luca94


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: altro
neve (parte inferiore gita) :: altro
note su accesso stradale :: ok
quota neve m :: 3000
attrezzatura :: scialpinistica
Partiti dal grosso parcheggio sotto i primi impianti di Cervinia, si risale per il ripido sentiero n.15 che arriva a Plan Maison. Sci a spalle fino al Teodulo poi finalmente si mettono scarponi e sci, la fatica per i 1300+ sparisce e lascia posto alla gioia della prima pellata di stagione. Piste sul ghiacciaio ben battute e per essere all'8 di ottobre ancora un buon innevamento anche se si intravede spesso il ghiaccio di sotto e non manca qualche buco lunghe le piste. Dal piccolo Cervino si lascia la parte battuta e si prosegue per il ghiacciaio con un'esile traccia. Deviamo a sinistra per il Breithorn e all'altezza del traverso mettiamo i ramponi che teniamo sino in punta, si supera un crepaccio di piccole dimensioni con un buon ponte. Il traverso presenta una buona traccia in rilievo ma per lo più in ghiaccio, gli ultimi 100 metri sulla dorsale abbiamo tracciato su una ventina di centimetri di neve riportata dal vento, poi finalmente la cresta di vetta. Purtroppo la nebbia ci ha avvolti proprio in punta per poi aprirsi una volta scesi. Discesa tenendo i ramponi sino alla base del pendio, poi tenendo le pelli abbiamo risalito il ghiacciaio fino al Piccolo Cervino. Tolte le pelli giù a bomba su piste appena fresate con una sciata fantastica per essere la prima. Dal Teodulo di nuovo in scarpette fino a Cervinia consapevoli del lungo tratto che ci aspettava. Prima volta dal paese, davvero soddisfati. In cordata con Simo.
Seguendo questo percorso: 27 Km - 2150+ - 8.00h.
Quota neve 3300 mt.
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Si segue il sentiero n.321 dai Rivotti sino al Gias di Mezzo per poi deviare a sinistra. Ecco dal bivio il sentiero va e viene si seguendo comunque vari bolli e ometti. Dopo aver passato Gias Vei il poco che c'era sparisce completamente rimangono solo più i segni bianchi e rossi. il Pendio erboso da risalire è davvero "ripido". A circa 200m dalla cima inspiegabilmente si ha una sorta di sentiero che con qualche veloce svolta supera più facilmente questo ultimo tratto. In prossimità della punta qualche passaggio a quattro zampe e poi ultimo tratto in cresta. Panorama a 360 gradi specialmente con la giornata di ieri. Non sottovalutare la discesa e cercarsi in salita punti di riferimento per ritrovare i passaggi più ostici. Gita più di ricerca che rilassante dovuta soprattutto per la mancanza di un buon sentiero. Forse dovuto al fatto che proprio proprio la salita a questa montagna che da lontano pare banale non lo sia più di tanto. Essendo anche angoli della Val Grande poco conosciuti e frequentati. Discorso ben diverso per il versante opposto che collega la frazione dei Rivotti a Ceresole tramite il colle della Crocetta.



Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Salito al Gastaldi (chiuso). Si perdono una cinquantina di metri per andare a prendere il sentiero che risale la cresta morenica. Cresta molto sottile e spesso scivolosa a causa del fondo non proprio consistente. Sentiero sempre abbastanza visibile con numerosi ometti. Non essendoci più neve la progressione viene rallentata un pò dai numerosi massi non sempre stabili da superare. Dopo il tratto in piano si risale sempre su sfasciumi con un sentiero ben scavato, ma si hanno più possibilità di salita volendo. Divertente ultimo tratto di cresta che porta all'ometto di punta. Bella la traversata che si può fare una volta superata la punta verso i denti del Collerin. Da percorrere con attenzione in quanto la roccia si spacca facilmente.
Bel tempo sin dal mattino poi qualche nebbia che per fortuna si è fermata all'altezza del Gastaldi rendendo il rientro facile e veloce, temperature ancora alte e assenza di vento.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Lasciata la macchina al colle, dopo il primo tornante si incontra il bivio da dove parte il sentiero. Non ci si può sbagliare tutto ottimamente segnalato anche il bivio per la Basei. Nel lungo traverso bisogna seguire i moltissimi ometti ma si intravede anche una sorta di sentiero. Al colle si prosegue per l'ampia cresta con buon sentiero fino all'ultimo tratto per salire il torrione roccioso, il tratto ripido si sale facilmente aiutandosi con i canaponi. Qualche nebbia in cima lato Serrù. Al ritorno una volta arrivato ai piani ho ancora fatto il giro dei due laghi Leità e Rosset per poi scendere al rifugio Savoia, di li alla macchina in 10 minuti seguendo la strada che risale al colle.
Finalmente poche persone e sopratutto auto, rendendo ancora più apprezzabile la bellezza del posto che non delude mai.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: 3 euro parcheggio giornaliero
Partito dal park intorno alle 11 e mezza, conosco bene il percorso questa e stata la mia decima salita a questa montagna che considero una delle più belle qui in zona. Dislivello e spostamento impegnativi, quindi da non sottovalutare. Nessun problema fino al ghiacciaio, traccia quasi sempre ben evidente spesso ancora io sbaglio salendo le pietraie subito dopo pian Gias ma si recupera facilmente il sentiero. Il ghiacciaio, o quello che ne rimane, lo si può affrontare in più modi in base alle proprie capacità e alle condizioni. Io ho preferito non portarmi niente dietro e viste le condizioni (no crepi significativi e nelle metà superiore ancora un buon metro di copertura nevosa) si progredisce molto velocemente anche con scarpette. Superato il ghiacciaio in 2.10h poi si attacca la parte piu sfasciumosa del percorso prima a zig zag poi nel lungo traverso. Dal piano fino in cima ho seguito la cresta rocciosa sulla destra, non impegnativa. In cima in 2.45h.
Giornata secca con alta pressione. Non una nuvola e panorama a 360 gradi dal più lontano Monte Bianco alla dirimpettaia Bessanese. Bellissmo!!


Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo itinerario :: poco faticoso
tipo clima :: corretto
note su accesso stradale :: ok
In occasione della festa di San Domenico, bella salita sino alla croce. Prima parte fino alla chiesetta sentiero ottimamente pulito, poi un po' coperto dalla solita erbaccia. Con Simone abbiamo deciso di provare a raggiungere la meno battuta Uja di Pratofiorito che da difronte proprio a punta Marsè. Ci si aspettava un sentiero o almeno qualche piccola traccia, invece nulla. Bisogna seguire il filo di cresta inventandosi un po' la linea. A metà la cresta presenta un salto che noi abbiamo aggirato a sinistra per poi risalire in cresta. Bellissima la punta con la caratteristica croce bianca che ho sempre solo visto dalla Bellavarda.
Cresta per lo più rocciosa, intervallata da qualche tratto di erba e rododendri. Facile ma non banale quasi sempre da risalire a quattro zampe, con qualche piccolo passaggio aereo molto bello. Conviene effettuare il tutto con roccia e erba asciutta.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok, parcheggio 3 euro
Salita passando dal Rif. Gastaldi, di li si segue indicazioni per il lago della rossa, scendendo ai caratteristici laghetti glaciali. A circa 2600 metri si prende il bivio per il vallone del Crotas con l'omonimo lago. Si scende al lago per poi risalire al passo di Bessanetto, di li seguendo l'ampia cresta si arriva all'ultimo tratto roccioso che da la caratteristica forma a questa punta. Qualche passaggio a due mani e si raggiunge la lunga punta con al centro l'evidente ometto. Tempo permettendo si ha una visione a 360 gradi su tutta la val D'Ala. Ritorno seguendo i vari sali e scendi fino al rifugio Gastaldi. In alternativa si può scendere passando per il passo delle Mangioire con arrivo alla villa Sigismondi (Bricco) .
Vari attraversamenti di torrenti dove si riesce a passare senza bagnarsi i piedi ma bisogna un po' cercarseli.

