franz83


Le mie gite su gulliver

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada chiusa alla sbarra 1 km circa dopo Chianale
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Neve primaverile e continua, seguendo la strada, a partire dalla sbarra - ci saranno forse 10 m da fare su asfalto senza sci.
Neve ben trasformata, con il caldo di ieri, scendendo dopo mezzogiorno c'era un bel firn superficiale. A causa del vento dei giorni precedenti, la qualità del manto è variabile. Nelle combe, dove si è accumulata la neve, la superficie è bella liscia, dove invece ha lavorato il vento è più irregolare.
Gran bella gita, con il favoloso panorama sulla Ovest del Monviso, sembra quasi di toccarlo.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) asciutta
note su accesso stradale :: Si arriva a chialvetta
quota neve m :: 700
attrezzatura :: scialpinistica
Le condizioni generali (pericolo 4) impongono una generale attenzione, in ogni caso questo itinerario è sicurissimo. bellissimo innevamento, non metto 5 stelle solo perché questo tipo di neve risulta un po' lenta. ma comunque è una meraviglia affondare in tanta morbidezza.

dal colle, rocca la Meja e altopiano della Gardetta
Sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: visto cadere valanghe a pera
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: fresca (24-48 h) umida
note su accesso stradale :: Si parcheggia al paese
quota neve m :: 1400
attrezzatura :: scialpinistica
Oggi Albergian completamente vergine, nessun altro oltre a noi tre. La neve scesa ieri non è moltissima ma di qualità eccellente, veramente "canadese".
Attenzione: la neve di ieri posa in maniera non molto stabile sullo strato sottostante. Visto diversi distacchi spontanei, e anche noi ne abbiamo innescati un paio. Tutta roba molto piccola, vista la poca neve, e sostanzialmente innocua (lo spessore dei distacchi sarà arrivato si è no alle caviglie), ma fate attenzione
Attenzione 2: sulla parte finale della cresta, diversi lastroni da vento. Meglio avere i rampante, e anche qua badate a eventuali assestamenti del manto. Oggi non si è mosso niente, ma non si sa mai.
grandissimo Alessandro che si è battuto quasi 2/3 del tragitto!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Giornata favolosa, cielo azzurro e larici nel pieno dei loro colori autunnali. Itinerario tutto percorribile, si trova ancora parecchia neve, non molto profonda ma spesso gelata, nel tratto tra il Col Rastel e le Grange Torrette. Consigliate ghette e ramponcini da escursionismo, per chi teme di scivolare.

Pontechianale

Grange Route

Arrivo al colle Rastel

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Anche con le nuvole, i boschi risplendono dei colori autunnali. La Verna è un posto realmente mistico. Anche qui, consigliate le ghette per proteggersi dal fango.

La Verna nella nebbia

Salita al Passo dei Mandrioli

Nel bosco della Verna - 1
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Bellissimo itinerario, sentieri ottimamente mantenuti e segnati. Consigliato usare le ghette dopo le piogge, per evitare di infangarsi troppo nel bosco

Panorama dal Monte Penna

Discesa su Badia Prataglia
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Gita molto bella, fantastica luce autunnale e piacevolissimo sole.
Grazie Elisa per la compagnia!

Il costone prima della borgata Centenero

Dal primo punto panoramico, Roccia Agnelliera
sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: visto valanghe a pera esistenti
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
note su accesso stradale :: Strada aperta fin oltre Viviere
quota neve m. :: 1800
In basso, assenza di rigelo notturno, stamattina alle 630 c'erano 4 gradi. Da dove si parcheggia, si ha un quarto d'ora circa di portage, poi innevamento continuo e sufficientemente abbondante per non toccare pietre. Neve in generale trasformata. Al di sotto dei 2200 metri, causa rigelo quasi assente, in discesa era piuttosto morbida. Nella parte più alta, l'assenza di sole odierna non ha permesso un ammorbidimento uniforme e sufficiente del manto. Pertanto, in salita si sale sul duro (indispensabili i rampant nel canale finale), in discesa si alternano tratti di neve dura ad altri con crosticina non portante. Il canale oggi non era divertente, sembrava di sciare su una granita. Sicuramente, qualche ora di sole e caldo cambia notevolmente, in positivo, la situazione. Per chi vuole fare la crestina finale (che noi abbiamo evitato), necessari ramponi e piccozza.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile
neve (parte inferiore gita) :: primaverile
quota neve m :: 1700
attrezzatura :: scialpinistica
Sci ai piedi dalla partenza. Neve trasformata su tutto il percorso, coperta da uno strato di farina di pochi cm scesa nei giorni scorsi. Si arriva tranquillamente con le pelli fino in cima.
In discesa, nella prima parte ci sono parecchie pietre affioranti. Noi siamo scesi sci ai piedi, ma se si vuole tutelare solette e lamine, si può pensare di scendere i primi 100 m a piedi. Da lì in poi, condizioni eccellenti fino a quota 1900 circa. da qui in poi, occhio nuovamente alle pietre. quando stavamo scendendo noi, verso le 14, la neve cominciava ad essere sfondosa, in basso.
Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: polverosa
neve (parte inferiore gita) :: umida
quota neve m :: 1200
attrezzatura :: scialpinistica
Bellissima polvere nella parte superiore della gita, fino alle baite alte. Più in basso, in salita la neve era in trasformazione, mentre in discesa verso le 13 cominciava ad essere un po' pesante. Amplissimi spazi ancora vergini.
Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Asti (Sella d') da Chianale (11/03/17)
    Cassin (Bric) da Chialvetta (11/02/17)
    Albergian (Monte) da Soucheres Basses (29/01/17)
    Rastel (Col) da Maddalena, anello (31/10/16)
    Traversata delle Foreste Sacre Tappe 6-7: Badia Prataglia - La Verna (23/10/16)
    Traversata delle Foreste Sacre Tappa 5: Camaldoli - Badia Prataglia (22/10/16)
    Centenero e Caudano (Borgate) da Macra, per il sentiero dei Camosci (16/10/16)
    Oserot (Monte) da Chialvetta (16/04/16)
    Viso Mozzo da Pian della Regina (09/04/16)
    Sigaro (il) quota 2820 m da Valgrisenche (12/03/16)
    Pierre (Punta de la) da Daillet (13/02/16)
    Traversata delle Foreste Sacre Tappa 3: Castagno - Rif. Città di Forli (23/10/15)
    Roma (Punta) Via Normale da Pian del Re (20/06/15)
    Verde (Rocca) da Villaggio Primavera per il Passo Fonget (29/03/15)
    Lose (Cima delle) da Argentera (28/03/15)
    Liste (Cima delle) o Punta Gardetta da Indritti (28/02/15)
    Mindino (Bric) da Colla di Casotto (22/02/15)
    Viridio (Monte) da Chiappi (20/02/15)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (08/02/15)
    Rasciassa (Punta) da Meire Bigoire (24/01/15)
    Fraiteve (Rocce del) da Solomiac (18/01/15)
    Giobert (Monte) da Preit (12/04/14)
    Frioland (Monte) da Borgo Crissolo per la Costa Rasiss (30/03/14)
    Fraiteve (Rocce del) da Solomiac (01/02/14)
    Giassiez (Monte) o Giassez da Thures (12/01/14)
    Serre (Cima delle) da Martini (06/01/14)
    Cornet (Monte) da Ballatori (30/12/13)
    Tamone (Monte) da Gorrè (27/12/13)
    Mindino (Bric) da Colla di Casotto (23/12/13)
    Vers (Colle di) da Sant'Anna (07/12/13)
    Garitta Nuova (Testa di) da Danna (31/12/12)
    Creusa Orientale (Monte) da Limonetto (28/12/12)