fedeneg


Le mie gite su gulliver

sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
note su accesso stradale :: ok pian della Regina
quota neve m. :: 1900
Considerato il vento dei giorni scorsi, possiamo considerare questa gita un vero miracolo.
Nei valloni di accesso e sui pendii la neve è disastrata, e lo si nota parecchio al ritorno, ogni metro cambia.
Nei canali invece la situazione cambia incredibilmente e la neve diventa un crostone duro nel coulour Bianco ed una neve ventata ma abbastanza ben sciabile, mai crosta sfondosa, nel canale nord della Venezia.
Rigoletta che ogni tanto obbliga a sciare su stretti lenzuoli e 20 metri sommitali dove le tracce di Max di giovedì sono diventate delle sculture ghiacciate alte 2 spanne che, visto il poco spazio disponibile, ci hanno suggerito di mettere gli sci proprio una ventina di metri sotto il colletto.
Anche oggi ritrovo a pian della Regina di una dozzina di ripidisti malcontati...
L'avvicinamento automobilistico mi ha ricordato la canzone di Venditti "bomba o non bomba", un numero infinito di soste a caricare lungo il percorso prima Enrico a None, poi Max e Walter a Bagnolo, poi Danilo e Flavio a Paesana + bar, poi Davide e Alf sopra Crissolo, poi i mitici Fabio e Federica + canedell'Alpe Pintas, mitico agriturismo di pian dell'alpe... ma questa è un'altra storia...
Partenza a -15 verso pian del Re.
Lungo il percorso Max, Walter, Danilo e Flavio deviano per il coulour del Porco, noi altri entriamo in quello Bianco.
Poi con Davide e Alf entriamo nel canale nord della Venezia mentre il resto del gruppo prosegue sul coulour Bianco.
Viste le premesse, ottima giornata vissuta dentro a un freezer.


Fabio e cane sul coulour Bianco. Dove sarà Federica?

Enrico e Davide sotto l'uscita del coulour Bianco

Enrico, Alf e Davide, a sinistra il canale di punta Venezia. L'indecisione...

[visualizza gita completa]

sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta rigelo non portante
note su accesso stradale :: ok fino a pian della regina
quota neve m. :: 1700
Come prima gita, non male, tenendo anche conto che la schiena si è comportata bene, la neve è abbondante per la stagione e la compagnia torinese-cuneese-monregalese decisamente piacevole.
Essendo passati 12 cinghiali, il canale è arato come le piste non batutte che si incontrano in certi posti.
COnsiderare che in questa stagione si è come in frigorifero, pochi i punti al sole.
Ottima merenda a base di pane, salame e toma da veri merenderos, lungo la stradina sopra Crissolo.

il 2 Dita

il monviso

Giorgio, Enzo, Marilena e Enrico se la godono al colle

[visualizza gita completa]

Sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: primaverile/firn
neve (parte inferiore gita) :: primaverile/firn
quota neve m :: 2800
Bella discesa, nessun buco aperto, ma dov'è tutta la neve che si vedeva dalla pianura pochi giorni fa?
Qualche nuvola fin dal mattino presto, poi sempre più chiuso fino a non vedere nulla in punta (intorno a mezzogiorno).
Qualche breve schiarita ci lascia per lo meno vedere dove scendere.
Diluvio appena arrivati all'auto.
Oggi grandissima compagnia dei mitici Laurent Gallot, solo per oggi detto "Saunier Duval" in arte CERA, considerata la sconcertante differenza di passo rispetto al sottoscritto (ed un pochino anche rispetto al Guru), ed il Guru, in arte Enzo Ala.
Degna conclusione di stagione in trattoria con manicaretti locali innafiati dall'Enfern (o Ardent che dir si voglia).