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
note su accesso stradale :: parcheggio 2,5 euro giornalieo
Dormito al parcheggio della diga, partenza 7 30, dopo un alba spettacolare essendo anche la prima volta che vedevo questo lago di una bellezza unica, un piccolo Verdon. Il sentiero che costeggia il lago è eterno 3,5 Km, poi finalmente si entra nel vallone. Sentiero bello, pulito e sempre ben segnato. Carino anche il piccolo pezzo attrezzato prima di arrivare ai rifugi. Dal rifugio più poca neve, si pesta qua e la un paio di nevai prima del colle. Dal colle bisogna portarsi tutto a sinistra qualche piccolo ometto si vede e poi su per sfasciumi e qualche rocce montonate ricoperte da detriti che rendono il tutto super scivoloso. Messo i ramponi gli ultimi 100 D+, dove si inizia a trovare un po' di ghiaccio. Cresta ancora in neve ma oggi molto bagnata con problemi di zoccolo. Essendo solo mi sono fermato a 20 metri dalla punta dove la cresta si affila leggermente e la neve bagnata non mi dava un buon grip con i ramponi.
Il dislivello non è eccessivo per affrontare la gita in giornata ma i 23 Km di sviluppo non sono pochi.

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: parcheggio obbligatorio a Frachey
Il paesino di Saint Jacques è chiuso al transito dalle 7 alle 11. Bisogno parcheggiare un chilometro prima al parcheggio di Frachey devo tramite navetta, forse gratuita, si sale a Saint Jacques. Sono partito dal park visto che di aspettare la navetta non avevo voglia seguendo la strada e poi prendendo il sentiero N.7 che porta al Rif Mezzalama, tutto molto ben segnalato. Facendo cosi si allunga il tutto di 2 Km. In 2h10 al Mezzalama, poi visto ancora la mezz'ora a disposizione sono salito verso il Guide D'Ayas dove mi sono dovuto fermare appena superato il ghiacciaio quando inizia la parte di sfasciumi. Fin qui per balze rocciose molto facili e segnalate con le solite frecce. Discesa veloce tutta corribile visto che il tempo a mia disposizione stava esaurendosi.
Purtroppo tra varie code di camion che salgono la val D'Ayas e il capire dove parcheggiare mi son perso quell'ora per riuscire ad arrivare al rifugio, sarà per la prossima !!


Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
note su accesso stradale :: ok
Partenza tarda, ore 10 e 10 dal Pian della Mussa per un giro esplorativo zona Pian Gias. Purtroppo salgo bene e non troppo piano a Pan Gias neve continua con buon rigelo su neve estiva che tende a mollare molto poco almeno oggi con temperature nella norma. In poco meno di 3 ore mi ritrovo in punta al Collerin, ramponcini non necessari, ottima copertura nevosa che facilita la progressione, dal colle Chalanson sono salito dritto per dritto e poi una volta in cresta ho deviato a sinistra dove in meno di 5 minuti si arriva in punta. Cresta Albaron pulita, anche traverso Ciamarella che però presenta ancora neve al imbocco del pianoro poco prima della punta (ramponi e picozza per chi è salito oggi). Rientro veloce seguendo il più possibile le lingue di neve/nevai che ad oggi arrivano ancora poco sotto Pian Gias. Bellissima gita, temperatura gradevole con solo qualche nebbia versante Italiano.

