaioli....se avete una roncola portatevela appresso, può tornare utile :)

Vista su Montepiano e Locana

Il sentiero passa dentro alla baita

Alla Forcetta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Saliti da Vonzo per il colle della Paglia. Qualche incertezza nel sentiero per raggiungere il colle della Paglia.
Molto bella la cresta finale dal colle alla cima, anche se necessario procedere con attenzione, non ci sono mai passaggi troppo esposti.
Siamo poi scesi verso Cantoria passando da San Domenico e Lities trasformando l'itinerario in una interessante traversata.
Partiti con nuvole abbiamo avuto la fortuna di sbucare al sole al colle della Paglia e di godere di uno splendido panomara con mare di nubi dalla cima.

Vista dal Colle della Paglia

Cresta da percorrere dal Colle della Paglia per la cima

In cammino sulla cresta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Interessante anello su sentieri ben tracciati. Puo` presentare delle difficolta` in caso di nebbia nella zona dei laghi e tra il colle della Terra Ferta` ed il colle della Crocetta. Per questo direi che e` consigliabile solo con sicurezza di bel tempo.

Sviluppo complessivo di circa Km 18 per 6h di cammino effettivo (8h30m comprese le soste)

Dislivello ascesa totale 1480m



Gita con Roberto, Vito e Riccardo. Come sempre ottima compagnia ma viaggiano come dei camosci!

Ultiima salita prima del lago di Unghiasse

Lago di Unghiasse

Gran Lago

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Percorso che si sviluppa su ripide vie di salita e discesa e su un comodo sentiero dal Bec di Mea alla Frassa. Anello percorso in senso contrario rispetto al primo itinerario.
Qualche difficolta' nell'individuare il sentiero in partenza dai Bussoni, guardando la chiesa da parcheggio spostarsi a sinistra sino a trovare un viottolo tra le case con il cartello che indica Mea, Unghiasse, poi entrare nell'abitato portandosi ancora a sinistra e uscire verso la montagna. Dopo breve si incontra la deviazione per Frassa, nel nostro caso abbiamo proseguito diritto per raggiungere il Bec di Mea passando nei pressi delle vie di arrampicata dei torrioni del Biolle'.
Nella prima parte il sentiero non e' sempre evidente e la traccia GPS caricata sul sito puo` essere utile.

Bellissima gita alla scoperta di questi antichi sentieri in compagnia di Riccardo, Fiorella e Francesco.
Impressionante la quantita' di terrazzamenti, ormai abbandonati, che si incontrano lungo le ripide vie di salita e discesa.

Sulla salita verso i Torrioni del Biolle un bel gruppo di baite in ottimo stato di conservazione

Vie di arrampicata ai Torrioni del Biolle`

Baite al Bec di Mea

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Partiti da Villanova di Pont abbiamo raggiunto la cima di Pian della Tola seguendo il tracciato indicato, tornati alla cappella a quota 1148 sia rientrati effettuando un percorso ad anello da Ronco di Pont e Piancerese con una puntata a Plasaria. Da Pian Cerese abbiaso seguito il sentiero natura piu' basso che scende direttamente a Pont. Per complessivi 10Km di sviluppo e 1000 m si ascesa.
Bel giro da effetuare in inverno, la poco significativa cima di Pian della Tola puo' essere evitata mentre vale la pena passare dalle carettistiche borgate abbandonate di Ronco di Pont e di Plasaria.

Vista dalla cima di Pian della Tola

Ronco di Pont

Ronco di Pont

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Effettuato il percorso ad anello salendo dal Pian della Mussa al passo delle Mangiore, toccato il lago di Bessanetto (La deviazione vale il tempo impiegato, dal passo al lago e' un piacevole traverso), abbiamo proseguito per il lago della Rossa e dopo una breve sosta rientrati al Pian della Mussa attraverso il Collarin d'Arnas e poi il Rifugio Gastaldi.
In totale 1450 m di ascesa complessiva.
Attenzione nella parte iniziale del sentiero di salita dal Pian della Mussa al passo delle Mangioire poco tracciato. Dopo 10 min dalla partenza si incontra un bivio senza indicazioni, proseguire verso sinistra tralasciando la deviazione di destra. Per il resto del percorso il sentiero e' visibile anche se non sempre tracciato.
Complessivamente abbiamo impiegato poco meno di 9 h incluse le soste. Il GPS segnava 6 h di cammino effettivo.
Giornata bellissima ed ambienti fantastici. Ne vale la fatica!! Grazie anche all'ottima compagnia: Fiorella, Roberto, Vito, Alberto, Franco, Riccardo.


Passo delle Mangioire

Lago di Bessanetto - sullo sfondo Croce Rossa e p.ta d'Arnas

Lago della Rossa

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo bici :: front-suspended
Giro impegnativo per il dislivello da coprire e la quasi assenza di tratti per rifiatare. La fatica e' ripagata dal panorama e dalla possibilita' di pedalare su diverse tipologie di terreno: asfalto, sterrato sentiero.
Il sentiero lo si puo' sperimentare con una piccola variante al percorso: nel ritorno dal lago, giunti al colle della Forchetta imboccare il sentiero a destra (Passa di fianco al tabellone panoramico). Da qui scendere con attenzione per il sentiero sino a passare a sx di una baita ristrutturata e poco dopo incrociare lo sterrato proveniente dalla strada (percorso originale). Proseguire a dx verso la Blinant seguendo la traccia sterrata. Giunti sotto alla Blinant, con un piccolo strappo, salire alla bella borgata, godersi panorama e fontana per poi riprendere la discesa per Vru. Attenzione a meta' discesa evitare il bivio a sx che vi porterebbe direttamente a Cantoria ma proseguire diritto e raggiungere Vru` e poi Cantoira.
Ottima compagnia e giornata bellissima!
Se volete a Vru' potete visitare la riproduzione della Mole Antonelliana e della Torre di Pisa in localita' Riverin con una piccola deviazione (500m) a dx 50 m dopo la catena.

Lago di Monastero

Cartello Panoramico al Colle della Forchetta. Da qui il sentiero di discesa...