sciabilità :: ***** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento dura
note su accesso stradale :: -
quota neve m. :: 1300
Discesa stupenda, praticamente a 2 passi dalla strada in compagnia di Andrea Bumbum Bormida.
Commento e ulteriori foto su
sciabilità :: **** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: recente leggera/asciutta
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento morbida
note su accesso stradale :: strada accessibile fino alla partenza
quota neve m. :: 1400
Ritrovo ufficiale ore 7 al bar della stazione a Bardonecchia. Questa volta con mia somma gioia è Walter ad aver dimenticato gli scarponi (non mi sento più solo) e con Max e Giulio arrivano all'alba delle 8. Enzo Cardonatti è caldo come un toro, ha già ripassato mentalmente tutte le discese della zona, Enrico, Andrea Bumbum ed il Guru cercano di tranquillizzarlo discendogli che fuori intanto è ancora buio.
Finito l'appello, parte il tormentone: dove si va? Walter vorrebbe andare in valle Rho per osservare un po' di roba interessante, Enzo Cardonatti è tutta la settimana che ha posizionato la foto del canale sud delle 4 Sorelle sullo sgabello del bagno, per me va bene tutto, Andrea ed il Guru mirano sornioni ad una delle poche discese quasi sicure, il canale della Blave.
Morale: Enzo Cardonatti ed Enrico Scagliotti verso le 4 Sorelle, noi altri verso la Blave.
Oltre le grande Rho la salita non è particolarmente bella, il motivo principale consiste nello studio di Max e Walter delle prelibatezze circostanti. L'ultima pietraia per arrivare alla Blave rende la salita ancora meno interessante, il cielo è ormai grigio pesante, speriamo tenga ancora un po'...
In cresta si mette anche il vento, alla selletta sulla costiera sotto la punta nera subito sci ai piedi e via. Primo tratto un po' più dritto e neve bella, farina non 00 ma sempre farina. Poi il canale volta lievemente e sia allarga, goduria di farina lievemente pressata fino al collegamento col canale della parete sud della punta nera. Poi nuova svolta a sud est, e neve pressata, crosta portante ogni tanto sfondosetta. Ma non male.
Eccoci nella forra. A Walter l'ambiente non piace molto, poco rassicurante con tutte quelle cascate e quei pendii sospesi sulla testa. io sono tranquillo, il posto lo conosco bene, difficile che oggi cada qualcosa.
Bella sciata nel canyon, poi qualche trigo per superare i salti di cemento (attenzione, sono belli alti!), e alla fine eccoci all'auto!
Merendina sinoira al Ciulin, nel frattempo arrivano anche Enzo ed Enrico dalle 4 Sorelle, anzi, no, dalla Gasparre, ma io devo fuggire a casa, per merenda sinoira, anzi, cena, con amici e bimbi vari.
Bella gita, la consiglio se l'innevamento rimane così e la temperatura resta bassa.

L'itinerario di discesa. Pallini grossi: i salti da aggirare.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Gran bella falesia, scalata molto varia e bella.
Il giorno di San Michele invazione delle pecore, capre e contadini che fanno ritorno a casa dalle montagne e, letterale detto da loro, "non rompergli troppo le balle perchè sono i padroni della montagna" (...!?...)
Ho inserito questa uscita per celebrare ufficialmente e degnamente il primo 7b di Eraldo, Mandela Day, eseguito in ottimo stile e senza rinvii piazzati.

Grande Eraldo!!!!!!!!
Giudizio Complessivo :: ** / ***** stelle
Quando le previsioni danno bello, anche se al mattino pioviggina bisogna essere ottimisti.
Quindi si parte.
Ritrovo col Guru alle 9 a Lanzo, alle 10 siamo operativi e combattivi nel vallone d'Arnas.
E' da due mesi che non muoviamo un passo, sarà un ottimo modo per riprendere a fare fiato e gambe.
Il cielo è pesantemente coperto, ma le previsioni danno bello.
Poco sopra il raccordo col sentiero di Margone entriamo nella nuvolaglia, visibilità minima. Sensazione di calore ed umidità a palla.
Al ponticello all'imbocco del vallone del rifugio faccio il primo cambio maglia, da strizzare.
Sotto il rifugio un ragazzo e una ragazza intirizziti ci dicono che su fa freddo, visibilità nulla, fate voi.
Al rifugio in effetti freschino e visto niente. Ma è appena passato mezzogiorno, magari in alto buchiamo le nuvole.
Proseguiamo ma sulla rampa per il lago le gambe iniziano a dare segni di legnosità. Ormai siamo di nuovo in piena nuvola. Iniziamo a temere che le previsioni non ci abbiano azzeccato.
100 metri sotto il colle dobbiamo mangiare, vista zero e gambe legnose e pesanti.
Ogni tanto incrociamo qualcuno che scende dalla punta.
Al colle vediamo un po' d'azzurro per la prima volta. In Francia il tempo non è male, ma la schifezza che sale dall'Italia spesso deborda dall'altra parte. Dal canale in su un passo avanti e due indietro, ormai siamo in stato pietoso. Ce la caviamo entro le 4 ore e trenta dall'auto, ma l'età, gli acciacchi e tutto il resto non fanno ben presagire per la discesa.
Che sarà un massacro, più della salita.
Arriviamo all'auto sempre immersi nella nebbia, ogni tanto gocciola, con le gambe che ci ricordano Fantozzi dopo la corsa ciclistica.


Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
tipo itinerario :: poco faticoso
tipo clima :: corretto
Sgambata serale con Luca Cellario, tipo da stare nei 100 alla stratorino. Lui corre seriamente, io arranco.
55':34", Luca molto carinamente mi sta dietro fino a 250 m dalla vetta raccontandomi 1000 storie e amenità mentre io non ho manco forza di aprire la bocca per dirgli che sono impossibilitato a rispondere: o respiro o gli rispondo (ma mi fermo).
Poi mi fa pena e gli consiglio di sfogarsi almeno l'ultimo pezzo, dove mi dà oltre 3 minuti in 250 m.
Una decina di anni fa impiegai 47', senza essere allenatissimo. A mio parere si può andare senza troppa difficoltà sotto i 45'. Se si è un po' allenati, come Luca...
sciabilità :: *** / ***** stelle
osservazioni :: nulla di rilevante
neve (parte superiore gita) :: crosta da vento dura
neve (parte inferiore gita) :: crosta da vento dura
note su accesso stradale :: fino alla sbarra sopra Chiapili di sopra - 1780 m.
quota neve m. :: 2000
Venerdì, primo round: con Andrea Bumbum e Diego Margiotta saliamo la via, fino ad un'ottantina di metri dalla punta. Poi di colpo avvolti da nuvola dell'impiegato, non più un metro di visibilità. Attesa di tre quarti d'ora sul traverso in alto, poi inizia a nevicare. Andrea telefona (prende!) alla diga Serrù chiedendo info sul tempo, gli dicono che tende al brutto. Fine dei giochi, coda tra le gambe e discesa a piedi nella nebbia e neve papposa come una granita.
Sabato, secondo round: Andrea Bumbum recluta Jerome e sequestra i documenti a Diego, che nonostante preferisca una gita trad deve fermarsi in valle per il tentativo buono.
Il tempo regge e fanno la discesa. Neve ghiacciata sotto un cm. di spolverata del giorno prima. Ma lascio il racconto ad Andrea. A fine gita Diego riottiene i documenti per poter guidare fino a casa.
Domenica, terzo round: come succede da qualche tempo, buona la seconda. Oggi siamo in 6, il sottoscritto, Enzo Cardonatti, Enzo Guru Ala, più Danilo Singer Giraudo, Mario "Mariuolo" Monaco ed il mitico surfer genovese Giorgio Bavastrello.
Ci ritroviamo tutti in cima alle 11, indecisi sul da farsi. La parete non è in condizioni spettacolari, noi avevamo ancora in testa le parole di Rinaldo Rovere, che la scese oltre 20 anni fa ed era un cupolone di neve. Apriamo le danze io ed il Singer, poi osserviamo gli altri scendere dla nevaio centrale. Neve durissima ma con buon grip, tranne i primi 20 metri in alto, crosta fetente molto ripida, direttamente sui salti di roccia... molta attenzione.
Neve ghiacciata e tutta grumolosa per la parte bassa, dove Giò si trova più a suo agio col suo tavolone che non noi con i 2 sci...
Ultimo traverso per evitare le roccette di base, e siamo tutti fuori.
Festeggiamenti prima alla macchima, con spumante, questa volta offerto da Mario, con cui il Guru oggi ha fatto ufficialmente amico.
Poi le danze sono proseguite al rifigio Muzio, con fiumi di polenta e carni locali.
Direi grande giornatona, con discesa di soddisfazione, straottima compagnia e con la primavera che nel dopogita rende tutto più piacevole.

la parete: in basso a sn il canale, e in alto la parete sommitale
sciabilità :: ***** / ***** stelle
Il versante ovest del Giusalet ce lo lumavamo da anni. Poi 3 anni fa il Guru ed io abbiamo deciso di unire le forze.
Primo tentativo a maggio 2004, abortito sotto una nevicata. La settimana successiva notte passata al Mestrallet, poi salita la parete. Ma il sole non scalda, un vento forte da ovest sfersa la parete e la neve resta ghiacciata. Discesa dal pendio nord.
La scorsa domenica nuovo assedio alla parete. Il Guru porta un po' di forestieri (Andrea Bumbum, Mario Monaco e Marilena) ad ubriacarsi e a dormire al Mestrallet, mentre io e Giorgio Bavastrello dormiamo in auto a Planay e ce la facciamo in giornata. Giorgio senza ramponie Marilena salgono dalla nord mentre noi dalla ovest. In punta ci ritroviamo con Enzo Cardonatti, Enrico Scagliotti e Andrea Schenone, mito di Genova.
Giorno di nuvole basse e nebbie che non si stacano dalla parete. Solo Mario Monaco scende, facendo la prima della parete e creando turbe psicologiche mica da ridere ad Enzo Guru Ala, feudatario della zona, che per tutta la settimana affila lamine e medita vendetta...
Oggi mi è toccato accompagnarlo, ma questa volta siamo partiti dal lato italiano. Alla partenza c'erano anche Luca Savoja, Alberto Chiesa e Dustin, l'amico maratoneta.
In poco più di 4 ore eravamo in punta.
10 cm di zucchero su fondo ghiacciato, ecco la ovest oggi. Partiti dalla punta, aggirata la strozzatra, poco sciabile, lungo un pendio parallelo molto esposto. Canale in super condizioni, anche grazie alle lamine ultra tirate.
Nella parte bassa qualche litigio con la cengia da seguire (cannata un paio di volte, con tanto di scalettate su neve marcia), ma alla fine individuata quella giusta e... urlo liberatorio del Guru che per poco non fa cadere i due malcapitati che stavano scendendo lo scivolo NE dei denti d'Ambin.
Ritorno eterno per riagganciare il lago bianco e la via normale fino alla diga. Alla macchina evitando al pelo temporale pomeridiano.
Luca Savoja & C, hanno sceso la variante Joseph della nord del Giusalet. A vedere le curve lasciate nella farina sembra si siano divertiti parecchio...

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Venezia (Punta) Canale N (23/11/08)
    Due Dita (Passo) Canale NE (16/11/08)
    Breithorn Occidentale da Cervinia (20/07/08)
    Sueur (Rocce della) Canale della Grotta (31/12/07)
    Nera (Punta) Canale ad angolo (27/12/07)
    Curnalet (Bec, Falesia del) (30/09/07)
    Croce Rossa (Punta) dal Vallone d'Arnas o da Margone per il Rifugio Cibrario (16/09/07)
    Rossa (Guglia) dal Colle della Scala (28/07/07)
    Uia (Punta dell') parete NO, variante del canale (29/04/07)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery parete ovest - La riscossa del feudatario (22/04/07)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery Canale Nord (15/04/07)
    Bellagarda (Punta) Canale effimero di Pasquetta (09/04/07)
    Blonniere Etale Combe à marion grande boucle (02/04/07)
    Bertrand (Tete de) Pente de la Jaline - couloir en S di destra (18/03/07)
    Tardevant parete NE (11/03/07)
    Le Pounzenc Versante sud est (04/02/07)
    Panestrel (Pic de) Couloir est (21/01/07)
    Nigro (Rocca del) canale ENE (14/01/07)
    Trois Evechés (Pic des) couloir NO (30/12/06)
    Trois Evechés (Pic des) couloir NO (23/12/06)
    Gran Bagna Couloir Nord (17/12/06)
    SASP (19/11/06)
    SASP (18/11/06)
    Falesia di Luca (29/10/06)
    Falaise de Fessourier (03/09/06)
    Roma (Punta) Ti Punch (23/08/06)
    Nera (Rocca) Parete Nera (18/08/06)
    Paroi de la Grotte (Falesia) (14/08/06)
    Ambin (Denti d') - Nodo di Confine Couloir Purtscheller (14/06/06)
    Palon (Monte) Canale Nord (25/05/06)
    Palon (Monte) Canale Nord (25/05/06)
    Palon (Monte) Canale Nord (25/05/06)
    Arberon (Colle d') dal Refuge d'Averole (21/05/06)
    Monviso Parete Sud e Canale Barracco (01/05/06)
    Pignes (Pointe des ), anticima NE parete NE, Il lungo cammino (23/04/06)
    Charrà (Punta) versante N (08/04/06)
    Rognosa del Sestriere (Punta) Parete Est (26/03/06)
    Antoroto (Monte) canale NE (09/03/06)
    Antoroto (Monte) canale NE (09/03/06)
    Barracco (Punta) giro con discesa dal Passo delle Sagnette (11/02/06)
    Vieux (Téte de) Canale centrale - L'ultima zampata del Teresio (22/01/06)
    Grand Charnier d'Allevard canale O - voie Dory (14/01/06)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (06/01/06)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (05/01/06)
    Due Dita (Passo) Canale NE (26/12/05)
    Due Dita (Passo) Canale NE (26/12/05)
    Michelis (Punta) Couloir dar Goulhoun (18/12/05)
    Michelis (Punta) Couloir dar Goulhoun (18/12/05)
    Porco (Canalone del) dal Pian della Regina (04/12/05)
    Monviso, parete N quota 3530 m Canale Coolidge inf. + Canale Perotti (18/11/05)
    Rognosa del Sestriere (Punta) Canale e Parete NO (29/10/05)
    Ramière (Punta) o Bric Froid diretta Versante Nord (22/10/05)
    Ramière (Punta) o Bric Froid diretta Versante Nord (22/10/05)
    Taillante (Crete de la) Cima N versante O (15/10/05)
    Taillante (Crete de la) Cima N versante O (15/10/05)
    Taillante (Crete de la) Cima N versante O (15/10/05)
    Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II (09/10/05)
    Velan (Mont) canale Asdrubal (05/06/05)
    Bramanette (Costiera) o Longe Cote Parete Nord (21/05/05)
    Pierre Menue o Aiguille de Scolette canale-versante ENE (15/05/05)
    Chapeau (Pas du) Couloir du cote longue (08/05/05)
    Ciardonei (Bocchetta settentrionale di) canale O (06/05/05)
    Frioland (Monte) parete E (28/04/05)
    Chalanson (Punta) da Pian della Mussa (14/04/05)
    Grand Mont Cenis (Signal du) Couloir N (03/04/05)
    Arbancie del Pra Superiore Canale est (20/02/05)
    Aquila (Becco dell') Versante est (13/02/05)
    Aquila (Becco dell') Versante est (13/02/05)
    Rimà (Testa) da Diga di Rio Freddo (29/01/05)
    Las Blancias (Cima) Quota 2800 cresta Panieris Canale ENE, Eternit (09/01/05)
    Bussaia (Monte) Canalino Nord (06/01/05)
    Crocetta (Cima della) Canale Nord (02/01/05)
    Crocetta (Cima della) Canale Nord (02/01/05)
    Crocetta (Cima della) Canale Nord (02/01/05)
    Ghinivert (Bric) Canale SE (12/12/04)
    Argentiere (Aiguille d') Couloir nord est (05/12/04)
    Argentiere (Aiguille d') Couloir nord est (05/12/04)
    Roussa (Colle della) da Coazze (27/09/04)
    Rocciamelone da Foresto (04/09/04)
    Grand Galibier (le) Couloir de la Clapiere (12/07/04)
    Grand Galibier (le) Couloir de la Clapiere (10/07/04)
    Grand Galibier (le) Couloir de la Clapiere (10/07/04)
    Ciantiplagna (Cima) - Monte Genevris da Mentoulles, giro per il Colle dell'Assietta (03/07/04)
    Ambin (Rocca d') versante nord, via diretta (30/05/04)
    Ambin (Rocca d') versante nord, via diretta (30/05/04)
    Ambin (Rocca d') versante nord, via diretta (30/05/04)
    Ambin (Rocca d') versante nord, via diretta (30/05/04)
    Niblè (Monte) Canale Sud dal Passo Clopaca (04/04/04)
    Palavas (Monte) o Tete du Pelvas Cresta Est e Canale Clot Lapierre (30/03/04)
    Palavas (Monte) o Tete du Pelvas Cresta Est e Canale Clot Lapierre (30/03/04)
    Palavas (Monte) o Tete du Pelvas Cresta Est e Canale Clot Lapierre (28/03/04)
    Chaberton (Monte) Versante O - Canale Diretto (21/03/04)
    Pelvo di Fenestrelle (Monte) Versante SSE (Comba delle Cialme) (07/03/04)
    Pelvo di Fenestrelle (Monte) Versante SSE (Comba delle Cialme) (07/03/04)
    Lunella (Punta) Canale SE (29/02/04)
    Seguret (Monte) Canale Est (15/02/04)
    Seguret (Monte) Canale Est (12/02/04)
    Ciantiplagna (Cima) versante SE - via della fucilata (08/02/04)
    Ciantiplagna (Cima) versante SE - via della fucilata (08/02/04)
    Vallonetto (Monte del) Canale N (24/01/04)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (05/01/04)
    Sueur (Cima della) Canale Sud - Ravin de la Casse (14/12/03)
    Fallets (Pointe des) Couloir Nord (24/05/03)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes (18/05/03)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery versante nord, variante Joseph (15/05/03)
    Giusalet o Ciusalet (Monte) o Signal du Clery Canale Nord (11/05/03)
    Lamet (Pointe du) da Plan des Fontainettes (03/05/03)
    Baldassarre (Punta) dalla Valle Stretta per il Colle Bernauda (23/03/03)
    Baldassarre (Punta) dalla Valle Stretta per il Colle Bernauda (23/03/03)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (09/03/03)
    Mezzodì (Guglia del) canalino NE (09/03/03)