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Breithorn Occidentale da Cervinia (08/10/18)
    Morion (Monte) da Rivotti (27/09/18)
    Adami (Punta) da Pian della Mussa (24/09/18)
    Basei (Punta) dai Piani del Nivolet (10/09/18)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (28/08/18)
    Bellavarda (Uja di) da Lities (08/08/18)
    Bessanetto (Monte) da Pian della Mussa, Cresta OSO (04/08/18)
    Kurz (Punta) Via Normale dalla Diga di Place Moulin (31/07/18)
    Guide di Ayas (Rifugio) da Saint Jacques (17/07/18)
    Collerin (Monte) da Pian della Mussa (13/07/18)
    Palon (Monte) da Malciaussia per il Colle della Croce di Ferro (06/07/18)
    Pian Spigo (Punta) da Vonzo (27/03/18)
    Grifone (Punta di) da S.Antonio (26/03/18)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (05/03/18)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (01/03/18)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (26/02/18)
    Ometto (Passo dell') da Mondrone (20/02/18)
    Tovetto (Colle Nord del) da Balme (08/02/18)
    Cialma (la), Punta Cia da Carello (06/02/18)
    Cialma (la), Punta Cia da Carello (02/02/18)
    Pariate (Colle) da Balme (31/01/18)
    Ciarm del Prete da Tornetti (15/01/18)
    Plateau Rosa da Cervinia (18/10/17)
    Bellavarda (Uja di) da Chialamberto per l'Alpe della Paglia Inferiore (16/10/17)
    Bellavarda (Uja di) e Punta Marsè da Lities (25/05/17)
    Mangioire (Passo delle) da Balme per il Colletto Loson (22/05/17)
    Civrari (Monte, Punta della Croce) da Favella per la cresta Sud (17/05/17)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (16/05/17)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (15/05/17)
    Ghicet di Sea da Pian della Mussa (27/02/17)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (09/02/17)
    Tovetto (Colle Sud del) da Balme (04/02/17)
    Cordella (Testa) da parcheggio Flassin (24/01/17)
    Ombilic (l') da la Vachette (10/11/16)
    Plateau Rosa da Cervinia (07/11/16)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (31/10/16)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (01/07/16)
    Mondrone (Uja di) Via Normale da Molera (14/06/16)
    Violetta (Punta) dal Lago Serrù (30/05/16)
    Bessanetto (Monte) da Balme (16/05/16)
    Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II (12/04/16)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (05/12/15)
    Faraut (Monte) da Sant'Anna (18/11/15)
    Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II (04/11/15)
    Asgelas (Punta dell') o du Lac Gelè dalla strada per Dondena (23/10/15)
    Pers (Aiguille) da Pont de la Neige (14/10/15)
    Collerin (Monte) Cresta S-SO dal Passo Collerin (28/08/15)
    Ciamarella (Uja di) Via Normale da Pian della Mussa (03/08/15)
    Mondrone (Uja di) Via Normale da Molera (04/06/15)
    Breithorn Occidentale e Centrale da Cervinia (31/05/15)
    Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II (12/05/15)
    Adami (Punta) da Pian della Mussa (07/05/15)
    Carro (Cima del) da Chiapili di Sopra per il Vallone del Carro (20/04/15)
    Roisetta (Mont, Punta Sud) da Cheneil (16/04/15)
    Paschiet (Passo) da Cornetti (13/04/15)
    Tovetto (Colle Sud del) da Balme (11/04/15)
    Klein Matterhorn o Piccolo Cervino da Cervinia (19/03/15)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (10/03/15)
    Nera (Rocca) da Crissolo (26/02/15)
    Cialma (la), Punta Cia da Carello (08/02/15)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (05/02/15)
    Lusignetto (Punta) da Ala di Stura (22/01/15)
    Plateau Rosa da Cervinia (07/01/15)
    Ciarva (Rocca) da Balme e il Colle Battaglia (06/01/15)
    Pala Rusà (Punta) da Pian Benot (30/12/14)
    Gimont (Mont) o Grand Charvia da Monginevro (17/12/14)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (03/12/14)
    Gimont (Mont) o Grand Charvia da Monginevro (19/11/14)
    Bellavarda (Uja di) da Lities (14/11/14)
    Banchetta (Monte) da Sestriere Borgata (13/11/14)
    Castore Via Normale per il Rifugio Quintino Sella (30/08/14)
    Ciarva (Rocca) da Balme e il Colle Battaglia (01/01/70)