Ascoltare i consigli dei gestori dei rifugi... meglio no!

Sezione dedicata a quelle sane chiacchere da bar davanti a una buona birra (o caffè).
Ho letto la relazione del 09/07/2017 relativa alla salita al Monte Bego e, sono rimasto allibito. Liberi di non seguire alla lettera i consigli del gestore ma anche scriverlo...
Ma forse non ha mica tutti i torti. Nella mia più che quarantennale "carriera" escursionistica ho raccolto molti consigli sbagliati o fumosi dei gestori
Uno per tutti, che ho sempre impresso nella mente, fu tanti anni fa al Sella per tentare il Monviso.
Non è che ne sapessimo molto di montagna, e quindi chiesi al mitico Hervè Tranchero qualche buona indicazione sull'itinerario da seguire (eravamo quasi fuori stagione e nessun altro saliva).
Mi disse, testuali parole :
"Oh si sale, un po' qui , un po' là , si va su"
E basta....
Al ritorno, visto che eravamo saliti solo noi, mi preoccupai di avvisarlo che era andato tutto bene.
Stava leggendo il giornale. Senza nemmeno guardarmi disse "Bene...." Fine.
E' vero quello che scrivi perchè, nel caso da te citato, bisogna conoscere il personaggio!
La mia rimane comunque una sensazione di disappunto riferendomi alla relazione del Monte Bego viste le conseguenze di cui spesso dobbiamo prendere atto. Non ultimo l'articolo su La Stampa "Il Caso" a firma di Enrico Martinet
La mia rimane comunque una sensazione di disappunto riferendomi alla relazione del Monte Bego viste le conseguenze di cui spesso dobbiamo prendere atto. Non ultimo l'articolo su La Stampa "Il Caso" a firma di Enrico Martinet
Verissimo. Anzi posto il link dell'articolo, che , pur nei suoi limiti giornalistici, è piuttosto interessante (e anche deprimente...)
http://www.lastampa.it/2017/07/11/socie ... agina.html

Però parecchie volte mi è capitato di chiedere informazioni ai gestori e di ottenerne di errate, tipo quella volta che il gestore del Gastaldi mi assicurò che per la normale della Bessanese era tutto pulito, senza neve o ghiaccio.
Infatti appena arrivammo al Collerin d'Arnas scoprimmo che era una pista da pattinaggio...
Al ritorno, alle nostre recriminazioni, il gestore mi confessò candidamente che le sue informazioni risalivano a un mese prima, perchè dopo non era più salito nessuno da lì.
E' vero quello che scrivi perchè, nel caso da te citato, bisogna conoscere il personaggio!
La mia rimane comunque una sensazione di disappunto riferendomi alla relazione del Monte Bego viste le conseguenze di cui spesso dobbiamo prendere atto. Non ultimo l'articolo su La Stampa "Il Caso" a firma di Enrico Martinet
Premesso che non conosco il gulliveriano in questione (a cui forse faresti meglio a inviare un messaggio privato per avvertirlo del trattamento che gli stai riservando sul forum, dandogli almeno la possibilità di difendersi), francamente non mi sento di condividere questa tua fede talebana nei rifugisti. Mi è capitato di incontrare "capanatt" altamente preparati e disponibili come pure gente che non sapeva neanche i nomi delle montagne dei dintorni. In alcuni casi le indicazioni sulle condizioni si sono rivelate completamente errate o fuorvianti, come nel caso di due miei amici a cui veniva assicurato che una ferrata era sgombra di neve e che se ne ritrovano venti centimetri all'attacco (ramponi ovviamente lasciati a casa e salita portata a casa lo stesso, con difficoltà nettamente superiori al previsto).

Scusami ma paragonare una persona di cui non si conoscono capacità tecniche e di valutazione dei rischi ai casi citati nell'articolo mi sembra piuttosto scorretto.
Credo che a tutti sia capitato di imbattersi in rifugisti "poco preparati".
Ricordo bene come mi venisse descritta da un gestore difficile e sconsigliabile una salita che, per fortuna, un altro gestore ha ridimensionato. Non banale, d'accordo, ma da lì a dire "lasciate perdere", ne corre.
Questo tutto sommato sarebbe ancora il male minore (non fai la salita, amen): la cosa che mi sconcerta è chiedere le condizioni (sto a n-mila km, cosa vuoi che ne sappia della cresta che vedi dal tuo rifugio?) e sentirmi dire "ottime" quando non lo sono.
Così come vengono giustamente pubblicamente lodati i rifugisti che forniscono informazioni preziose, mi sembra lecito dire che di qualcuno, forse, non ci si può fidare più di tanto...
a proposito dell' articolo della stampa...
conoscevo bene luca: sono molto triste perchè ci ha abbandonati troppo presto
poco tempo fa, in occasione dei campionati italiani di corsa in montagna, mi ha parlato molto dei suoi progetti e delle sue imprese
non era uno sprovveduto, ponderava seriamente prima di decidere di fare qualcosa
amava la montagna ed era assolutamente a conoscenza dei rischi che si possono correre frequentandola...
non ho scritto niente qui prima di ora perchè sapevo che di sicuro qualcuno avrebbe trovato da dire, magari senza conoscere come sono andati i fatti
i giornalisti, visto lo speciale ruolo che hanno, dovrebbero parlare solo dopo essersi informati, e soprattutto relazionare solo quando sono a conoscenza di come sono avvenute realmente le cose, in special modo in situazioni delicate come queste
invece l' informazione che riceviamo dai giornali, purtroppo, molte volte si presenta inesatta e, in qualche caso, ferisce in modo pesante
Lo noto quando leggo qualche articolo che riguarda situazioni che conosco bene: mi viene da pensare che anche in altri casi la grossolanità e il pressappochismo la facciano da padrone
Trovare rifugisti impreparati e totalmente ignoranti sui percorsi è capitato a qualsiasi persona che fa abitualmente montagna.
Riguardo l'articolo su "la Stampa" dove è citato l'alpinista padovano tuttora disperso sul Breithorn:
Gianfranco Toso era accompagnatore di gite del cai di Padova, persona tutt'altro che imprudente e sprovveduta.
Il compagno con cui era assieme non si è sentito di fare la salita ed è tornato al rifugio.
L'incidente sembra ormai assicurato, è stato dovuto a un distacco della cresta nevosa.
Quindi un fatto puramente imprevedibile. Non che sono andati in 2 per fare ognuno una solitaria!
Si fa tanto presto a scrivere delle notizie infondate sui giornali pur di vendere.
In totale ci sono 0 utenti connessi :: 0 registrati, 0 nascosti e 0 ospiti (basato sugli utenti attivi negli ultimi 5 minuti)
Record di utenti connessi: 58 registrato il dom 2 lug 2017, 19:50

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti